Jump to content
Sign in to follow this  

Sassari prima del bilancio. Varese difendi il tuo fortino


simon89

Sulla carta quella di oggi sarà un’altra montagna: Sassari vale una parte di classifica (quella di sinistra) nella quale Varese non dovrebbe avere diritto di cittadinanza (mentre la squadra di Pasquini sì, al pari di Venezia, Milano, Brescia, Trentino e Avellino).

Sulla carta quella di oggi sarà un’altra montagna, scivolosa per di più. C’entra la psicologia: la Dinamo ha già sfiorato il suo fondo (dimissioni dell’allenatore dopo la sconfitta interna di domenica scorsa contro Capo d’Orlando), ha immediatamente ricominciato la risalita (dimissioni ritirate davanti alla presa di posizione compatta dei giocatori e vittoria convincente in Champions League contro l’Hapoel Holon) e si presenterà a Masnago con l’animo lindo di chi ha scampato un pericolo e con la ferocia di chi sa che non può più permettersi di perdere altri punti per strada.

Sulla carta quella di oggi sarà un’altra montagna, di quelle che la Openjobmetis di Attilio Caja, però, ha finora sempre dimostrato di saper scalare, pur non riuscendo talvolta ad arrivare fino in cima. Scorie dopo il successo pregustato ma sfuggito ad Avellino domenica scorsa? No, se conosciamo un minimo l’Artiglio, la disciplina mentale insita nei suoi insegnamenti e la classe alla quale la impartisce.

Servirà la solita cordata, perché il Banco di Sardegna opporrà la stessa moneta, seppur con una diversa gradazione di talento. Cinque giocatori in doppia cifra (per punti) di media nelle prime sette gare: dietro a Bamforth, 14,3, ci sono Jones, Polonara, Randolph e Hatcher, tutti intorno agli 11 ad allacciata di scarpe. E se si guarda oltre, il concetto si rafforza: Pierre, Spissu, Planinic, Stipcevic (che oggi, però, marcherà visita), tutti sugli 8 di media.

Una cooperativa della palla al cesto, senza apparentemente un leader ma ben assortita e poliedrica: la trazione anteriore di guardie che vedono il canestro (Bamforth viaggia con oltre il 42% da tre su cinque tentativi a gara, l’ex Avellino Randolph sa mettere sapientemente la palla per terra e poi c’è la solidità tecnica e mentale di un uomo da ultimo tiro come l’ex Partizan Hatcher), unita a tanti modi di far male sotto le plance: Polonara a parte (mobilità, altezza, rimbalzi in posizione 4: lo conosciamo bene), un centro alto e intimidatorio da opporre a Pelle (Planinic) e un altro che è quasi la fotocopia fisica di Cain (Jones). Scopa e scopa: a favore di chi, lo dirà il campo.

È difesa e rimbalzi (Varese) contro attacco (Sassari), anche se il basket frizzantino (storico marchio isolano) non è certo la stella polare di coach Pasquini, che le quattro sconfitte su sette match disputati le vede forse spiegate nell’essere la seconda retroguardia (dopo Cantù) più battuta del campionato (83,7 punti subiti contro i 70,7 di Varese). Poi c’è la coppa (che un po’ di “bua” la fa quasi sempre...) e il fatto che la sua Dinamo, come Varese, è un’altra squadra rifondata da zero o quasi nell’ultima estate.

Openjobmetis in versione Cagiva (absit iniuria verbis), che il fortino lo difendeva sempre con le unghie e con i denti? Servirà anche il pubblico, partecipe e incantato contro Trentino due settimane or sono. E qui una risposta è già arrivata: prima della presentazione delle squadre, l’instancabile trust “Il Basket siamo Noi” coinvolgerà e colorerà il palazzetto con una bella coreografia, tanto per iniziare con il piede giusto.

Appuntamento alle 18.15, puntuali. Poi, complice la pausa, sarà già tempo dei primi bilanci.

Fabio Gandini

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Member Statistics

    1,373
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Simone Colombo
    Newest Member
    Simone Colombo
    Joined
×