Jump to content
Sign in to follow this  

Un capolavoro per riprendere colore


pxg14

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]L'Openjobmetis cerca l'impresa contro la terza forza Venezia per ridare entusiasmo ai tifosi di Masnago. Stasera al PalaWhirpool (palla a due alle 18.15) i biancorossi proveranno a interrompere un digiuno casalingo lungo due mesi (ultimo hurrà interno il 14 dicembre contro Bologna). Il gustoso duello in panchina tra Gianmarco Pozzecco e Carlo Recalcati (il coach dei Roosters della Stella e dell'Italbasket di Atene 2004, i due punti più alti della carriera dell'ex Mosca Atomica) passerà in secondo piano rispetto al peso specifico della posta in palio per una Varese affamata di riscatto dopo un ciclo negativo di 6 sconfitte nelle ultime 7 gare. Se domenica scorsa a Reggio Emilia i biancorossi - privi di Diawara e virtualmente anche di Eyenga - hanno toccato il picco negativo dell'emergenza infortuni dell'ultimo mese, il clima positivo di una settimana di allenamenti a pieno regime fa ben sperare coach Poz sulla possibilità di vedere all'opera la vera Varese. Che in attesa della pausa per la Coppa Italia, fondamentale per completare il recupero di Kangur e l'integrazione di Maynor oltre a reinserire Diawara, confida nell'impatto dell'ultimo arrivato Jefferson per dare sostanza sotto le plance. Riuscirà l'agile ma leggero pivot prelevato dall'A2 Gold di Mantova a dare quell'energia e quella presenza difensiva che il suo predecessore Daniel non era mai riuscito a garantire? Le caratteristiche del centro statunitense calzano a pennello con le necessità tecniche dell'Openjobmetis; tutto sta a capire se Jefferson riuscirà a digerire in fretta il salto di categoria, pur contro un'avversaria dal tonnellaggio limitato come Venezia. [/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]

E se i biancorossi riuscissero a recuperare in extremis Diawara? Ieri l'ala francese ha svolto l'allenamento completo pur senza gli occhiali protettivi speciali che debbono arrivare dagli Usa; toccherà a Pozzecco decidere dopo la rifinitura di stamane se portare a referto l'ex di turno (con un'autonomia limitata a qualche minuto), oppure affidarsi a Stan Okoye. Certo il rientro anticipato del bomber biancorosso potrebbe dare ulteriore spinta ad un PalaWhirlpool che si annuncia caliente (con tanto di trombette); ma Kuba o non Kuba, per battere l'Umana specialista delle vittorie in trasferta (ben 7 in 9 gare) servirà una Varese ben diversa rispetto a quella delle tre uscite successive alla pausa per l'All Star Game. 
Carlo Recalcati ha puntato su esperienza e duttilità per plasmare una squadra molto solida, dando le chiavi in mano all'ex biancorosso Goss e scegliendo la strada della cavalleria leggera con lunghi atipici come Peric, Ress e Nelson e il dinamico Ortner. L'Umana è rodata e ben organizzata, con una difesa di squadra molto efficace e una rotazione resa ancor più profonda dall'aggiunta recente di Jarrius Jackson: se l'Openjobmetis è quella senza energie né qualità di domenica scorsa il pronostico è segnato, ma se squadra e pubblico sapranno darsi la carica a vicenda il sogno è quello di riuscire finalmente a battere una big.
Giuseppe Sciascia[/size][/font][/color]
 

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...