Jump to content

Scandalo europei


Guest Paul The Rock
 Share

Recommended Posts

Guest Paul The Rock

"Per ora non abbiamo firmato alcun contratto con le televisioni italiane per la copertura dei prossimi campionati europei in Serbia. Non posso entrare nel dettaglio delle trattative ma certamente, considerando che si tratta della squadra vicecampione olimpica, non pensavamo che a quattro mesi dalla competizione non avremmo avuto ancora una trattativa seria, a livello di offerte, con l'Italia". Stephanie Mignot è la responsabile della compravendita dei diritti televisivi per le competizioni Fiba. E' la persona che in questi mesi, nel mondo, sta vendendo alle emittenti il pacchetto triennale dei prossimi grandi eventi, e cioè l'Eurobasket 2005, il Mondiale 2006 in Giappone e l'Eurobasket 2007 in Spagna. Agendo quindi in accordo e su delega di Fiba Europe, che non ha un ufficio apposito. Ci mostra un dettagliato documento che riassume tutti i contratti già stipulati: ad oggi sono 76, che offriranno la copertura dei tre eventi a qualcosa come 124 emittenti televisive nel mondo. Scorriamo la lista. Alcuni nomi di popoli che vedranno Europei e Mondiali? Austria, Lichtenstein, Lussemburgo, Bahrein, Oman, Palestina, Burkina Faso, Gibuti, Ruanda, Togo. Non andiamo oltre. L'Italia non c'è. Incalziamo la nostra interlocutrice, ma non c'è molto spazio per sapere lo stato reale delle cose: "Da parte della Rai non abbiamo avuto una risposta alla nostra proposta di acquisto, se non timidi segnali nelle ultime due settimane. Da questo punto di vista siamo più avanti con Sky. Ma parlare di una vera trattativa è eccessivo".

Sky, obiettivamente, non ha alcun interesse aziendale per trasmettere gli Europei. Lo ha fatto e bene, al solito, dal '99 al 2003, raccontandoci la gioia di Parigi, la delusione di Antalya (ma seguendo poi l'evento fino alla fine) e l'altra immensa festa di Stoccolma. Poi il suo accordo è scaduto. In questo momento Sky detiene il meglio del basket e lo trasmette ai suoi abbonati: campionato, Eurolega, NBA, NCAA. Campionati che durano mesi, un'offerta che soddisfa chi sottoscrive un abbonamento che dura un anno. Non porterà alcun abbonato, a Sky, l'avere gli Europei del prossimo settembre, gratificherà ulteriormente quelli che già lo sono e l'azienda farà felici i suoi giornalisti appassionati che tra Vrsac e Belgrado potranno raccontare un'altra avventura al seguito degli azzurri, che negli ultimi anni ci hanno solo fatto felici. Un pò di soldi, per l'operazione, sul tavolo sono stati messi, ma non c'è alcuna fretta: Sky può aspettare, almeno finché la Fiba deciderà sia giusto attendere. Non è un problema economico, dopo aver investito 40 milioni di euro sul Mondiale di calcio che dura un mese, si può spendere qualche centinaia di migliaia di euro per l'Europeo di basket che dura due settimane. Per questo, se la Rai non si muove, gli Europei alla fine li vedremo su Sky.

Dopo aver perso i Mondiali di calcio (per questo è previsto uno sciopero dei giornalisti di RaiSport per il 4 giugno, in occasione di Italia-Norvegia, e questo potrebbe far saltare anche Italia-Grecia di basket), ci si augura che l'attenzione della Rai si sposti sugli altri eventi. C'è l'Europeo di volley, che l'Italia organizza assieme alla Serbia, ospitando la fase finale al Palalottomatica dal 10 all'11 settembre. Con l'incombenza della produzione, ovvio che la Rai li trasmetterà. La Nazionale di volley ha la stessa dignità di quella del basket, entrambe d'argento ad Atene nove mesi fa. E persi i diritti su entrambi i campionati, il Coni fece pressioni sulla Rai, da cui nacque l'appendice notturna de "La Domenica Sportiva, l'Altra". E senza la pressione di Petrucci cosa avremmo avuto, sul campionato dei vicecampioni olimpici?

In Svezia lo scandalo fu totale, neanche un inviato Rai, per la tv. Una vergogna amplificata dal bronzo, mai tanto venerato, anche per questo. Poi magari ci si sente dire che, se l'Italia dovesse uscire al primo turno, "...cosa ce ne facciamo dell'Europeo che a quel punto non interessa più nessuno?". Fu questa la filosofia che precedette quello del 2003, quando non si trattò neanche per i secondi diritti. In Fiba, dove da sempre preferiscono il chiaro al criptato, si sono sentiti dire che, col rischio che possa cambiare il consiglio di amminstrazione, o il direttore generale, non si possono prendere impegni per la prossima stagione; e, finché c'era la trattativa, che il problema del Mondiale di calcio assorbiva tutti gli sforzi dell'ufficio acquisizioni. E che ora si sta cercando di trovare un agreement con Sky, sempre per quel Mondiale. Ma la Federazione cosa sta facendo, sull'argomento? Vedremo tutte le amichevoli degli azzurri su RaiSportSat per poi sparire con l'inizio dei Campionati? Ed il Coni sa fin dove siamo arrivati? Lo ricordiamo noi, a quattro mesi dall'evento senza il poter dire se, come e dove vedremo gli Europei. E' una vergogna o no?

Link to comment
Share on other sites

[quote

Lo ricordiamo noi, a quattro mesi dall'evento senza il poter dire se, come e dove vedremo gli Europei. E' una vergogna o no?

9247[/snapback]

:angry::angry:<_<

...

VERGOGNA!!!

ma, d'altro canto, paul, cosa t'aspetti dal paese dove nei telegiornali in prima serata dicono: "e adesso passiamo allo sport, CALCIO! etcetc"

consiglierei agli italici cestisti di trombarsi un po' di veline e mignotte varie del mondo dello spettacolo, forse, e dico forse, richiamerebbero un po' più di attenzione da parte dei mass media... tant'è vero che il buon poz riuscì per un po' a stare nel gossip solitamente in mano ai pallonari... e in tv si parlava "anche" (ahimè) di basket...

uh, signur...

Link to comment
Share on other sites

purtroppo lo scandalo rai non ha fine... ha la capacità di investire milioni di euro per cercare il rinnovo di contratto con bonolis (credo che tra famosi guadagnasse 3 o 4 volte più di un trulli qualunque che rischia giornalmente la vita) ma non quella di investire sullo sport. eppure hanno avuto dimostrazione dal giro d'italia che lo sport in tv non è in crisi, anzi, hanno battuto record di ascolto dei tempi di pantani piglia-tutto mica cotiche eppure c'è la corrente di pensiero che se non tira il calcio anche il resto delo sport non ha nulla da offrire... del resto è naturale che una partita orrenda dell'under21 faccia il suo 6% di share, più fisiologico di così... la trasmissione più vista delle ultime olimpiadi è stata italia-lituania, basket, tutti ne parlavano anche chi non sa neanche in quanti si giocano ma grazie al supporto video ti trovavi la sciura esaltata da quel pazzoide di bbbaababasile o dall'urlone (altro che quello mundial di tardelli) di galanda... la triste parabola discendente di rai sport si è avuta inizialmente con lo sci, persi tomba e compagnoni, lentamente ci siamo ritrovati a vedere in chiaro dalle reti rai se va bene in diretta la discesa di bormio e in differita quella dela val gardena ma in un certo senso era un fenomeno di moda ed è naturale che fosse passeggero, il basket no. come movimento sportivo coinvolge qualche bella milionata di italiani che però vede il proprio canone investito per la 15esima serie di incantesimo anzichè eventi sportivi in grado comunque di avere un certo riscontro di sponsorizzazione. probabilmente la scelta è dovuta a un voler risparmiare l'italia dalle luminose telecronache di frankie o'fetente lauro... bah com'era il coretto?!?!?! mamma rai mamma rai vaff vaff vaff mamma rai...

Link to comment
Share on other sites

". Ci mostra un dettagliato documento che riassume tutti i contratti già stipulati: ad oggi sono 76, che offriranno la copertura dei tre eventi a qualcosa come 124 emittenti televisive nel mondo. Scorriamo la lista. Alcuni nomi di popoli che vedranno Europei e Mondiali? Austria, Lichtenstein, Lussemburgo, Bahrein, Oman, Palestina, Burkina Faso, Gibuti, Ruanda, Togo. Non andiamo oltre.

9247[/snapback]

l'importante, a questo punto, per noi, è che ci sia nella lista la grandiosa tsi. almeno noi saremmo in una bote de fero

Link to comment
Share on other sites

Stephanie Mignot è la responsabile della compravendita dei diritti televisivi per le competizioni Fiba

9247[/snapback]

E' che a Raisport, quando ha chiamato la Mignot, sono andati in crisi: ma come, si son detti, di solito siamo noi che mandiamo tutto a donne di facili costumi... :angry::angry:

Link to comment
Share on other sites

E' che a Raisport, quando ha chiamato la Mignot, sono andati in crisi: ma come, si son detti, di solito siamo noi che mandiamo tutto a donne di facili costumi...  :angry:  <_<

9257[/snapback]

Il capo ha detto "dovete andare dalla Mignot a comprare i diritti" e loro si sono fermati alla signorina del grande raccordo anulare :angry:

Link to comment
Share on other sites

Piuttosto che non venderli li daranno per due lire a Sky.

Ma di che ci lamentiamo. La Rai ha il campionato europeo Under 21 di calcio, sicuramente comprerà la Coppa America di vela e poi sicuramente ci delizierà con gli Europei di pallavolo organizzati a Roma. Eppoi il basket ha già un servizio a settimana di due minuti su "L'altra Domenica sportiva".

Grazie Sky di esistere!

Link to comment
Share on other sites

VERGOGNA!!!

ma, d'altro canto, paul, cosa t'aspetti dal paese dove nei telegiornali in prima serata dicono: "e adesso passiamo allo sport, CALCIO! etcetc"

consiglierei agli italici cestisti di trombarsi un po' di veline e mignotte varie del mondo dello spettacolo, forse, e dico forse, richiamerebbero un po' più di attenzione da parte dei mass media... tant'è vero che il buon poz riuscì per un po' a stare nel gossip solitamente in mano ai pallonari... e in tv si parlava "anche" (ahimè) di basket...

uh, signur...

9249[/snapback]

pare che jaric ci abbia provato con la canalis la quale ha risposto picche...peccato ma almeno il buon marko ci ha provato :blink:B)

Link to comment
Share on other sites

Cari amici,

vorrrei riportare alla vostra attenzione quanto succede oggi nel mondo dell'informazione radiotelevisiva:

"Oggi i giornalisti della Rai sono in sciopero contro 'lo smantellamento del Servizio Pubblico', che è stato 'privato di grandi opportunità come l'offerta intera dei Mondiali di calcio'. Nelle pagine interne, la nota integrale dell' Usigrai (sindacato giornalisti Rai). La Rai replica che 'l'affermazione del ruolo e della funzione del Servizio Pubblico' è il suo primo obiettivo e che 'trasmetterà le 25 partite più importanti dei Mondiali,con tutte quelle della Nazionale'. All'interno la nota. Notiziari alle ore 8-11-14-18-21. "

Orbene, questi pennivendoli prezzzolati, queste donne di facili costumi del giornalismo si guardano bene dal protestare per la mancata trasmissione degli europei di basket, perchè in fondo un Belgio- Camerun è ben più servizio pubblico di un Italia -Lituania di basket. Mah, il mio pensiero vola ai soldi pubblici che la rai risparmierà evitando di mandare telecronisti da strapazzo con portaborse al seguito, che non percepiranno le laute indennità di trasferta, a trasmettere partite che nulla hanno a che fare con il siddetto servizio pubblico, un altro pensiero al servo sciocco De Cleva, in sciopero anche lui per salvare i mondiali di calcio: complimenti!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...