Jump to content
Sign in to follow this  

Varese sfida Trento. Caja suona la carica «Rivoglio la magia»


simon89

Siamo agli sgoccioli della stagione ma la voglia di basket è ancora tanta, tantissima. Stasera al PalA2A si gioca Varese-Trento (20.30) e per i biancorossi di Caja è previsto un altro bagno di folla: la prevendita ha toccato quasi un migliaio di biglietti venduti, e anche per questo anticipo pasquale si supereranno le quattromila presenze nel Tempio. Per la Openjobmetis, probabilmente, questa è una partita da affrontare con meno pressione, piuttosto con la voglia e l'intenzione di migliorarsi ancora, di togliersi qualche soddisfazione in un'annata che ha visto la svolta solo un mese fa. C'è voglia di basket e di divertimento a Varese, e a questo punto spiace che la stagione sia prossima a concludersi. Può arrivare la salvezza aritmetica in caso di vittoria, o anche in caso di sconfitta se perdesse contemporaneamente anche Cremona, ma c'è anche un minuscolo ed impercettibile spiraglio da tenere ancora aperto per i playoff.

Coach Attilio Caja ieri ha presentato in conferenza stampa la partita di oggi, così: «Questa partita arriva dopo che si è interrotta la nostra serie positiva di sei vittorie consecutive. C'è un po' di rammarico perché per trenta minuti a Reggio abbiamo fatto una buona partita, una partita da 6 in pagella, l'avessimo fatta da 8 avremmo avuto delle speranze di vittoria. Questo ci ha lasciato l'amaro in bocca ma la classifica è comunque positiva ora, quindi nulla di trascendentale. Vorremmo però riprendere quel momento magico perché è bello vincere, si crea una bella atmosfera che ti permette di andare in palestra con il sorriso e anche se lavori duro te ne accorgi di meno». La voglia di vittoria è tanta, traboccante: «Ci siamo allenati per riuscire a fare questo risultato senza dover guardare agli altri campi. Vogliamo un risultato di prestigioso contro una squadra che farà i playoff. Ci siamo già confrontati con Capo, siamo andati abbastanza bene con Reggio e vorremmo fare altrettanto con Trento, che nel girone di ritorno ha fatto grandissimi risultati. È una squadra che ha grandi statistiche, è prima per palle recuperate, per rimbalzi offensivi e subisce meno punti di tutti. Da parte nostra servirà una partita attenta, importante e positiva, da interpretare al meglio consapevoli del loro atletismo, molto pronunciato in fase difensiva. Dovremo farci trovare pronti al cospetto della loro aggressività e, siccome giochiamo in casa, fare altrettanto».

Trento è una squadra alla terza partecipazione in Serie A, con assetti diversi ma sempre in grado di centrare i playoff. La versione che incontrerà Varese ha appena cambiato pelle: fuori Devyn Marble, a causa di un infortunio che ha chiuso anzitempo la sua stagione (lo stesso è accaduto a Baldi Rossi), dentro Shavon Shields, annunciato come buon attaccante e ottimo difensore. Caja, opportunamente stimolato, si sofferma però sulla storia recente dei trentini: «In questi anni la squadra di Buscaglia ha avuto situazioni diverse: ad esempio al primo anno aveva un accentratore come Tony Mitchell, ed una squadra che giocava solo per lui. L'anno scorso invece aveva a disposizione un reparto lunghi di livello assoluto con Pascolo, Wright e Baldi Rossi. Quest'anno hanno soluzioni più perimetrali però con una buona omogeneità. Cambiando i vari addendi però il risultato non è mai cambiato, hanno sempre fatto buone stagioni e sono sempre arrivati ai playoff».

Capitolo Eric Maynor: «Eric sta meglio, si è allenato da martedì con la squadra. Non è al top della condizione ma è a disposizione, poi che sia al 70, 80 o 90% non lo so, non sta a me dirlo. Però va bene uguale». Contro due mastini come Craft e Forray, molto difensivi e molto fisici, non sarà facile per lui: «A livello di difesa - argomenta Caja - non è un discorso di uno contro uno. Maynor gioca tante situazioni di uno contro uno però non dipende solo dai suoi avversari diretti ma anche dei loro compagni. E anche da come i nostri riusciranno a metterlo nelle migliori condizioni per esaltare le sue doti da passatore». L'amarezza per la sconfitta di Reggio però è superata, ora c'è l'ostacolo Trento da superare: «Abbiamo lo stimolo a fare sempre meglio, ad alzare l'asticella. Non vogliamo fermarci». Caja chiude un cerchio con questa partita, un girone alla guida di Varese, ma non è tempo di bilanci: «Li faremo a fine stagione, mancano quattro partite, ci penseremo più avanti». 

Alberto Coriele

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Member Statistics

    1,328
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Pier
    Newest Member
    Pier
    Joined
×