Jump to content

Wells dalla polvere all'altare «E adesso voglio ripetermi»


simon89
 Share

Dalla polvere all'altare in soli sei giorni. Cameron Wells ha fugato i dubbi emersi sulle sue qualità dopo la scialba prova di Brescia grazie al finale da protagonista assoluto che ha portato Varese al successo su Pistoia. L'eroe di giornata racconta così la svolta legata ai colloqui settimanali con il coach, con una diversa interpretazione della gestione della squadra nel ruolo nevralgico del playmaker.

«Ho provato ad essere sempre aggressivo in ogni possesso: il coach mi ha chiesto di prendere più iniziative e ho cercato di mettere in pratica i suoi dettami in una partita nella quale avevo la possibilità di far valere le mie qualità. La vittoria è stata comunque della squadra e non solo mia: anche domenica abbiamo cercato di eseguire insieme e, soprattutto, abbiamo difeso di squadra nei momenti decisivi. Lo facciamo sempre, lo abbiamo fatto contro Pistoia e proveremo a farlo anche sabato contro Trento per ottenere un altro successo in casa».

Solo una questione mentale, dunque, nel suo cambio di stile nell'attaccare il canestro con più libertà e meno pensieri sulle esecuzioni...

«La chiave è stata proprio la spinta ad attaccare con energia ogni volta che ne ho avuto la possibilità; mi sentivo in forma, ci ho provato con più fiducia e più costanza e i risultati sono stati decisamente positivi. Ho avuto alcune partite problematiche nelle gare precedenti, ma ho cercato di lavorare sempre al massimo in allenamento per migliorare il mio inserimento nel sistema e trovale il mio ritmo nel flusso del gioco».

Dopo Brescia l'ambiente si aspettava da lei dei segnali diversi: la sua risposta sul campo è stata perfetta.

«Contro Pistoia è stata una buona partenza di quella che spero possa diventare l'abitudine. Ho fatto quel che Varese s'aspettava? Ma anch'io avevo la stessa richiesta: in realtà mi considero molto esigente con me stesso, dunque mi aspetto di ripetermi in ogni partita sui livelli di domenica. Continuo a dare il massimo ogni giorno per progredire e garantire alla squadra quella leadership che auspico di riuscire a esercitare con continuità».

Vittoria sofferta ma comunque importante per dare continuità all'impresa nel derby contro Cantù.

«È stata una partita impegnativa, tirata dal primo al-l'ultimo possesso: Pistoia ci ha messo in difficoltà con una difesa energica, siamo stati bravi a reggere tutti insieme e stare uniti anche nei momenti peggiori, alzando il livello dell' intensità nel finale. Una grande gara e una vittoria importante che conferma il valore del nostro collettivo».

Come si sta trovando a Varese dopo tre stagioni consecutive a Giessen, dov'era diventato anche capitano dei 46Ers?

«Sto ancora completando l'ambientamento (l'atleta statunitense vive con la compagna 20enne conosciuta in Germania - ndr), ma qui mi sento bene: è normale che serva del tempo dopo tre anni consecutivi nella stessa città per trasformare Varese nella mia casa. Però, credo che nel giro di qualche mese avrò lo stesso tipo di feeling che avevo creato in Germania».

Giuseppe Sciascia

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...