Jump to content

«Grazie Varese, ora seguo il cuore»


simon89
 Share

«E’ una scelta esclusivamente di cuore». Gli occhi sono umidi, la voce è strozzata e lo sguardo vaga tra i seggiolini vuoti del PalA2A, incrociando gli stendardi appesi al soffitto e il parquet che ha calcato da capitano di quella che rimane una tra le più gloriose società del basket europeo.

Daniele Cavaliero saluta Varese e torna nella sua Trieste: l’ufficialità nel primo pomeriggio di ieri, dopo una trattativa lampo seguita a un corteggiamento da parte della società giuliana manifestatosi nelle ultime settimane. Con la Openjobmetis fuori da ogni gioco playoff dopo la sconfitta subita a Venezia, l’ultimo tentativo in ordine di tempo dell’Alma di coach Dalmasson, da lunedì prossimo impegnata nei playoff di serie A2, non ha trovato ostacoli nei piani alti di piazza Monte Grappa. Claudio Coldebella e Toto Bulgheroni hanno semplicemente voluto parlare con Daniele e con il suo agente, appurando così la volontà del giocatore di sposare un nuovo progetto (anche di vita: tornare a Trieste per Cavaliero significa avvicinarsi alla famiglia) e lasciandolo quindi libero di accettarlo. Il contratto biennale residuo tra Varese e il suo ex capitano è stato rescisso: il classe 1984 firmerà un accordo con Trieste valido per due anni, con l’opzione per un ulteriore prolungamento di un anno; la Openjobmetis, che ha fatto sapere di non aver ricevuto alcun “buyout” per liberare la guardia, risparmierà gli emolumenti a lui dovuti da qui al termine della corrente stagione.

«Sensazioni contrastanti»

Cavaliero verso le 15 di ieri pomeriggio si è recato al PalA2A per salutare i compagni, lo staff tecnico e tutte le persone che a vario titolo hanno fatto parte dei due anni in biancorosso. Inevitabile un pizzico di commozione e tanti sentimenti contrastanti: «Prima di Venezia ho sempre pensato che il mio posto sarebbe stato questo - racconta - almeno finché ci fosse stato in gioco qualcosa di importante, ovvero i playoff. Adesso seguo quello che ho dentro e la possibilità di tornare a giocare per la squadra della mia città». «È stato difficile salutare i miei compagni. Vivo due sensazioni contrastanti: la prima è l’esaltazione per il fatto di tornare a casa, di giocare subito i playoff, di fare qualcosa di speciale per Trieste; l’altra è il dispiacere di lasciare un posto che mi è entrato realmente dentro. Un posto che ho apprezzato anche e forse soprattutto perché abbiamo vissuto due stagioni complicate. E allora ti affezioni alla gente che combatte con te, che è all’inferno con te, soprattutto quando poi dall’inferno ci esci. Varese è speciale per me e lo rimarrà».

Fare un bilancio della permanenza sotto al Sacro Monte è difficile mentre le emozioni pungono l’anima. Daniele, tuttavia non si sottrae e “parte” dalle Final Four dello scorso anno: «La soddisfazione più grande e il rimpianto maggiore sono entrambi Chalon- dice - C’è il rimpianto di non aver portato una coppa ai nostri tifosi ma anche il grande orgoglio di essere stati lì a giocarcela: si è perso, va bene, ma a quella partita bisognava pure arrivarci. Poi c’è l’orgoglio di aver giocato con persone che sono sicuro rimarranno come Giancarlo Ferrero, come Luca Campani, Kristjan Kangur, Massimo Bulleri e tutti i ragazzi di quest’anno. Ci sono stati momenti molto tesi, lo ammetto, sfociati però in relazioni di cui veramente mi vanto. Christian, Eric, Norvel, OD, Dominique: tutti hanno un posto dentro di me. In maniera diversa sono legato anche a entrambi gli allenatori che ho avuto: a Paolo che mi ha fatto venire qui e mi ha permesso di giocare e di tagliare un traguardo come le Final Four e ad Attilio, che è l’artefice di questa rinascita e che ringrazio».

La chiosa dell’addio torna a quella che per due anni ha chiamato “casa”: «L’ultimo ringraziamento va alle persone di questo palazzetto: tutto è servito, ma nulla è stato indispensabile, salvo la forza di queste mura quando si accendono. Io qualche piccola esperienza l’ho avuta nella mia carriera e Masnago è lì sopra, con tutte le grandi tifoserie. Capisco che non sempre mi sono e ci siamo meritati l’affetto del pubblico e questo è un peccato perché avremmo voluto fare di più. Grazie anche per le critiche, perché hanno reso tutto più interessante».

Tre comunitari

L’effetto più immediato della partenza di Daniele Cavaliero in direzione Trieste sono i gradi di capitano affidati a Giancarlo Ferrero, che “guiderà” la squadra nelle restanti partite contro Cremona e Torino ma che rimane in scadenza di contratto. Inevitabile pensare infatti anche al domani dopo la pagina chiusa ieri. La Varese proiettata verso la prossima stagione non ha al momento tra le sue fila alcun giocatore italiano: scritto di Ferrero e salutato Cavaliero, in scadenza ci sono anche Massimo Bulleri, Luca Campani e Matteo Canavesi.

Si allontana l’ipotesi di seguire la strada del “5+5” (cinque stranieri e cinque italiani)? La società non ha ancora deciso e lo farà solo a bocce ferme. Rimane tuttavia un dato di fatto che non può non orientare, almeno a livello di pensiero, le strategie future: le uniche pedine dell’organico attuale sotto contratto anche per il 2017/2018 ora come ora sono tre comunitari o ad essi equiparati, ovvero Pelle, Kangur e Avramovic.

Fabio Gandini

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...