Jump to content

Torneo internazionale di Douai


Recommended Posts

11/06/2006 - 00:38

Uno sguardo al torneo internazionale di Douai (di Pietro Scibetta)

DOUAI (Francia) - Un sabato pomeriggio all'insegna del basket giovanile, quello che abbiamo passato a Douai, un'ora di treno a nord di Parigi, per assistere a una giornata del Torneo Internazionale Under 18 che ha visto impegnate le nazionali di Olanda, Svezia, Lituania, Croazia, Francia, USA, Turchia e Slovenia.

Ecco alcuni dei giocatori che si sono potuti apprezzare maggiormente:

Croazia

Karlo Vragovic 190 cm, BC Dubrava Zagabria: playmaker, non un talento purissimo, ma cerca e spesso trova sempre la giocata migliore, sa difendere, abile anche nel cambiare sui blocchi, la mette da fuori ed ha una buona leadership.

Filip Kruslin 192 cm, BC Cibona Zagabria: ha avuto meno minuti di quanti ne meritasse, è stato uno dei pochi giocatori a disposizione di coach Dzelaljia in grado di far canestro con una certa continuità, in particolare contro la Francia (2/3 da 3 a fronte del 3/18 complessivo di squadra, 10 punti in soli 14 minuti nel match).

Ante Delas 200 cm, BC Spalato: è un giocatore che sicuramente verrà fuori. Sa far canestro anche da lontano, mette la palla per terra, intelligente, fisico interessante.

Bojan Bogdanovic 202 cm, BC Zrinski Mostar: beccato in una giornata poco felice nel tiro da fuori, ma per il resto di talento ne abbiamo visto tanto. Anche in contropiede, anche nel traffico, anche portando palla. L'avesse anche messa da fuori forse i suoi avrebbero potuto aspirare a qualcosa di più nel torneo. È già del Real Madrid, che lo ha firmato nell'estate 2005.

Francia

Antoine Diot 190 cm, INSEP: playmaker prodotto dal settore giovanile del Bourg en Bresse, ottimo atleta, grande leadership, ma margini di miglioramento che non sembrano illimitati, tiro così così.

Nicolas Batum 201 cm, Le Mans: sicuramente il giocatore con più potenziale dei transalpini, anche se l'abbiamo visto in una giornata non particolarmente ispirata. Ha comunque grande atletismo, tiro, movimenti, salta come pochi. Ha esordito contro la Croazia con un'entusiasmante canestro e fallo appoggiando dopo aver girato sul perno, poi si è accontentato di giochicchiare.

Ludovic Vaty 206 cm, Pau-Orthez: migliorato rispetto all'ultima volta che l'abbiamo visto di persona, al Torneo EuroEssonne 2005, ha un corpo da vero numero 5, dovrebbe eliminare qualche chilo per essere veramente a posto. Grande presenza a centro area su due lati del campo, ha mostrato un buon tocco anche dai 4 metri.

Lituania

Martynas Gecevicius 193 cm, Marciulonis: un ragazzo che sa come si fa canestro, un pericolo costante con le sue triple, come ha potuto constatare anche la fortissima formazione statunitense, che ha faticato un pò prima di staccare i baltici proprio per via della sua mano calda.

Vaidas Cepukaitis 206 cm, Alytus SS: peccato non abbia molta pericolosità offensiva, perchè è un giocatore molto attivo, a rimbalzo e anche sulle palle vaganti, ci mette grande intensità ed è riuscito a portare a casa una doppia doppia (10+11) contro i giganti americani.

Slovenia

Klemen Lorbek 198 cm, Helios Domzale: il terzo della serie, dopo Erazem e Domen, è stato tra gli sloveni più attivi, ha tirato da fuori con alterne fortune ma ha cercato di dare una mano anche negli altri settori del gioco, in particolare a rimbalzo.

Klemen Muha 200 cm, Postojnska Jama: è quello che forse deve prendere più consapevolezza dei suoi mezzi, ma sta in campo con la faccia e l'atteggiamento giusti, è un altro di cui con buone probabilità sentiremo parlare. Si è messo in evidenza contro la Svezia, nel barrage 5°/8° posto, specie nel secondo quarto con un paio di pregevoli iniziative in attacco.

Miha Markic 198 cm, Koper Mladi: ha cercato di mettersi in evidenza prendendosi delle responsabilità in attacco, come tutti i suoi compagni non ha potuto praticamente giocare contro gli USA, ma si è fatto notare anche per alcuni contropiede ben finalizzati e una spiccata attitudine offensiva, sicuramente è un discreto prospetto.

USA

Thaddeus Young 207 cm, Georgia Tech: il 90% dei suoi highlights è rappresentato da una rassegna di recuperi e schiacciate poderose conseguenti, grazie alle braccia lunghe e a una caratura atletica ineguagliabile da qualunque altro elemento presente al torneo. Grande attività a rimbalzo.

Chase Budinger 204 cm, Arizona: un fenomeno, a vederlo si direbbe già un giocatore pronto per fare lo straniero in molti campionati al di qua dell'Oceano. Un piccolo Nowitzki, con un fisico d'acciaio e con delle imbarazzanti qualità di saltatore. Ha fatto canestro in qualsiasi modo e maniera, esplicativa la sua prestazione contro la Lituania: 40 punti, 8/12 da 2, 6/10 da 3 e 6/7 ai liberi, 5 rimbalzi e 1 sola palla persa. In 30 minuti.

Robin e Brook Lopez 213 cm, Stanford: i due gemelloni reclutati dal celebre ateneo statunitense obiettivamente non avevano avversari. Robin, distinguibile dai capelli rispetto al fratello (rasato), ha mostrato qualcosa in più della mera presenza fisica, con grande tempismo per le stoppate, con loro in area non si poteva tirare. Per valutarli in attacco sarebbe meglio che giocassero contro dei pari stazza e non contro i puffi.

Turchia

Mehmet Arif Sahan 204 cm, Tilton HS: centro dal fisico "quadrato" e dalla gran mano sinistra, che ha usato con grande costrutto anche da 3 punti e dalla riga di fondo.

Berkay Sahillioglu 185 cm, Ülker Istanbul: gioca senza paura, difficilmente valutabile contro l'Olanda per la totale inconsistenza dell'avversario, ma si butta dentro con facilità ed ha tiro da fuori. Ha fatto molto bene contro la Francia in semifinale, propiziando la sorprendente sconfitta dei padroni di casa.

Pietro Scibetta

Edited by Ale Div.
Link to comment
Share on other sites

Robin e Brook Lopez 213 cm, Stanford: i due gemelloni reclutati dal celebre ateneo statunitense obiettivamente non avevano avversari. Robin, distinguibile dai capelli rispetto al fratello (rasato), ha mostrato qualcosa in più della mera presenza fisica, con grande tempismo per le stoppate, con loro in area non si poteva tirare. Per valutarli in attacco sarebbe meglio che giocassero contro dei pari stazza e non contro i puffi.

Spettacolo!!!

Sono pure alti uguali?!?!? :blink:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...