Jump to content

Varese rialza la testa in Europa


simon89
 Share

Varese rialza la testa in Polonia. Dopo 7 sconfitte consecutive e un mese esatto di digiuno, i biancorossi firmano la prima vittoria dell'era Caja con una prestazione corale di alto livello nonostante l'assenza in extremis di Eyenga (bloccato da un piccolo problema muscolare addominale). Al quinto tentativo e dopo 18 giorni di cura, il malato si alza dal letto e produce una prestazione d'insieme davvero convincente su entrambi i lati del campo. Successo probabilmente ininfluente nella corsa al ripescaggio in FIBA Europe Cup; ma da Cavaliero e compagni - nell'occasione griffati Effe-Effe - è arrivato un segnale forte di inversione di tendenza firmato da due protagonisti assoluti.

Il primo è Attilio Caja, alla luce dell'impronta marcata conferita dal tecnico pavese ad una squadra capace di ritrovare efficacia attraverso la coralità della manovra. Il secondo è Eric Maynor, diretta emanazione sul campo del gioco di squadra predicato da "Artiglio": lo spartito "sinfonico" trova un perfetto direttore d'orchestra nel play statunitense, che detta con ritrovata sicurezza ritmi, tempi e soluzioni del gioco in una partita che ripropone il copione già determinante per la missione salvezza del 2014-15. Pochi palleggi e tanti passaggi uguale alte percentuali (68% da 2 e 41 % da 3 ); e una volta spente le fiammate dall'arco del Radom (6/7 da 3 nei primi 10' e 8/16 al 20'), Varese è salita di tono anche in difesa, concedendo solo 7 punti negli ultimi 15' ai polacchi con un break decisivo di 2-16 tra terzo e quarto periodo (dal 54-52 del 25' al 56-68 del 35') firmato da un ritrovato Kangur e tanta sostanza dalla coppia interna Anosike-Pelle.

Fu vera gloria? E questa la domanda delicata alla quale l'area tecnica dovrà rispondere in tempi rapidi, magari già oggi quando la squadra, che non si è mai fermata dal 23 dicembre scorso, osserverà i primi due giorni di riposo: il secondo, non previsto, è stato conquistato ieri sul campo. Di certo i venti di mercato che spiravano forte dopo lo stop contro Torino sembrano destinati a smorzarsi: esclusa la cessione di Pelle (timido sondaggio di Reggio Emilia prima del tonfo con Cremona, informazioni chieste anche da Brindisi) ancor prima delle risposte positive di ieri sera. E alla luce dei riscontri del campo, sembrano destinati a bloccarsi anche i sondaggi sul mercato dei playmaker extracomunitari. Se Varese ha sposato il basket votato a coralità, circolazione di palla e sacrificio difensivo che fa parte del credo di Caja, il Maynor in versione "cattedratica" di Radom è l'imprescindibile pietra angolare dell'intero sistema.

Dunque a meno di colpi di scena la cura-Caja proseguirà con l'organico attuale ribadendo la ricetta "tempo, pazienza e lavoro", beneficiando però dell'iniezione di fiducia garantita dalla corroborante vittoria in Polonia. Il punto della situazione lo si rifarà dopo il match di mercoledì prossimo contro l'Usak Sportif: se per la prima volta nell'arco della stagione Varese saprà dare continuità alla scintilla prodotta da una impresa contro pronostico, allora saranno i protagonisti attuali a condurre fino in fondo la missione-salvezza...

Giuseppe Sciascia

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...