Jump to content

Un proverbio al giorno....


Recommended Posts

L'aqua la fa mal, la bev dumà la gent de l'uspedal

(l'acqua fa male, la beve solo chi è in ospedale)

Mangia bev e caga e lassa che la vaga

(Non prendertela.... vivi e lascia vivere)

Quand la mèrda la munta a scragn o la spüssa o la fà dann

(quando la popò sale allo scranno, o puzza o fa danno... detto dei miserabili d'animo che conquistano il potere)

Per pacià el paciotta per bev el bevòtta l'è a laurà ch'el barbotta

(mangiare mangia, bere beve è a lavorare che fa fatica...)

Link to comment
Share on other sites

Anche se non son due proverbi aggiungo due canzoni popolari contenenti tanta saggezza

Puttost che toeu ona donna

mi toeuvi ona cavretta

ghe foo mangià l’erbètta

ghe foo mangià l’erbètta

puttost che toeu ona donna

mi toeuvi ona cavrètta

ghe foo mangià l’erbètta

ma mí la donna la toeuvi no!

Viva l’amore l’amore l’amor che vien che va

viva l’amore l’amore l’amor che vien che va

viva l’amore che viene e che va

viva l’amore ma chi lo sa far

Piuttost che toeu ona donna

mi toeuvi ona gilera

voo a spass mattina e sera

voo a spass mattina e sera

puttost che toeu ona donna

mi toeuvi ona gilera

voo a spass mattina e sera

ma mi la donna la toeuvi no!

Viva l’amore l’amore l’amor che vien che va

viva l’amore l’amore l’amor che vien che va

viva l’amore che viene e che va

viva l’amore ma chi lo sa far!

Puttost che toeu ona donna

mi toeuvi ona ses’cent

voo in gir ma tutt content

voo in gir ma tutt content

puttost che teou ona donna

mi toeuvi ona ses’cent

voo in gir ma tutt content

però la donna la toeuvi no!

Viva l’amore l’amore l’amor che vien che va

viva l’amore l’amore l’amor che vien che va

viva l’amore che viene e che va

viva l’amore ma chi lo sa far!

....

E mi la donna bionda la vori no.

E mi la donna bionda la vôri no.

tutti i omen ghe fan la ronda

e mi la donna bionda,

e mi la donna bionda,

tutti i omen ghe fan la ronda

e mi la donna bionda la vôri no.

E mi la donna nera la voeuri no

E mi la donna nera la vôri no.

dònna nera non è sincera

e mi la donna nera e mi la donna nera

dònna nera non è sincera

e mi la donna nera la voeuri no.

E mi la donna mora la vôri no.

E mi la donna mora la vôri no.

donna mora l’è traditora

e mi la donna mora

e mi la donna mora

donna mora l’è traditora

e mi la donna mora la vôri no.

E mi la donna rossa la vôri no

E mi la donna rossa la vôri no

se te tuca te da la scossa

e mi la donna rossa

e mi la donna rossa

se te tuca te da la scossa

e mi la donna rossa la vôri no.

E mi la donna granda la vôri no

E mi la donna granda la vôri no

la camina la par ’na stanga

e mi la donna granda

e mi la donna granda

la camina la par ’na stanga

e mi la donna granda la vôri no.

E mi la donna riccia la vôri no.

E mi la donna riccia la vôri no.

suta ai ricci la ga i capricci,

e mi la donna riccia

e mi la donna riccia

suta ai ricci la ga i capricci

e mi la donna riccia la vôri no.

E mi la donna picula la vôri no

E mi la donna picula la vôri no

la camina la par ’na chichera

e mi la donna picula

e mi la donna picula

la camina la par ’na chichera

e mi la donna picula la vôri no.

E mi la donna grassa la vôri no.

E mi la donna grassa la vôri no.

tutta quanta la te sconquassa,

e mi la donna grassa

e mi la donna grassa

tutta quanta la te sconquassa

e mi la donna grassa la vôri no.

E mi la donna seca la vôri no.

E mi la donna seca la vôri no.

e la pesa com’è na bisteca

e mi la donna seca

e la pesa com’è na bisteca

e la pesa com’è na bisteca

e mi la donna secca la vôri no.

E mi la donna bella la vôri sì.

E mi la donna bella la vôri sì.

la ga i oci che par na stella,

e mi la donna bella

e mi la donna bella

la gh’ha i oci che par na stella,

e mi la donna bella la vôri sì.

Variante all’ultima strofa:

E mi la donna smorta la vôri sì.

E mi la donna smorta la vôri sì.

donna smorta l’è una donna forta

e mi la donna smorta

e mi la donna smorta

donna smorta l’è una donna forta

e mi la donna smorta la vôri sì.

Link to comment
Share on other sites

.... perchè non postare qualche vecchio proverbio...magari uno di quelli che usavano i nostri nonni?

Ecco alcuni proverbi che di tanto in tanto i miei nonni mi ripetevano:

Pezo el tacon del buso

Peggio la toppa che il buco.... ovvero il rimedio è peggiore del male.

Per voler saver de tuto, se sa anche da mona.

A voler sapere di tutto, si finisce a fare la figura degli sciocchi.

Chi va drio ai altri no passa mai avanti

Per farsi strada è necessario assumersi dei rischi

Drio ai ani ghe va el giudizio

Il giudizio segue l'età

Luna :lol:

Link to comment
Share on other sites

Ecco alcuni proverbi che di tanto in tanto i miei nonni mi ripetevano:

Pezo el tacon del buso

Peggio la toppa che il buco.... ovvero il rimedio è peggiore del male.

Per voler saver de tuto, se sa anche da mona.

A voler sapere di tutto, si finisce a fare la figura degli sciocchi.

Chi va drio ai altri no passa mai avanti

Per farsi strada è necessario assumersi dei rischi

Drio ai ani ghe va el giudizio

Il giudizio segue l'età

Luna :lol:

Bellissimi !! :lol:

Link to comment
Share on other sites

Fin ai vint non se fa nient,

dai vint ai trenta se fa el nomm,

dai trenta ai quaranta se fa la roba,

dai quaranta in sù se fa la goba

Ovvero...

Fino a vent'anni non si fa niente, dai venti ai trenta ci si fa il nome, dai trenta ai quaranta si sgobba, dai quaranta in su ci si fa la gobba

Se comincia a dà consili bon

quand gh'emm pù l'età de dà cativ esempi

Ovvero...

Si comincia a dare buoni consigli

quando non si ha più l'età di dare cattivo esempio

Piutost che roba avanza,

crepa panza

Ovvero...

Piuttosto che avanzre cibo,

meglio fare indigestione

Link to comment
Share on other sites

A voi i proverbi di ottobre... :lol:

OTTOBRE Ottober

A San Gall se somèna al pian e a vall. Se fa bèll temp, fa bèll fina a Natal

El sô de Ottober alla matinna el regoeuj i bacchitt e dòpo mezzdì je brusa (per indicare che in ottobre, malgrado che le mattinate siano fredde e nebulose, dopo il meriggio il sole riesce a diradare la nebbia ed a riscaldare alquanto l’atmosfera)

La terra in tutti i piagh, faa con l’araa, la pareggia i legrij del fogoraa

O bagnaa o sutt, per San Luca (18-10) somena tutt

Or de Sanluca (18) nespol e castegn se spelucca

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...