Jump to content
Sign in to follow this  

Io non ho paura


simon89

È dove doveva essere. Dove si è conquistato di essere. Dove tutti quelli che sanno dare valore al merito volevano che lui fosse.

Davanti ad Attilio Caja da Pavia, però, ora c’è un libro bianco senza memoria. Completamente da scrivere. In attesa di prendere carta e penna sul campo (al raduno mancano ormai solo due giorni), l’Artiglio inizia a farlo da questa intervista: passato, presente, futuro, programmi, appelli, sogni ed emozioni di un uomo che ama la pallacanestro. Cui chiedere un altro miracolo: un’altra salvezza. «E io non ho paura».

È giunta a metà strada la sua prima estate di lavoro varesina: facciamo un bilancio, coach?

Il bilancio è indubbiamente positivo, soprattutto dal punto di vista umano. Ho lavorato con un gruppo di lavoro collaudato: Jemoli, Diamante, Bulleri e Armenise sono tutti ragazzi che già avevo avuto modo di apprezzare per le loro qualità. E lo stesso discorso vale per Claudio Coldebella e Toto Bulgheroni. Il punto è che quando ci sono stima e rispetto reciproco ogni incontro di lavoro non rimane asettico, diventando invece piacevole e costruttivo. Il tempo trascorso (che sia in ufficio, al telefono o sul parquet) e la fatica non pesano in queste condizioni: è la stessa cosa che dicevo ai miei giocatori verso la fine dello scorso campionato.

Come si forma una squadra? Come si “fa” il mercato? Per i tifosi potrebbe essere curioso saperlo…

Scouting, confronti e scambio di idee, immaginando il gruppo che sarà, come potrà giocare e in quale modo esaltare le caratteristiche dei singoli. Dei quali si valutano sia le attitudini tecniche che quelle caratteriali. All’inizio è più facile, nel senso che puoi permetterti di fare valutazioni quasi esclusivamente individuali, poi però il discorso cambia: il mercato diventa un puzzle i cui pezzi giusti vanno cercati con attenzione. Non serve il giocatore più bravo in assoluto (posto che il giocatore perfetto, se esiste, è irraggiungibile perché costa e gioca o in Nba o in Eurolega): serve quello che si incastra meglio.

… e che abbia motivazioni particolari, visto che Varese non è economicamente in grado di coprire d’oro nessuno e non può garantire ribalte continentali…

Anche questo è da spiegare. Abbiamo scelto giocatori non a digiuno di esperienza europea e in una fase ascendente della carriera, con la voglia di misurarsi in un campionato competitivo come quello italiano e soprattutto di migliorare il proprio status. Il beneficio cercato è duplice: immediato, per noi e per l’annata che ci aspetta; futuro, per loro, che realizzandosi a Varese possono accrescere le loro aspirazioni, anche economiche. Abbiamo parlato con tutti e con tutti abbiamo usato questo argomento.

Come mettere sul parquet chi ha detto di sì a queste premesse?

Cercheremo una pallacanestro di mentalità, aggressiva, con una forte attitudine difensiva. Sarà l’unico modo per colmare il gap fisico e tecnico con le altre squadre: se le affronteremo a viso aperto saremo più deboli e non c’è offesa per nessuno ad ammetterlo. La chiave per noi sarà la determinazione, da applicare in difesa, a rimbalzo e nella ricerca di un imprescindibile gioco veloce.

Come si arriva a questo obiettivo? Come verrà impostato il lavoro nel precampionato?

La pallacanestro è abitudine e ripetizione: ciò che fai bene durante la settimana riesci a farlo anche in partita. Quindi sarà fondamentale insistere fin da subito su quegli esercizi che sono in grado di sviluppare le caratteristiche che cerchiamo. E poi ci sono i video, altrettanto fondamentali. Avete presente il derby di ritorno contro Cantù della scorsa stagione? Li abbiamo battuti con anticipi sulle rimesse, rimbalzi e contropiede. Dietro c’era un lavoro di studio delle caratteristiche avversarie che ha coinvolto i giocatori, preliminare agli esercizi sul campo. Il precampionato sarà importante anche perché sarà pieno di verifiche: le amichevoli ci diranno se siamo sulla strada giusta o meno.

Andiamo per un attimo sui singoli. Di Hollis si conoscono pregi e difetti, Cain ed Okoye sono due giocatori che cercano il salto dopo aver reso molto bene nella serie A2 italiana, Wells viene da solidi campionati in Germania: la vera incognita del quintetto, sinceramente, pare la guardia Antabia Waller…

Beh, consideriamo che Waller viene sì da un campionato minore come quello montenegrino, ma ha anche avuto la possibilità di giocare in un torneo competitivo come la Lega Adriatica, contro squadre di Eurolega e di Eurocup. E ha dimostrato di essere un ottimo tiratore: se sai fare canestro, lo sai fare dappertutto. La vera incognita è quella di capire come si adatterà a una fisicità più marcata come quella della Serie A e a pressioni mentali più forti. Questo discorso, però, vale davvero per tutti: per tutti quelli che si presentano per la prima volta in Italia e per tutte le squadre che ripartono dai nastri di partenza completamente nuove. Ogni g.m, ogni allenatore pensa di aver fatto bene sul mercato, ma quello che conta è la prova del campo: ci sono squadre che nascono quasi da sole, con i giocatori che si “annusano” fin da subito, prodotto di una miscela quasi magica; altre, invece, hanno bisogno di tanto sudore e applicazione. Vedremo cosa sarà questa Varese: di certo le incognite sono tante.

Gli italiani: a Matteo Tambone, 23 anni, spetterà il non facile compito del regista di riserva…

Io mi aspetto molto da lui e penso che la fiducia non sarà mal riposta. Per la verità mi aspetto molto da tutta la mia panchina: chi per un motivo, chi per un altro, ogni giocatore avrà la chance di ritagliarsi spazi importanti. Ho incontrato Avramovic alla Basket Fest a luglio e l’ho visto molto motivato nel continuare il percorso di crescita iniziato lo scorso anno. Avrà un vantaggio: conosce già il mio metodo e sa cosa deve fare. Lo stesso vale per Giancarlo Ferrero.

E Pelle? Non si spengono le voci che lo vorrebbero lontano dal Sacro Monte…

Lo voglio guardare in faccia, appena ci sarà la prima occasione. E ci voglio “leggere” quella voglia e quella convinzione che l’anno scorso mi hanno fatto ben sperare. Mi auguro che chi gli sta vicino lo sappia consigliare nel modo giusto: è ancora molto giovane e a quell’età è un attimo prendere strade sbagliate. Se in tre mesi non gli è arrivata nessuna vera offerta, significa che al suo percorso di crescita manca ancora qualcosa: per lui Varese è il posto adatto per colmare questa mancanza.

Salvezza: chi lotterà contro la Openjobmetis?

Le solite tre e quattro squadre, quelle che se la sono giocata anche l’anno scorso. Tutte, compreso Varese, hanno cambiato moltissimo: sarà una lotta lunga, da combattere con il coltello tra i denti. Si salverà chi riuscirà a rimanere lucido di testa. Ricordiamoci tutti dov’era Varese il lunedì della partita contro Pistoia: ultima, da sola. Dovremo essere pronti a tutto e non lasciarci sorprendere da niente.

Quanta voglia ha di tornare sul parquet, coach?

Tanta. Ma più che la mancanza del campo, ciò che mi stuzzica è la curiosità. Ho voglia di vedere i giocatori che abbiamo scelto, di passare dalla teoria alla pratica. Uno può essere anche il migliore degli scout, ma finché non conosci un atleta (ovvero: lo alleni) sei solo all’inizio dell’opera. Non vedo l’ora di scoprire le loro caratteristiche, le loro virtù nascoste, di misurare la loro capacità di ascoltare, di prendersi delle responsabilità ma anche di saper diventare gregari quando serve. Non vedo l’ora, anche, di poter capire come aiutarli.

La Pallacanestro Varese che arriva dal pieno di una grave crisi economica ha trovato in lei una sorta di esempio di morigeratezza contrattuale: a dicembre 2016 ha firmato al minimo possibile, quest’anno il suo stipendio sarà un po’ più alto ma non certo al livello di tanti altri colleghi. I soldi non sono importanti per lei, Caja?

Ognuno nella propria vita fa delle scelte, che dipendono necessariamente dalle predilezioni di un determinato momento. Per me, oggi come oggi, conta la possibilità di lavorare con persone valide e di farlo in un ambiente motivante come lo è la Varese della pallacanestro. Qui ci sono tifosi veri, generosi, che sono stati capaci di stare vicino alla squadra anche nei momenti più duri dello scorso anno, quando continuavamo a perdere: ci hanno aiutato a non perdere la serenità. Vedere che a ogni allenamento della settimana c’è gente che viene a sostenerti e potersi relazionare con soggetti competenti, fedeli e appassionati è un privilegio che vale più di un contratto a tanti zeri, almeno in questo momento della mia carriera. Piuttosto sento il dovere di ripagare chi impegna tempo e soldi per seguirci e su questo tasto spingerò molto anche con i giocatori.

Cosa dirà ai nuovi (cioè a quasi tutta la squadra…)?

Che qui c’è gente che vuole solo una cosa: dei combattenti. Nessuno pretende che si vincano tutte le partite, ma un determinato atteggiamento sarà fondamentale. Confido molto anche in Giancarlo Ferrero: mi darà una mano nel far passare il giusto messaggio. I tifosi sono gli unici depositari del “marchio” Varese: vige l’obbligo di rispettarli. Se tu li rispetti, loro ti aiutano. E noi avremo bisogno di una bella atmosfera nella nostra casa di Masnago per raggiungere la salvezza.

Pavia 1992, Varese 2017: sono venticinque anni esatti che fa il capo allenatore. Andato bene il viaggio?

Di più, è stato ottimo. E sono orgoglioso di tagliare un traguardo del genere. Sono stato retribuito per realizzare la mia passione: non penso che capiti a tutti, così come non capita a tutti di partire con dei sogni e realizzarli nel percorso. Ci vuole fortuna, quella di essere nel posto giusto al momento giusto, ma bisogna anche meritarselo: e io penso di essermelo meritato. Il segreto è imparare dagli errori, dagli alti e bassi della vita, migliorandosi con il tempo: ritengo di essere stato in grado di farlo.

Che mestiere faceva prima di diventare allenatore?

Facevo il rilevatore tributario per il Comune di Pavia. Per cinque anni, dai 21 ai 26, andavo al lavoro al mattino e allenavo le giovanili al pomeriggio, poi mi sono licenziato dal posto fisso e ho rischiato per inseguire solo il basket. Sono stato l’assistente di Arnaldo Taurisano e Tonino Zorzi, poi sono diventato capo-allenatore. E’ andata bene.

Caja, lei lo sa che quest’anno sarà dura, tanto, anche per lei? Dopo due brillanti salvezze conquistate quando tanto (e l’anno scorso praticamente quasi tutto…) sembrava perso, i tifosi biancorossi la amano e i dirigenti hanno piena fiducia in lei. Ma la memoria, nello sport, può essere cortissima: lo diceva anche lei ai suoi giocatori dopo la striscia vincente dell’ultima parte dello scorso campionato…

La verità è che una regola non esiste: la memoria può essere lunghissima o cortissima. E vale in assoluto l’esempio di Claudio Ranieri nel calcio: dopo aver vinto un titolo impensabile con il Leicester è stato cacciato via. Comunque sì, lo so. So che ci saranno delle difficoltà, conosco il lavoro che faccio e le sue “regole” e so anche che gli allenatori a Varese negli ultimi tempi non sono durati moltissimo (ne sono cambiati sei in quattro anni, effettivamente… ndr). Ma non sono per nulla spaventato. Venticinque anni di carriera non ti portano solo a perdere i capelli e a mettere gli occhiali: ho acquistato una tranquillità che mi permette di andare avanti. Si può avere paura di una visita in ospedale, non di una stagione di pallacanestro.

Fabio Gandini

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Member Statistics

    1,373
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Simone Colombo
    Newest Member
    Simone Colombo
    Joined
×