Jump to content

Caja Su. Capolavoro: il derby è nostro


simon89
 Share

Dopo la sesta vittoria in fila pensate che siano finiti gli aggettivi? Tranquilli, per questo capolavoro di derby li troviamo, eccome se li troviamo. Per questi dodici giocatori vestiti di rosso e per il loro condottiero tutto d’un pezzo in giacca e cravatta: per quelli che dopo 10 anni 10 sono stati capaci di espugnare la Brianza, riportando ai tifosi obbligati ingiustamente a rimanere a casa una gioia immensa. Impagabile. Agognata.

Al Pala Desio vince la Openjobmetis di un maestro che ha insegnato a una squadra perdente, clamorosamente perdente, come si diventa spietata. Un maestro che legge le partite come nessuno, che motiva come nessuno, che dà disciplina come nessuno. Al Pala Desio vince la Openjobmetis di un leader ritornato a essere un giocatore che l’Italia cestistica intera ci invidia: si chiama Eric Maynor e ieri sera ha scherzato chiunque si parasse sulla sua strada (24 punti, 7 assist). Al Pala Desio vince la Openjobmetis unita, compatta, ricca che la cura dell’Artiglio ha restituito a chi la ama: nella giornata difficile di un Johnson “saldato” dagli avversari, esce un Eyenga attaccante (25 punti) mostruoso e inarrestabile, con vicino un Anosike professore sotto i tabelloni (10 punti, 13 rimbalzi e un JJ Johnson contenuto), e un Pelle maturo e utile (10 punti e 6 rimbalzi). Al Pala Desio vince la Openjobmetis che gioca bene a pallacanestro, che diverte, che si impone sui contendenti a rimbalzo, che dà il ritmo e ti obbliga a seguirla. Vince una magia di squadra che ti chiedi come abbia fatto a nascere dalle ceneri di un ultimo posto. Vince un sogno.

Ora alla salvezza manca solo l’aritmetica (Cremona dovrebbe fare 5/5 per raggiungerci), il cielo (ovvero i playoff, dove faremmo la nostra porca figura con un esercito così) è a due punti (ma anche a tanti doppi confronti persi…). Vada come vada, l’importante è fermare il momento: una Varese così non si vedeva da anni. La cronaca. La dimensione interna dei padroni di casa fa il pieno nei primi minuti di gara: JJ Johnson segna e arma gli esterni per il primo strappo biancoblù, subito ricucito da un canestro e fallo di Eyenga in velocità.

Se l’ala-centro americana di Cantù è e rimane un problema per la difesa biancorossa (10 punti nei primi sei minuti per lui), vero è che gli uomini di Caja in attacco riescono a leggere bene la difesa schierata e corrono appena ne hanno l’occasione. La summa è una partita veloce e divertente e un parziale di 8-15 da parte di Varese, nel quale si segnalano i cesti di Eyenga, Maynor e Pelle (15-23 al 7’). Recalcati ferma la partita e ne viene fuori una Mia più combattiva in difesa e concreta in attacco: Dowdell e Calathes ricuciono così il parziale (24-26 al 10’).

Le bombe di Cournooh e Calathes inaugurano la seconda frazione e spingono avanti Cantù (33-28), mentre tra le file varesine si rivede Avramovic dopo tanti “n.e”. Ferrero scrive il 33-32, ma la serie firmata da Dowdell e Pilepic (in mezzo un tecnico rifilato a Caja per proteste) mette le ali alla squadra dell’ex ct italiano, che vola fino al +7 (42-35 al 15’). La Openjobmetis potrebbe accusare il colpo, invece reagisce: prima è Maynor a salire in cattedra (14 punti segnati al 19’), poi è la corsa libera di un clamoroso (anche in difesa) Eyenga a riassorbire il margine dei padroni di casa e a far rimettere la testa avanti agli ospiti (8-0 di parziale, 42-43 al 18’). Dopo il timeout di Recalcati è di nuovo il congolese a timbrare, prima di un canestro di Acker e del libero di Pelle a fissare il 44-46 di metà gara.

Botta e risposta dopo la pausa lunga (46-48), poi Varese decide di girare il match dietro e di essere sinfonia davanti: la Mia si blocca contro la dura uomo di Caja, mentre dall’altra parte della luna sono i pregevoli assist di Johnson per Anosike, di Eyenga per lo stesso centro e di Maynor per Johnson a suonare una musica che vale 50-56 del 25’. Non è finita: Eyenga va a schiacciare il + 10 (50-60 al 26’), Maynor addirittura il +12 (50-62).

Tutto troppo facile? Infatti: Darden, Calathes e Quaglia reagiscono e in un amen riaccendono il PalaDesio (58-63 al 29’). La folata biancorossa sul finire del terzo quarto è tuttavia perentoria e ha la faccia scanzonata di Eyenga: 6-0 e di nuovo +11 (58-69).

Su questo slancio gli ospiti chiudono il match: Johnson trova una tripla mai trovata prima, Maynor insegna basket e incanta, Eyenga è in un’estasi che gli permette di fare quello che vuole, Anosike umilia Johnson e non gli fa più vedere la boccia. Devastanti. In sei minuti si vola a +16 (63-79) e non ci si volta più. Finisce 72-85, ribaltato anche il parziale dell’andata (-10).

Fabio Gandini

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...