Jump to content
Sign in to follow this  

OJM dai due volti, Brescia la castiga


simon89

Il ruggito della Leonessa manda ancora al tappeto l'Openjobmetis. Terzo stop in fila per la formazione di Attilio Caja, che si arrende di fronte ad una Germani reattiva e graffiarne pur senza Luca Vitali. Varese gioca una gara dai due volti, pagando a caro prezzo un secondo quarto povero di lucidità prima ancora che di qualità balistiche.

L'abbrivio positivo frustrato dal clangore dei ferri del PalaLeonessa impedisce ai biancorossi di raccogliere i frutti di un approccio efficace. E a suon di errori su errori dall'arco (terribile 6/25 al tiro a metà gara), l'OJM deraglia dai binari del control-game obbligatorio per non esaltare un'avversaria priva di un play di ruolo ma grondante vigore atletico nei moli perimetrali.

Varese va sotto di brutto subendo la fisicità degli esterni della Germani, con Moss regista occulto e Abass stoccatore di forza: con Cain messo k.o. dai falli (4 a fine secondo quarto; arbitraggio spesso fuori controllo, e Caj a a fine gara non le manda a due...) l'attacco ospite non capitalizza mai i vantaggi fisici contro l'esperienza dei vari Zerini e Sacchetti (36% da 2 contro il 62% dei padroni di casa e 30 tiri da 2 contro 39 triple).

Solo dopo il meno 20 del 24' la formazione biancorossa adegua il livello di fisicità al clima agonistico in campo, e macinando le sue geometrie a ritmi più adatti alle sue abitudini riapre clamorosamente il match grazie allo scatenato Tommy Scrubb (11/18 al tiro e 8 rimbalzi). Ma il canadese è una voce nel deserto di un attacco che come contro Pistoia e Bologna costruisce tanto ma converte poco: l'unico a dar manforte al mancino del 1991 è Nicola Natali, anima della rimonta della ripresa.

Ma per la terza volta di fila alla manovra OJM manca all'appello il fatturato di Moore e Avramovic: il play tesse trame efficaci (8 assist) ma colleziona ferri e nel finale non convince, il mancino serbo gira nuovamente a vuoto finendo troppe volte irretito nei viluppi a centroarea. E ad acuire il problema della produzione delle guardie, anche Salumu si unisce alla collezione di errori dal perimetro (7/28 complessivo per il pacchetto esterni).

Il momento di flessione dei due titolari e le difficoltà di adattarsi al doppio salto (prima volta da straniero e prima volta dalla panchina) da parte del belga è il fattore chiave delle difficoltà di Varese in un campionato nel quale però molte squadre in affanno o in ritardo nel girone d'andata hanno modificato l'organico o trovato in corsa equilibri migliori. Ora le avversarie stanno crescendo, e Brescia ne è un esempio eloquente, mentre il team di Caja sta segnando il passo per un mix di calo fisico e mentale.

La rimonta finale dimostra che i biancorossi hanno ancora piena fiducia nel sistema, e i 4 punti di vantaggio sul nono posto rimangono un tesoretto sul quale fare affidamento. Ora tappa mercoledì a Larnaca, ma la doppietta casalinga campionato-FIBA Cup contro Sassari diventa un test importante...

Giuseppe Sciascia

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Member Statistics

    1,373
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Simone Colombo
    Newest Member
    Simone Colombo
    Joined
×