Jump to content
Sign in to follow this  

Ferrero la bandiera «Un grande onore»


simon89

Giancarlo Ferrero pensa a un'Openjobmetis all'insegna della continuità per la stagione ventura. L'ala di Bra sarà per il quinto anno consecutivo il punto di riferimento dei tifosi che si identificano con la sua mentalità da colletto blu: col trio Ferrero, Tambone e Natali affiancato - auspicabilmente -da Cain e Attilio Caja sempre al timone, la Varese 2019/20 avrà tanti punti di contatto con quella della stagione appena archiviata a dispetto degli (almeno) sei volti nuovi da reperire sul mercato. Ma il rapporto con il capitano sarà ancora più lungo visto il rinnovo fino al 2022 già definito da tempo in attesa di un annuncio ufficiale che dovrebbe coincidere con l'avvio della campagna abbonamenti. «Essere considerato la bandiera di Varese è un grande onore e motivo d'orgoglio; percepisco l'affetto della città nei miei confronti e condivido i valori di questo club che ha creduto in me. Sono caricatissimo da questa possibilità, ma non mi sento assolutamente arrivato. Vivo di motivazioni e sono certo che per competere contro le grandi squadre - e nel 2019/20 ce ne saranno ancora di più - dovrò lavorare ancora tantissimo per essere sempre al top. Riguarderò che cosa ho fatto bene e che cosa potrò migliorare in vista della prossima stagione».

L'atleta dell'OJM ribadisce la necessità di mantenere l'identità che nella stagione appena conclusa ha regalato soddisfazioni ai tifosi dell'Enerxenia Arena. «Dovremo esser bravi a ricreare subito questa identità, a prescindere dagli uomini che faranno parte della quadra, starà a chi come me è rimasto trasmettere i valori ai nuovi arrivati. Masnago è un fortino, dovrà essere anche nella prossima annata una casa da proteggere col nostro modo di giocare basato su aggressività, difesa e collettivo. Nel 2018/19 abbiamo perso appena tre volte in casa, sarà questa la base dalla quale ripartire».

L'ala piemontese, reduce dalla miglior annata in carriera nelle triple (40,2% da 3 ) che ha chiuso con 6,2 punti in 14,5 minuti rispetto ai 6,4 in 18,0 del 2017/18, archivia così la stagione appena conclusa: «Il bilancio finale è positivo e non arrivare ai playoff con 16 vittorie è stato un caso più unico che raro (nei campionati a 16 squadre non accadeva dal 1990/91 - ndr). Il verdetto del campo ha detto questo e ne prendiamo atto: volevamo fortemente coronare il sogno che coltivavamo dal giorno 1, ma ci teniamo il clima magico respirato per tutto l'anno all'Enerxenia Arena e l'identità chiara frutto del lavoro di tutti: giocatori, staff tecnico e società».

Il rimpianto maggiore per Ferrero riguarda quella maledetta sconfitta di metà marzo ad Avellino, dove non capitalizzando il più 23 di metà gara è arrivato lo stop fatale per i sogni playoff. «Rispetto al girone d'andata sono cambiati i valori e tante avversarie sono cresciute, penso a Trento ed a Trieste che erano nella metà bassa della classifica. L'ammucchiata risolta dall'avulsa è stata frutto di un equilibrio esasperato, l'anno scorso a 32 punti avevamo festeggiato il sesto posto, con lo stesso bottino siamo arrivati noni. Rimpianti per Avellino? Ripensarci è ancora oggi una pugnalata, quella vittoria avrebbe forse potuto cambiare tutto...».

Giuseppe Sciascia

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...