Jump to content

Openjobmetis umiliata a Bologna: la Virtus rifila 41 punti di distacco


simon89
 Share

Quarantuno punti sul groppone, 97-56. Prima di ogni analisi tecnica, considerazione tattica o comunque prima di qualsiasi lettura “normale” di una partita, è necessario leggere il risultato finale di Virtus Bologna – Varese e dire, chiaro e tondo, che un verdetto del genere è indigeribile e non giustificabile.

La Openjobmetis perde la partita ma anche un po’ la faccia, travolta da una Segafredo che prima ancora di essere su un altro pianeta dal punto di vista del talento, è spinta da un’energia, da un ardore, da una voglia di fare che dovrebbe essere appannaggio di chi ha meno qualità. E che invece è sbattuta dalle Vu Nere sul volto di una Varese molle, sfiduciata, triste anche nel linguaggio del corpo, quasi demotivata. «Andremo a Bologna per essere competitivi» ordinava coach Vertemati in settimana, ma evidentemente il suo appello è caduto nel vuoto.

I biancorossi escono triturati dal PalaDozza fin dall’approccio al match (11-0 il parziale nei primi 2′ per la Virtus), non leggono le trappole seminate da Scariolo sulla strada di Gentile ed Egbunu, non colpiscono dall’arco (alla fine il dato sarà lo sconfortante 16%) e gettano al vento, alle ortiche, alla spazzatura camionate di palloni. Alla fine saranno 19 le palle perse da Gentile e compagni contro le 4 recuperate mentre pure a rimbalzo – dove con Brescia i biancorossi avevano dominato – la Segafredo fa a fette gli ospiti (55-36) sprizzando energia e fame da tutti i pori. Ok che lo sponsor è un caffé, ma Varese a questo punto meriterebbe di essere abbinata a un farmaco per la catalessi.

E’ chiaro a tutti che per vincere al PalaDozza questa OJM avrebbe avuto bisogno di una impresa d’altri tempi e tutto sommato non era neppure questa la “richiesta”. Però ci si aspettava di vedere una squadra coraggiosa, volenterosa, determinata almeno a rendere la vita difficile a una Virtus che ha sì tanti campioni ed è in forma eccellente, ma ha anche pagato dazio alla sfortuna con tre infortuni pesantissimi. E invece sono Teodosic e Pajola ad accendere la partita, senza che in casa biancorossa ci fosse uno spartito da seguire. A parte una prima reazione (0-10 di parziale) vanificata da medie amatoriali ai tiri liberi, Varese non ha prodotto nulla, accendendo anche un campanello d’allarme alla voce leadership.
Senza Kell, né Gentile né Jones (né Ferrero, che però ha minutaggio limitato) né altri hanno preso in mano le redini della squadra. E Wilson, anche stavolta, è stata zavorra pesante. Così, davvero, non va.

PALLA A DUE

Serata di festa in casa Bologna: è la prima di campionato casalinga e la Virtus deve festeggiare con i propri tifosi sia l’eccezionale scudetto della scorsa primavera, sia la Supercoppa che ha permesso ai bianconeri di superare anche Milano nel ranking di inizio stagione. Varese, ospite di turno, si presenta con Kell in borghese come previsto, e con l’ex Gentile con la caviglia fuori posto. L’ala è comunque in un quintetto diretto da De Nicolao. Scariolo fa esordire Alexander nell’attesa di schierare Simpson e (pare) il francese Cordinier. A gestire la palla, Teodosic e Pajola.

LA PARTITA

Q1 – Difficile fare peggio della OJM in avvio di gara: tre bombe a segno della Virtus con tre giocatori diversi (e con gli esterni che stanno a guardar), 13-1 di parziale e due falli per De Nicolao e Gentile. Vertemati mescola gli uomini e trova in Sorokas il fattore chiave: l’alona lituana scuote i suoi e Varese costruisce un controbreak di 0-10 che la rimette in partita. Poi però i liberi sono una lamentazione e la Virtus può chiudere avanti 21-16.

Q2 – Tutto sommato, anche il secondo periodo è accettabile: la OJM non recupera, però trova qualche lampo qua e là che la tengono in scia a una Virtus nella quale Hervey è implacabile, Pajola un fattore in difesa e Teodosic il solito direttore d’orchestra. Si accende Egbunu, addirittura c’è una bomba di Wilson che rimarrà isolata in un deserto di errori: il divario cresce ma solo di qualche lunghezza sino al 44-35.

Q3 – La Virtus decide di dare un’altra spallata a inizio ripresa e trova una resistenza di cartavelina da parte dei biancorossi: comincia così un calvario che nei secondi 20′ parlerà di un parziale di 53-21. Il break di inizio ripresa è di 13-2 con Sorokas autore degli unici punticini lombardi, Gentile infila un canestro di rabbia ma Varese viene infilata da lanci lunghi, contropiedi e canestri di ogni foggia. Alla mezz’ora il match è già in archivio, 72-50, perché anche un minibreak di 0-5 è immediatamente ribaltato.

IL FINALE

Passano 2′ del quarto periodo e già i tifosi varesini guardano nervosamente il cronometro nella speranza di vederlo correre a zero. Perché dal -20 si passa rapidi al “trentello” con la chiara impressione che lo sprofondo non abbia fine. Ed è così: la Virtus resta vigile in difesa, Varese non fa mai-mai-mai canestro, perde l’impalpabile Jones per falli e si fa infilare anche da un ragazzino – Barbieri – messo in campo da Scariolo per l’esordio in Serie A. Alla fine, anche la fatidica quota 40 viene sbriciolata, in tribuna si fa festa, in casa OJM resterebbe solo da chiedere scusa.

Damiano Franzetti

 Share


User Feedback

Recommended Comments



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...