Jump to content

Questa Varese in Europa c'è da "turista per caso"


simon89
 Share

L'Openjobmetis cola a picco anche in Turchia e dice virtualmente addio alla Champions League. Nella sfida sul fondo classifica del girone C tra due squadre in crisi profonda (anche Usak aveva perso 7 delle 8 gare precedenti), Varese finisce travolta per la terza volta consecutiva (meno 90 tra Lituania, Lettonia e Turchia) sotto i colpi del talento cristallino di Lyons (12/19 dal campo e 6 assist in soli 23') e le folate del potente Harrison (9/16 al tiro). Il copione è quello già visto troppe volte nelle ultime uscite tra Italia e in Europa: la partenza della squadra di Moretti era stata promettente, spingendo in campo aperto per il 10-17 del 9 complice il pessimo 1/14 dal campo iniziale di turchi. Appena però il ritmo è calato, Varese ha iniziato a boccheggiare, producendo un desolante secondo quarto da 9 punti con 4/17 dal campo e un 1/7 ai liberi della frazione a certificare lo psicodramma generale.

Così all'Usak è bastato spingere per affondare i colpi con un terrificante 25-2 a cavallo tra secondo e terzo quarto (dal 27-26 del 17'al 52-28 del 24'). E oltre a un attacco senza guida in regia (fallita anche la prova d'appello per Maynor) né terminali sicuri (mani gelide per Evenga e Johnson a segno solo a partita archiviata), e mancata una difesa mai in grado di fermare le punte avversarie (costante la difficoltà sui penetratori, altro problema legato a Maynor). Poi Varese, affidandosi all'esperienza di Bulleri (e alla grinta di Ferrero, ha anche provato a rimettere in discussione il match limando sul 64-54 del 33'. Ma appena l'attacco ha smesso di eseguire, la mancanza di un punto di riferimento sicuro ha fatto pagare ogni forzatura (42% da 2, 3/23 da 3 e pure un pessimo 13/26 ai liberi); al contrario l'Usak si è affidata alle sue punte Lyons ed Harrison per chiudere rapidamente i conti (77-57 al 36') e lasciare solitaria Varese sul fondo della classifica del girone C.

Da quando è iniziata la competizione europea, la formazione biancorossa ha manifestato un progressivo peggioramento delle prestazioni fino al crollo verticale delle ultime settimane (5 stop consecutivi in Europa, 8 nelle ultime 9 gare). La coppa ha amplificato l'effetto, mettendo a nudo impietosamente i limiti strutturali di assortimento del roster, che già si intravedevano dopo il tracollo di Klaipeda, e ora sono acclarati in tutta la loro evidenza generando una spirale di sconfìtte in fotocopia. «Follia è continuare a fare sempre la stessa cosa, aspettandosi risultati diversi»: il tweet post-Brescia di O.D. Anosike - citazione attribuita ad Albert Einstein - fotografa perfettamente la situazione: i problemi sono sotto gli occhi di tutti, proseguire su una strada sbagliata - anche se da 10 giorni la società è attiva sul mercato, e l'auspicio è che qualcosa possa muoversi - rischia di acuire ulteriormente un circolo vizioso che senza (almeno) un correttivo sostanziale in tempi rapidi rischia di travolgere tutto e tutti.

Giuseppe Sciascia

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...