Jump to content

Openjobmetis Varese 81 - Betland Capo d'Orlando 82


Nicolò Cavalli
 Share

Un primo tempo in cui Varese si fa prendere in testa 25 rimbalzi (contro 12) e non indovina un accoppiamento difensivo, un terzo quarto condotto con il terrore negli occhi e la nebbia nella mente, una reazione vivida sprecata nel momento topico di una serata di infiniti rimpianti (un dato su tutti, il 19/28 dalla lunetta). Questa la [i]summa[/i] – nel senso di riassunto, ma anche di [i]iniuria[/i] – di una gara mal preparata da Moretti e bucata tremendamente da alcuni interpreti (Wayns). Una partita che, senza scaramanzia alcuna, temiamo verrà raccontata tra qualche mese per descrivere la discesa verso gli inferi della Lega Due.
 
[i][b]Chi ha scritto la sceneggiatura? [/b][/i]In un avvio di gara con modestissimo livello tecnico e agonistico, sono i veterani di Capo d'Orlando, Bowers e Jasaitis, a produrre il primo allungo (5-8). Moretti richiama in panchina l'esordiente Wright, artefice di qualche forzatura e in vistoso ritardo di condizione, trovando dagli altri attori in campo una recitazione da [i]b-movie [/i]resa ancor più grottesca, nei ranghi avversari, dalla schiacciata mancata da Oriakhi. Cinque punti di polpastrello di Kangur, uno che quanto meno ha calcato palcoscenici di vera pallacanestro, e sette di Boatright, campione NCAA 2014, ridanno dignità alla partita in concomitanza della prima pausa: 15 pari, ma il copione è da cestinare.
 
[i][b]Monologo di Boatright. [/b][/i]La girandola di cambi biancorossa, utile soltanto a lasciare il solito numero 11 ospite libero di martellare da ogni posizione (deliziosa la tripla del 17-24), richiama la proprietà di matematica elementare per cui cambiando l'ordine degli addendi, il risultato non cambia: affanno, approssimazione, paura. Due conclusioni pesanti di Faye e il primo squillo di Wright – 26-28 a metà periodo – non fanno il paio con la dovuta attenzione difensiva e nel presidio dei tabelloni: perfino il baby Laquintana assume i galloni del leader trascinando la Betland alla doppia cifra di vantaggio. Una rubata, convertita in affondo al ferro, di Ferrero riscalda l'ugola dei fedelissimi di Masnago, eppure i ragazzi di Di Carlo procedono imperterriti (ventello di Boatright e dardo di Ilievski) prima dell'entrata di [i]Momo [/i]per il 38-43 della pausa lunga.
 
[i][b]Un coro di balbettii. [/b][/i]La zona morettiana di inizio ripresa fa sudare l'Orlandina, comunque abile a scrollarsi di dosso le ragnatele con il ciuffo di Bowers, mentre sul fronte offensivo il piatto prealpino continua a piangere lacrime amare. Il metro arbitrale scontenta un po' tutti, mentre le polveri bagnate di Varese (nel periodo, 0/5 dall'arco e 6/11 dalla lunetta) regalano un largo sorriso alla diligente banda messinese: 45-52. Il migliore siparietto arriva dalla panchina biancoblu, dove un Di Carlo fin troppo nervoso viene calmato da Basile, ultimo panda della generazione d'oro del basket nostrano. Sbaglia e sbaglia ancora, la Betland crea alla fine il solco con Boatright e Bowers: raccapricciante che lo staff di casa si rifugi nel time-out quando la grandine ha già partorito il 49-60, gap replicato all'ultimo riposo (54-65).
 
[i][b]Beffa meritata. [/b][/i]Due triple di Kuksiks, innescate dalla forza della disperazione più che da schemi ponderati, e tre canestri di pura rabbia di Ferrero rimettono sui binari dell'equilibrio (68-71) una gara deragliata, poche stazioni prima, in concomitanza del meno tredici del minuto '32. La furia cieca dell'OJM, in vantaggio dopo un'eternità sul 73-71 grazie a una magata di Kangur, viene placata dalla retina arsa dalla lunga da Jasaitis. Varese macina finalmente gioco e orgoglio, trovandosi coesa con il peggior Wayns della stagione messo a sedere, così da una stoppata di Davies nasce la spinta propulsiva per il 78-74. Capo d'Orlando non molla un millimetro (4/4 dalla linea della carità), il ferro rifiuta il canestro di Wright che avrebbe significato vittoria, Jasaitis timbra i liberi dell'81-80. Moretti, dopo il minuto di sospensione, consegna la palla al nuovo arrivato, il quale utilizza male tempi e spaziature. Ecco allora il furetto Boatright incunearsi nell'area avversaria, nascondere la palla, farla riapparire nel cesto ammutolendo i 3700 di Masnago. Punti numero 30 e 31 per il soldato Ryan, come a dire che gli acquisti azzeccati in corsa decideranno la permanenza nella massima serie. Torino ha aggiunto Dyson al [i]roster[/i], Pesaro Daye, Capo d'orlando Boatright, Varese ha tenuto Galloway in squadra fino a febbraio. A voi le considerazioni...
 
Immaginatevi il classico finale da film americano, con il protagonista impegnato nel disperato tentativo di saltare sul treno lanciato a tutta velocità. Varese prova ad allungarsi fino alla maniglia. Mancano pochi centimetri ma la presa non è sufficientemente salda. E rotola via, nelle lande impolverate della mestizia e dei timori. Due partite di Fiba Cup, inutile ingombro ma auspichiamo valvola di sfogo, prima di giocarsi la stagione all'ombra della Mole. Una sconfitta a Torino vorrebbe dire, questa vola per davvero, retrocessione.

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...