Jump to content
Sign in to follow this  

Quando i soldi dei tifosi comprano Wells e Ferrero


simon89

Duecentododicimila euro. In numeri forse fa più scena: 212.000 euro.

È quanto versato dall’associazione dei tifosi “Il Basket siamo Noi” nelle casse della Pallacanestro Varese, della quale è proprietaria al 5%, dalla fondazione dell’estate 2016 a oggi. Per chi ancora ritiene l’idea avuta un anno e spiccioli fa da un manipolo di “malati” di biancorosso qualcosa di poco definito o persino poco utile, quelle sei cifre messe una in fila all’altra a quantificare materialmente l’apporto dei “supporter al potere” possono dare l’ennesima spiegazione.

Duecentododicimila euro sono, giusto per intendersi in una dimensione ancora più materiale, il salario annuale (netto) di Cameron Wells più quello di Giancarlo Ferrero più altri “spicci”.

E sono i proventi della quota associativa annuale versata al Trust dai 534 soci iscritti, sommati al contributo che alcuni membri hanno voluto donare a titolo personale ben oltre la stessa iscrizione e a quanto ricavato da alcune attività associative (tra le altre la serata organizzata con Bob Morse). Non è compresa, invece, la somma utilizzata per comprare le quote societarie (prima l’1%, poi il 5%) .

Basta poco per far volare la mente allora: quanto si potrebbe raggiungere se gli aderenti a Il Basket siamo Noi arrivassero alla fatidica soglia dei 1000, auspicata per esempio da Toto Bulgheroni (uno dei soci fondatori) nei giorni successivi alla promozione dell’iniziativa?

L’occasione allestita per rendere nota la nuova e importante convenzione con il Centro Diagnostico Varesino (50% di sconto per gli aderenti al Trust su diversi esami di prevenzione medica) è valso anche a fare un bilancio dell’attività dell’associazione, alla presenza del presidente Luca Thomas Villa, del segretario Antonio Caputo, del responsabile marketing Renato Vagaggini e della “Voce” de Il Basket siamo Noi Benedetta Lodolini.

Dei 534 associati (alcuni residenti anche in altre regioni italiane e addirittura all’estero) si è già scritto: l’insieme comprende sia coloro che hanno rinnovato l’appartenza dopo la prima stagione, sia coloro che hanno sposato la causa negli ultimi mesi. Tanto ha fatto in tal senso l’accordo stretto proprio con Pallacanestro Varese per la campagna abbonamenti 2017/2018. E qualcosa stanno facendo anche le vittorie ottenute dalla squadra di Attilio Caja, formidabili generatrici di entusiasmo a 360°.

Il futuro è ricco. Il 31 dicembre scadranno le cariche associative: nei primi mesi del prossimo anno, quindi, l’assemblea generale eleggerà il nuovo direttivo, che sarà formato da 3 soci gold, 3 silver e 3 fondatori.

Poi ci saranno le serate aperte a tutti i soci (la prima in programma servirà a presentare in anteprima il nuovo cubo del PalA2A, che verrà allestito durante la pausa della serie A tra il 19 novembre e il 3 dicembre), le trasferte (si sta già pensando a quella di Reggio Emilia) e nuove convenzioni per regalare ulteriori vantaggi a chi ha deciso di essere parte di quel “Noi”. Perché non è solo basket: «È senso di appartenenza».

Fabio Gandini

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Member Statistics

    1,329
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Galeno
    Newest Member
    Galeno
    Joined
×