Jump to content

«Per me è giusto giocare le amichevoli solamente se si può essere dignitosi»


simon89
 Share

Varese esce frastornata dalla finale del Trofeo dei Consorzi, tra infortuni e risultato, ma Moretti vede comunque lati positivi. «Abbiamo avuto un buonissimo approccio alla partita - spiega il coach di Varese - e questo è già un passo avanti rispetto alla gara di venerdì, quando invece, per cinque-sei minuti, siamo stati a dir poco contratti. Oltre a un buon primo quarto, abbiamo disputato anche un buon inizio di terzo quarto quando, nonostante la tristezza per aver subìto così tanto durante il secondo periodo e aver visto la partita virtualmente chiusa, abbiamo avuto almeno le energie mentali per reagire e fare un piccolo break che ci ha riportato sotto i venti punti di scarto. Due buoni segnali e qualche altro buon momento di pallacanestro, anche se la partita, in termini numerici e di competitività, se n’era andata già prima della fine del primo tempo. Trento è molto avanti rispetto a noi, come - secondo me - Pesaro e Siena. Però, al di là di questo, guardando in casa nostra le buone indicazioni ci sono. C’è molto da lavorare dal punto di vista tecnico-organizzativo».

Per poter lavorare bene, l’Openjobmetis ha bisogno di tutti i suoi effettivi: «La priorità - prosegue il tecnico della Openjobmetis - è recuperare i giocatori che al momento sono fuori e metterli nelle condizioni di lavorare da qui alla prima gara ufficiale».

Alla lunga lista di infortunati, infatti, si aggiungono Avramovic, Eyenga e Anosike, acciaccati durante la gara con Trento. Ma le condizioni di tutti e tre sono difficili da stabilire: «Cercheremo di capire le entità degli infortuni - spiega coach Moretti - ma prima di due-tre giorni non riusciremo a farci un’idea precisa. Di positivo c’è che prestissimo Daniele Cavalierodovrebbe rientrare in gruppo e che Melvin Johnson sta molto bene e forse riusciremo a recuperare qualche giorno rispetto alle tempistiche iniziali. Pensiamo prima di tutto a chi sta rientrando e non a colui che potrebbe uscire».

I mille acciacchi potrebbero condizionare e stravolgere il programma delle amichevoli di Varese? «Tecnicamente e agonisticamente - commenta Paolo Moretti - contro Trento abbiamo avuto una dignità. È chiaro che in questo momento le partite le giocano Bulleri, Borsato e i giovani, con tutto il rispetto per loro e per il loro impegno, a noi serve che giochino i giocatori che poi andranno in campo. Abbiamo diversi atleti che devono mettere partite nelle gambe e nella testa. Quelli che ci sono, intanto, Pelle, Anosike, Ferrero e Avramovic (anche se di quest’ultimo non conosciamo le condizioni), devono giocare e accumulare esperienza. Se saremo in grado di essere dignitosi, come lo siamo stati in questa occasione nonostante il punteggio, secondo me è giusto giocare le amichevoli, altrimenti valuteremo nei prossimi giorni».

Giovanni Ferrario

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...