Jump to content

Ripartire dalle conferme con alcuni correttivi


simon89
 Share

[size=4][color=rgb(0,0,0)][font='Times New Roman']Nove vittorie su 13 partite in meno di 2 mesi, per passare dall'incubo retrocessione post tonfo interno contro Capo d'Orlando al doppio hurrà per il doppio traguardo Final Four e salvezza tagliati a braccia alzate negli ultimi 4 giorni. Otto delle quali ottenute al PalaWhirlpool, con l'unica eccezione - peraltro decisiva - dell'impresa di Torino, ritrovando a poco a poco il feeling con il pubblico a dispetto dell'assenza di una stella in grado di rubare l'occhio del tifoso.[/font][/color][/size]
 
[size=4][color=rgb(0,0,0)][font='Times New Roman']I biancorossi praticano un gioco basato su condivisione di responsabilità e geometrie, lontanissimo dal basket champagne tutto atletismo, energia ed esplosività degli "Indimenticabili". Ma trovare con merito (e un pizzico di fortuna) la chimica da un gruppo costruito ex novo è impresa quasi irripetibile, come società ed ambiente hanno imparato a loro spese nell'ultimo triennio. Mentre l'identità marcata della Varese 2.0 ha saputo restituire ai tifosi il piacere di venire a Masnago per assistere ad uno spettacolo coinvolgente: è la somma delle qualità dei singoli all'interno di un sistema sempre più efficace col passare delle settimane il vero valore aggiunto dell'attuale Openjobmetis. [/font][/color][/size]
 
[size=4][color=rgb(0,0,0)][font='Times New Roman']Se la scorsa estate si è sbagliato (tanto) nel costruire una squadra basata su "americanini" di supposto talento ma con zero esperienza italiana, va anche dato il giusto credito a chi ha saputo correggere (bene) azzeccando tutte le mosse "riparatone"per mettere a disposizione di coach Moretti un gruppo più adatto al suo modo di lavorare in palestra e intendere il basket. Proprio per questo è importante dare continuità al gruppo attuale, lavorando sulle conferme con qualche correttivo (in parte doveroso, in parte obbligato) nei punti nevralgici. Raggiunta non senza affanni una chimica funzionante a livello tecnico e caratteriale, sarebbe un azzardo pericoloso inseguire la luna nel pozzo nel mare magnum delle Summer Leagues anziché ripartire da uno zoccolo duro di 5 o 6 conferme.[/font][/color][/size]
 
[size=4][color=rgb(0,0,0)][font='Times New Roman']Ma i due obiettivi raggiunti grazie al brillante filotto casalingo debbono essere un punto di partenza e non di arrivo per provare a regalarsi un finale di stagione da protagonisti: delle ultime 5 gare sul calendario soltanto una - fra due settimane contro la capolista Reggio Emilia - è in programma nella fortezza Masnago. Per tenere accesa la speranza di una clamorosa rimonta playoff e non fare solo da comparsa alle Final Four di Chalon servirà un ultimo salto di qualità anche nel rendimento esterno: missione difficile ma non impossibile per un gruppo con chiari limiti, ma anche un carattere forte capace di far ricredere a forza di risultati chi la sera del 14 febbraio indicava Varese come la maggior candidata alla retrocessione.[/font][/color][/size]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...