Jump to content

All-in su Dominique Johnson


simon89
 Share

È Dominique Johnson l'uomo della svolta individuato dall'Openjobmetis. La 29enne guardia ala statunitense in uscita dall'Alba Berlino, solo omonimo del biancorosso Melvin che con ogni probabilità gli farà posto in caso di esito positivo della trattativa, sarebbe la prima scelta della società di Piazza Monte Grappa nella sua ricerca di una "prima punta" in grado di sbloccare l'impasse offensivo. 

L'atleta del 1987, esterno di 195 centimetri per 95 kg, ha doti realizzative di primissimo ordine: uscito nel 2010 da Azusa Pacific, piccolissimo college di terza divisione universitaria (sulla sua storia di successo cestistico partendo dal "sottobosco" è stato prodotto anche un documentario), dopo aver inseguito il sogno NBA in tre stagioni di D-League è sbarcato in Europa, dove ha fatto sfoggio delle sue qualità offensive: i 23 punti di media col 51% da 3 fatturati nei primi mesi del 2014/2015 in Polonia con il Siarka Tarnobreg gli sono valsi l'attenzione degli israeliani del Maccabi Rishon (14,4 punti col 45% da 3). Nel 2015/2016 il salto di qualità con la firma di un contratto importante con i turchi del Banvit, dove è stato l'undicesimo marcatore dell'Eurocup (14,6 punti e 2 assist) sfidando anche Milano nelle Last 32. Nella scorsa estate il tiratore statunitense è stato vicinissimo ad Avellino, salvo poi preferire la proposta dell'Alba Berlino, in cui però sembra non avere legato granchè con il coach (9,2 punti e 2,1 assist in 27,6 minuti in 10 gare della Bundesliga; in Eurocup 14,6 punti col 40% da 3). La colonia italiana in Germania conferma l'impasse tra l'atleta del 1987 e il club, che non l'ha convocato per la partita di mercoledì in Eurocup contro Bilbao e considera in esubero come settimo straniero (in Bundesliga massimo 6 su 12 a referto) dopo il rientro degli infortunati Miller e Gaffney. 

A Varese piacerebbe molto inserire un attaccante come Dominique Johnson, il quale possiede le caratteristiche adatte per provare a sbloccare il principale problema della produttività offensiva a difesa schierata. L'atleta del 1987 è una guardia pura, capace di creare dal palleggio, anche se la qualità principale è il tiro da fuori; inoltre il giocatore nato a Detroit è abituato ad avere responsabilità da terminale principe, avendole gestite nella stragrande maggioranza delle squadre in cui ha giocato. Lo scoglio da superare è di natura economica, ma la possibilità di trovare un ruolo da protagonista in Italia per superare l'attuale situazione all'Alba parrebbe allettare lo statunitense.

L'obiettivo dell'Openjobmetis è provare ad affondare il colpo entro il weekend definendo l'operazione all'inizio della prossima settimana: se si troverà una quadra e qualora dovesse esserci una fumata bianca, il fatto che il giocatore sia già a Berlino ridurrebbe i tempi di attesa per il rilascio del visto, consentendo eventualmente al nuovo acquisto di sbarcare a Varese in tempo per debuttare nel derby di sabato prossimo a Masnago contro Cantù.

Giuseppe Sciascia

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...