Jump to content
Sign in to follow this  

"Poz" non perdona. OJM, debutto choc


simon89

L'Openjobmetis crolla malamente nell'esordio casalingo all'Enerxenia Arena. Il varesino onorario Gianmarco Pozzecco è profeta in patria in un debutto nel quale la truppa di Attilio Caja non tiene fede agli auspici espressi ieri su queste colonne da Rosario Rasizza. Una Varese piccola piccola, principalmente nel rendimento offensivo generato da una tremenda collezione di ferri dall'arco (35 errori su 42 tentativi da 3 rispetto ai 25 tiri da 2), ma anche in un atteggiamento troppo remissivo - fatta salva la verve di capitan Ferrero - e figlio della frustrazione per un attacco totalmente improduttivo.

OJM troppo brutta per essere vera contro un'avversaria comunque solida nel punire con le sue triple in transizione e sui raddoppi in post basso gli errori dei padroni di casa. La realtà dei fatti dice che a Varese manca la guardia titolare: gli zero punti in due di Jakovics e Tepic sono un dato eloquente, al quale si aggiunge la serata no di Tambone. E senza un supporto efficace sul perimetro Josh Mayo stecca la prima con una prova balistica che ricorda il peggior Ronnie Moore: alla fine il centrocampo biancorosso produce un gelido 5/32 totale dal campo, ma il problema principale è la difficoltà di qualsiasi giocatore dell'organico - eccetto qualche sprazzo di Peak - a guadagnarsi un vantaggio nell'1 contro 1.

Così il movimento di palla sul perimetro diventa prevedibile, esaurendosi sistematicamente in un forzoso tiro al bersaglio dall'arco con esiti desolanti anche quando i giocatori dell'OJM avevano ampio spazio a disposizione. Certamente aveva ragione Attilo Caja nell'ammonire l'ambiente sulle difficoltà di messa a punto di un roster rinnovato per 7 decimi; e alla prova del campo l'esordio è stato simile a quello di due anni fa, col meno 21 contro Venezia che aveva denotato limiti evidenti sul piano della messa a punto. Ma all'OJM è mancata anche l'aggressività per provare a reagire quando il clangore del ferro è diventata una colonna sonora sin troppo ripetuta; e questo è un aspetto che i 4.350 presenti per la prima a Masnago non vogliono rivedere in futuro.

Presto per far scattare l'allarme pur con la necessità evidente di recuperare Clark (oggi la risonanza per il via libera nel tornare ad allenarsi, ma è un' incognita tecnica e in termini di condizione...) per sbloccare Mayo e aumentare il potenziale offensivo di una OJM parsa davvero povera di risorse pur contro una squadra di alto rango come la Dinamo. Ma domenica si gioca di nuovo a Trieste, sul campo di un'avversaria della stessa fascia di Varese che ieri ha rischiato il colpaccio sul campo dei campioni d'Italia di Venezia. Basteranno tre giorni per girare qualche vite nei meccanismi biancorossi? L'auspicio è che l'OJM fosse contratta per la tensione dell' esordio casalingo, anziché troppo preoccupata di eseguire lo spartito di Caja...

Giuseppe Sciascia

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...