Jump to content
Sign in to follow this  

OJM un po' spenta. È Reggio che ride


simon89

L'Openjobmetis non guarisce dal mal di trasferta sul campo della Grissin Bon. La compagine di Attilio Caja si arrende alla fame di punti dei padroni di casa, che cavalcano il talento del bomber Ledo per nascondere l'assenza pesante dell'infortunato Butterfield. Varese gioca la partita tatticamente accorta impostata dal coach pavese, controllando i ritmi e tenendo il punteggio basso contro un'avversaria corsaiola come la formazione di Cagnardi.

Ma contro la peggior difesa della serie A i biancorossi producono un fatturato offensivo decisamente troppo modesto per coronare i frutti delle loro fatiche in retroguardia. L'OJM macina trame pazienti ma troppo spesso sterili: con Avramovic guardato a vista da Candì e mai in grado di accendersi tra cambi punitivi e misure troppo spesso sfasate negli assalti al ferro, l'attacco di Varese non ha alternative al martellamento dall'arco che però funziona poco e male (8/27 totale, sarebbe 3/16 senza l'unica mano calda Archie).

Il rammarico maggiore è per i primi 15' con l'inerzia in mano, nei quali però la squadra di Caja raccoglie solo in minima parte per la difficoltà del suo attacco di monetizzare il volume di fatica profusa sul parquet. Poi sopravviene la frustrazione e fioccano le palle perse, tante volte banali, a togliere fluidità ad una manovra prevedibile senza un'alternativa affidabile ad "Avra".

Non può esserla Moore, la cui taglia fisica è troppo limitata per incidere in penetrazione; né Bertone, elemento di quantità che non graffia con minuti spot; né Scrubb, che ha doti di finalizzatore sugli scarichi e in campo aperto ma non crea con la palla in mano. Ma se le guardie producono così poco, non bastano i 37 punti fatturati da Archie (il migliore della stagione) e Cain per portare a casa una partita che Reggio Emilia ha vinto quando ha abbassato il quintetto giocando con tre piccoli per aumentare l'aggressività e migliorale le spaziature offensive.

Tra martedì in Ungheria e ieri al PalaBigi sono arrivate risposte sostanzialmente analoghe: questa Varese, semplicemente, non ha abbastanza qualità perimetrale per riuscire a ripetere in versione esportazione il suo rendimento casalingo. Fa bene Attilio Caja a guardarsi le spalle e pensare alla distanza dall'ultimo posto, inquadrando la salvezza come obiettivo primario?

Impegno e applicazione danno gas quando l'OJM gioca all'Enerxenia Arena, ma evidentemente non bastano per incidere lontano da Masnago. Ora il fattore campo darà il suo conforto in occasione delle prossime sfide contro Rilski Sportist e Avellino: in particolare il match di domenica contro l'attacco atomico di una squadra di alto rango come la Sidigas dovrà dare altre risposte importanti sullo spessore di Varese. Che per provare a proporre un volto esterno meno prevedibile e piatto potrebbe valutare un esterno di qualità e personalità da incastrare tra Avramovic e Scrubb durante la pausa per le Nazionali.

Giuseppe Sciascia

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Member Statistics

    1,367
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Daniel S.
    Newest Member
    Daniel S.
    Joined
×