Jump to content

La parola alla difesa


simon89
 Share

Difesa, rimbalzi e spirito di gruppo. Anche i numeri confermano che i punti di forza della Varese operaia stanno nell'applicazione in retroguardia e nella capacità del collettivo di esaltare i valori dei singoli. Statistiche individuali e di squadra come cartine di tornasole: solo tre i giocatori biancorossi nella "Top Ten" delle nove voci principali - Tyler Cain quinto nei rimbalzi, Norvel Pelle terzo nelle stoppate e Cameron Wells nono negli assist - mentre nei dati aggregati offensivi la squadra di Caja è ottava nei punti segnati, undicesima nella percentuale da 2 punti e ottava in quella da tre punti.

Le voci positive nelle quali Varese eccelle sono due: i rimbalzi di squadra, con il secondo posto assoluto a 40,6 di media e un differenziale di 6 palloni in più rispetto ai 34,3 concessi agli avversari, e le palle perse, 12,7 di media per un quarto posto totale. Ma il pezzo forte della sporca dozzina biancorossa è la difesa: non soltanto per quanto riguarda i punti subiti (71,2, terzi dietro Brescia e Milano) ma anche nella percentuale concessa agli avversari (46,8% da 2 e 47,3% totale, solo un battito di ciglia dietro al 47% dell'EA7) e nelle stoppate (seconda a 3.5). Cosa esprimono in soldoni questi numeri? Che Varese non concede mai canestri facili agli avversari, e che il sistema di aiuti e rotazioni protegge efficacemente il pitturato, prima di tutto dalle soluzioni principali dell'attacco e in seconda battuta nei duelli sotto i tabelloni, sfruttando l'atipicità di Okoye e la capacità sui rimbalzi lunghi di Waller e Wells oltre ai centri propriamente detti.

Una difesa non particolarmente aggressiva sulla palla (dodicesimo posto per palle perse forzate agli avversari a quota 12,8) ma molto efficace nella sua tenuta d'insieme. E quando funziona la retroguardia, anche l'attacco si mette in moto: nel gruppo biancorosso non ci sono punte designate (Waller sedicesimo e Okoye diciassettesimo i primi varesini in classifica marcatori), ma il predominio aereo che la squadra di Caja ha esercitato quattro volte su 6 partite è il principale innesco di un contropiede che permette di esaltare le qualità atletiche comuni alla maggior parte del roster. Se Varese difende l'area e recupera i palloni vaganti, poi in campo aperto può fare malissimo: se ne sono accorte a loro spese Cantù e Trento, e l'aspetto determinante del più sofferto match contro Pistoia è stato il duello a rimbalzo "girato" nel quarto periodo risolutivo.

In tutto ciò comunque i biancorossi stanno mostrando progressi significativi anche in attacco: rispetto alle prime 4 gare nelle quali il tiro da 3 punti era l'unico sbocco del gioco a metà campo (con il 2/21 contro Venezia e l'8/31 di Brescia a sancire prove stentate sul piano offensivo), nelle ultime due gare Varese ha cercato di più e meglio il gioco dentro l'arco, tra le sospensioni dalla media di Wells e qualche soluzione interna in più per Pelle e Cain. Ma applicazione in retroguardia e fame di palloni vaganti restano la priorità assoluta.

Giuseppe Sciascia

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...