Jump to content
Sign in to follow this  

Fedeltà e promesse. Perdere (anche così) non fa male


simon89

Deluso. Ma deluso per il risultato, non da chi ha giocato.

Il commento non è nostro: è di un tifoso biancorosso (MarkBuford è il suo “soprannome” online). Lo citiamo perché, anche a distanza di ore, anche a mente raffreddata, non troviamo nulla di più calzante e sensato nel descrivere l’arcobaleno di sensazioni che la sconfitta della Openjobmetis ad Avellino ha lasciato in dote.

Delusi da un’occasione persa grande come una casa, non da chi ha mantenuto l’ennesima promessa. Risalire dagli inferi di uno svantaggio in doppia cifra accusato tra le mura di una delle tre squadre più forti del campionato, giocarsela fino alla fine senza vedere il canestro grande come piazza Tienanmen come accaduto invece contro Trento, aver dimostrato di essere ancora una volta competitivi e all’altezza delle aspettative in tutto quello che non si compra al supermercato dell’innato (ovvero grinta, voglia, spirito di sacrificio): sono nodi di fedeltà che questa Varese, per una domenica ancora, non ha sciolto. Constatato questo, pure i bruciori di stomaco degli ultimi 60 secondi della partita di ieri e il conseguente nulla di fatto alla voce “punti in classifica” fanno meno male.

Numeri che spiegano

Sul maledetto rettilineo finale del match ci si tornerà fra un po’. Prima vale la pena guardare Sidigas-Openjobmetis 65-61 nel suo insieme. E scrivere di una gara offensivamente difficile, a tal punto da essere condizionante. Chi non vuole leggere la sconfitta solo negli episodi conclusivi, la può leggere nelle cifre che sintetizzano la produzione offensiva di squadra: 61 punti segnati (il peggior fatturato varesino di questo 2017/2018), 43,9% da 2 (peggio si è fatto solo a Milano), 27,3% da 3 (in questo caso il 9,5% contro Venezia è - si spera - ineguagliabile). A guardare i numeri dei singoli, poi, non va meglio: 3/11 dal campo per Waller, 1/10 per Wells, 0/4 dai 6,75 combinato di Avramovic e Tambone (tutti tiri aperti).

Per pretendere una vittoria esterna i pretoriani dell’Artiglio hanno insomma combinato poco nella metà campo avversaria: se ci sono dei rimpianti, al di là del rush finale, è perché - come sempre - nella propria si sono superati, mettendo alle corde una Scandone che non ha avuto cifre migliori (38,9% da 2, il capocannoniere del campionato Rich lasciato a 2/14, Dezmine Wells a 6/17). Davanti alla costanza offensiva di Ferrero e compagni, Avellino ci ha dovuto mettere la testa per lucrare qualcosa e ha tentato di portare a scuola Varese, girando sapientemente la palla (che ribaltamenti di lato...) nel terzo quarto quando ha capito che talento e balistica non erano sul menu di giornata.

Il “memento” di Rich

Ci è riuscita ( a tratti hanno colpito le seconde linee segnalate da Caja alla vigilia, su tutti Lorenzo D’Ercole: 3/3 da tre), dall’alto della maggior caratura complessiva. Ma non ci è riuscita fino in fondo e soprattutto non senza cercare di render pan per focaccia quando toccava a lei difendere e andare a rimbalzo (16 quelli offensivi concessi dai biancorossi, mai così tanti in 7 giornate). È stata la Sidigas, insomma, a dover fare la partita della Openjobmetis e non viceversa.

È per questo che Varese ha colto la chance di arrivare punto a punto nel finale, trascinata dall’ottima vena di Hollis (14 punti e 6/9 al tiro) e dalla verve di Avramovic, punte di un gruppo ancora una volta bravo a trovare alternative diverse all’interno di se stesso. Quella palla persa dello stesso Damian con poco più di un minuto sul cronometro e avanti di 2 (che giocata difensiva, però, del Wells irpino...), il tiro rifiutato da Avramovic subito dopo (che ha mandato fuori giri l’attacco nella specifica azione) raccontano semplicemente di un paragrafo - decisivo, per l’amor del cielo - di una storia più complessa, più lunga e per l’ennesima volta non certo triste.

Poi c’è la bomba di Rich. Quella segnata da un giocatore che fino a quel momento non aveva mai visto il canestro. Quella che ha ribaltato tutto. La giocata del campione.

Un memento potente e imperituro per la squadra di Caja, che un uomo solo al comando invece non lo possiede: ogni fortuna, qui, passerà dai tanti che diventano uno, passerà dal lavoro. Continuare così allora, please, senza cedere un centimetro.

La cronaca

Con Pelle confermato in quintetto, Varese inizia forte: Wells, Waller e Okoye martellano il canestro irpino dalla lunga e dalla media (2-10 al 3’), Avellino risponde lucrando qualche punto con Wells e Leunen davanti alla solita, problematica (per gli avversari) difesa biancorossa. Cameron Wells prende un colpo in entrata e deve tornare in panchina per le medicazioni, Okoye commette il secondo fallo: la Opernjobmetis accusa uno smarrimento (la Scandone rientra: 10-12 al 5’), risolto dalla leadership di Hollis, che serve Cain, va forte a rimbalzo e favorisce il 10-16 della prima sirena. E’ ancora lui a trascinare i suoi al rientro in campo: liberi, entrata, tripla, pregevolezze intervallate dal bel canestro sull’asse Waller-Pelle e dai punti del Wells in maglia verde che scrivono il 19-27 dei primi 5’ della seconda frazione. Gli ospiti, però, con il passare dei minuti non traducono tutto il loro lavoro difensivo: i padroni di casa ringraziano e con un parziale di 8-0 pareggiano, venendo però puniti dalla tripla di Ferrero allo scadere del tempo (27-30 al 20’). Ndyaie fa la voce grossa al ritorno in campo, davanti e dietro: con la collaborazione di Filloy è subito +4 Avellino (34-30). Pelle ed Okoye (da fuori e a rimbalzo) riequilibrano la situazione in difesa, ma in attacco la Openjobmetis spreca tutto ciò che fa di buono dietro: la Scandone, che pure non fa tanto meglio, prova e riprova e alla fine con D’Ercole riesce a scappare (47-41 al 30’). Finita? No: i biancorossi restano all’asciutto anche per i primi 3’ dell’ultima frazione (Zerini da 3: è 53-43 al 33’), ma si ritrovano affidandosi a Hollis e Avramovic e disegnano un parziale di 14-6 (Waller in contropiede e con la bomba, Hollis rubando palla, Avra in penetrazione) che li riporta davanti (59-61) quando manca poco più di un minuto. Qui la palla persa di Hollis, la bomba da campione di Rich e i successivi attacchi non andati a buon fine degli ospiti consegnano la vittoria agli irpini. Finisce 65-61.

Fabio Gandini

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Member Statistics

    1,329
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Galeno
    Newest Member
    Galeno
    Joined
×