Jump to content

Milanesi.....


Recommended Posts

Leggetevi 'sto articolo.........siamo già all' esaltazione di massa....

La partita l'ha più persa Bologna ( Virtus !!!) che vinta Milano.......

Io, se fossi in loro, sarei un pochettino più prudente........ ^_^

Ciliegina Shumpert

Milano è ancora magia

La magia non s'è interrotta, Milano riprende il discorso spezzato brutalmente lo scorso giugno dal tiro della vita di Ruben Douglas: 8600 spettatori hanno accompagnato la prima avventura dell'Olimpia nella nuova stagione, quella in cui tutti si aspettano la consacrazione, lo scudetto. Non riescono a togliersi la voglia di Bulleri covata per tutta l'estate, perché la sua gara finisce troppo presto. E devono essere proprio intenditori per scoprire le qualità di Jack Galanda, fondamentale contro Bluthenthal e nel finale da pivot.

Quello che è palese anche per il nuovo pubblico dell'Armani è che Preston Shumpert sia la glassa sulla torta, uno capace di essere decisivo perché ha la pazienza di aspettare che la partita vada da lui, senza forzare. Il nuovo americano si sbuccia i gomiti, ruba un paio di palloni, stoppa alla Singleton in un momento delicato, consegna nelle mani della vecchia guardia il vantaggio. «Il coach vuole che sia più aggressivo — dice l'ex di Syracuse — ma in una squadra così deviessere pronto un giorno ad essere protagonista, un altro sacrificarti per gli altri». Con Shumpert il grosso del lavoro offensivo lo fa Gigena, che entra sul 66 pari e segna 9 punti da k.o. in una manciata di minuti. Poi Coldebella guida un quintetto più difensivo, nella gestione del vantaggio.

Il ritorno della Virtus in A non è goliardico, come l'orsacchiottone di peluche portato in panchina a memento dei torti subiti, o la presenza del 14enne Matteo Negri, il più bravo a scuola del vivaio. Per tre quarti, la squadra di Markowski conduce mentalmente la gara anche quando è sotto, perché costringe Milano a giocare una pallacanestro che non la porta mai da nessuna parte, soffice in difesa e con un ritmo eccessivo. Ma le sono mancati troppi giocatori (malissimo English, impalpabili Lang, Drejer e Di Bella) per sostenere il basket di quantità di Bluthenthal e la buona gara di Rodilla. «Nell'ultimo quarto, siamo crollati fisicamente e nella testa» dice il coach macedone.

Le iniziative di Bulleri alimentano l'attacco di Milano che va via facile (11-4) e poi si fa raggiungere appena scopre che, con l'infortunio di Bullo (ginocchio sinistro) ha difficoltà in regìa. Dove Cavaliero va veloce ma è confuso e Coldebella non è pericoloso. Così la Virtus sorpassa (28-30). E' una partita divertente ma non c'entra niente con quello che l'Armani deve dimostrare di essere diventata. Marcature e collegamenti difensivi modesti, anche a zona soprattutto sotto canestro, e palle perse: solo il talento (con la novità Vukcevic) le permette di sfruttare le forzature virtussine e stare davanti. Fino a quando Gugliotta e Rodilla fanno un break (58-62).

Shumpert, allora, prima segna, poi recupera e stoppa dando a Gigena gli attacchi del parziale decisivo (79-71). C'è la vecchia Armani in campo, che riscopre l'identità smarrita, difende attorno a Galanda e Fajardo. Milano tornerà al Forum in Eurolega. Forse ci sarà Djordjevic, comunque dovrà già essere più grande.

Luca Chiabotti

P.S.: ... ma era Pittis in telecronaca ??.......agghiacciante !!!! :o:o^_^:blink::angry:

Edited by ROOSTERS99
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 72
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Leggetevi 'sto articolo.........siamo già all' esaltazione di massa....

La partita l'ha più persa Bologna ( Virtus !!!) che vinta Milano.......

Io, se fossi in loro, sarei un pochettino più prudente........ ^_^

Ciliegina Shumpert

Milano è ancora magia

La magia non s'è interrotta, Milano riprende il discorso spezzato brutalmente lo scorso giugno dal tiro della vita di Ruben Douglas: 8600 spettatori hanno accompagnato la prima avventura dell'Olimpia nella nuova stagione, quella in cui tutti si aspettano la consacrazione, lo scudetto. Non riescono a togliersi la voglia di Bulleri covata per tutta l'estate, perché la sua gara finisce troppo presto. E devono essere proprio intenditori per scoprire le qualità di Jack Galanda, fondamentale contro Bluthenthal e nel finale da pivot.

Quello che è palese anche per il nuovo pubblico dell'Armani è che Preston Shumpert sia la glassa sulla torta, uno capace di essere decisivo perché ha la pazienza di aspettare che la partita vada da lui, senza forzare. Il nuovo americano si sbuccia i gomiti, ruba un paio di palloni, stoppa alla Singleton in un momento delicato, consegna nelle mani della vecchia guardia il vantaggio. «Il coach vuole che sia più aggressivo — dice l'ex di Syracuse — ma in una squadra così deviessere pronto un giorno ad essere protagonista, un altro sacrificarti per gli altri». Con Shumpert il grosso del lavoro offensivo lo fa Gigena, che entra sul 66 pari e segna 9 punti da k.o. in una manciata di minuti. Poi Coldebella guida un quintetto più difensivo, nella gestione del vantaggio.

Il ritorno della Virtus in A non è goliardico, come l'orsacchiottone di peluche portato in panchina a memento dei torti subiti, o la presenza del 14enne Matteo Negri, il più bravo a scuola del vivaio. Per tre quarti, la squadra di Markowski conduce mentalmente la gara anche quando è sotto, perché costringe Milano a giocare una pallacanestro che non la porta mai da nessuna parte, soffice in difesa e con un ritmo eccessivo. Ma le sono mancati troppi giocatori (malissimo English, impalpabili Lang, Drejer e Di Bella) per sostenere il basket di quantità di Bluthenthal e la buona gara di Rodilla. «Nell'ultimo quarto, siamo crollati fisicamente e nella testa» dice il coach macedone.

Le iniziative di Bulleri alimentano l'attacco di Milano che va via facile (11-4) e poi si fa raggiungere appena scopre che, con l'infortunio di Bullo (ginocchio sinistro) ha difficoltà in regìa. Dove Cavaliero va veloce ma è confuso e Coldebella non è pericoloso. Così la Virtus sorpassa (28-30). E' una partita divertente ma non c'entra niente con quello che l'Armani deve dimostrare di essere diventata. Marcature e collegamenti difensivi modesti, anche a zona soprattutto sotto canestro, e palle perse: solo il talento (con la novità Vukcevic) le permette di sfruttare le forzature virtussine e stare davanti. Fino a quando Gugliotta e Rodilla fanno un break (58-62).

Shumpert, allora, prima segna, poi recupera e stoppa dando a Gigena gli attacchi del parziale decisivo (79-71). C'è la vecchia Armani in campo, che riscopre l'identità smarrita, difende attorno a Galanda e Fajardo. Milano tornerà al Forum in Eurolega. Forse ci sarà Djordjevic, comunque dovrà già essere più grande.

Luca Chiabotti

P.S.: ... ma era Pittis in telecronaca ??.......agghiacciante !!!! :o  :o  ^_^  :blink:  :angry:

35251[/snapback]

strano non abbiano cantato "salutate la capolista". oddio però non che il pack sul giorno non ci abbia esaltato per un +8 ad avellino eh però...bauscia!!!!

Link to comment
Share on other sites

errata corrige con articolo allegato

strano non abbiano cantato "salutate la capolista". oddio però non che Massimiliano Santosuosso sul giorno non ci abbia esaltato per un +8 ad avellino eh però...bauscia!!!!

COLLINS E ALBANO SONO SUPER, IL TORNADO WHIRLPOOL SPAZZA L’AIR AVELLINO

RASSEGNA STAMPA da IL GIORNO

La forza di Collins, l’astuzia di Garnett, la caparbietà di Albano. Varese va già che è un incanto. Annichilita l’Air: regge solo due quarti la squadra di Giuliani. Poi crolla alla distanza sotto i colpi infernali di Collins. La gara parte equilibrata. Difese attente, attacchi che non sfondano. Nel primo quarto l’Air conclude tre punti avanti (17-14), ma Varese non perde la bussola: Hafnar è imprendibile, Albano sbaglia poco. Nel secondo quarto la musica non cambia. La squadra di Giuliani tenta la fuga con Dorkofikis, ma Collins prende la Whirlpool per mano. La risalita è lenta: prima Fernandez, poi Farabello riportano Varese sotto di 2 (25-23). Il sorpasso al 18’. Ci pensa Albano: 5 punti e Varese rivede la luce (29-32). Poi Howell tenta la fuga (31-34), stoppata da un tiro da due a fil di sirena di Brown. Nella ripresa Varese prende il largo fino al +11 grazie a una tripla di Garnett. Ma l’Air è dura a morire. Al 35’ Brown riporta gli irpini sotto di 5 punti (56-61) grazie a un parziale di 5-0. Ma quando Farabello piazza una bomba da tre che riporta i suoi avanti di 8 a 3’ dalla fine, Varese capisce che la giornata è quella buona. Collins firma il massimo vantaggio +13 a poco meno di due minuti dala sirena e apre i festeggiamenti. Il resto è accademia.

AIR AVELLINO-WHIRLPOOL VARESE 69-77 (33-34)

AIR AVELLINO: Bonora 3, Young 7, Taylor 12, Dumas 6, Markovic 8, Dorkofikis 6, Ferrara 7, Kere, Brown 20. All. Giuliani

WHIRLPOOL VARESE: Farabello 9, De Pol 2, Garnett 12, Collins 21 , Hafnar 6, Allegretti, Howell 6, Fernandez 5, Albano 16. All. Magnano

35252[/snapback]

Edited by fachiro
Link to comment
Share on other sites

Ottomila cuori in processione Il Forum è già un santuario

10/10/2005 08:44

Code in tangenziale, assalto ai botteghini e parata di vip nel primo giorno di scuola

- La Repubblica -

Code in tangenziale. Non ci credeva nessuno, soprattutto il tifoso medio, quando stamattina si è messo in macchina. Assago è fuori mano, il basket a mezzogiorno quantomeno bizzarro se non scomodo, quattro mesi senza campionato possono arrugginire le passioni più tiepide. Invece...

Invece l´Armani regge alla prima prova Forum, la nuova casa scelta in pianta stabile per la stagione dell´assalto allo scudetto, voglia ostentata quasi senza pudore dal pool di soci capeggiato da Corbelli e Galliani. Il foglio delle statistiche dice 8.600 presenti: ci sono i duemila abbonati, i tremila ragazzini invitati per lo Sport Day, il villaggio giochi allestito da Olimpia, Milan e Inter; gli invitati e i posti riservati agli sponsor; e poi altri duemila che il biglietto lo prendono al botteghino, entrano dopo la palla a due ma a Sky preferiscono la visione dal vivo della nuova Armani. Colpo d´occhio che alla fine conforta il general manager Gino Natali: «Per essere la prima di campionato, e a quest´orario insolito, siamo più che soddisfatti».

Per il debutto è impossibile non dare un´occhiata al parterre. Dove debutta Elisabetta Canalis, celebrità Mediaset arruolata per l´occasione: un occhio distratto sulla partita, quattro chiacchiere con l´amica del cuore, la fuga a 4 minuti dal 40´, mentre l´Armani sta dando la spallata finale alla Virtus, per evitare il traffico. Applaudono e ridono letterine e calciatori, più o meno in attività (qui Brocchi, Eranio, Massaro, Leonardo), Ilaria D´Amico e Roberto Formigoni, che un giro al basket se lo concede sempre. La star della prima fila è però Sasha Djordjevic, principe di questi canestri fino alla finale di giugno e adesso spettatore osannato in giacca di pelle e pizzetto nuovo: «Grande sensazione essere di nuovo qui - racconta - ho ritrovato la stessa atmosfera di quattro mesi fa. Il mio ritorno? Non parlo». Anche Natali glissa: «Ci siamo visti soltanto qui al Forum - dice - più tardi faremo due chiacchiere. Ma non è ora di parlare di Djordjevic giocatore, vedremo più in là. Noi ribadiamo: se vuole, un posto in panchina lo si trova sempre».

..... ma questo significa amare il basket .....

una sola parola ......... RIDICOLI

Edited by parish76
Link to comment
Share on other sites

Beh l'articolo di Chiabotti è proprio asettico e freddino, eh?

Vabbé, lasciamo che si sbauscino un po' addosso, visto che eccellono in questo.

Però che non mi si lasci intendere che c'erano 8600 esperti di basket, va là.

E complimentoni alla Canalis, ho il voltastomaco... ^_^

Link to comment
Share on other sites

AJ: Bullo salta Napoli

Milano, 10 ottobre. Massimo Bulleri questa mattina si è sottoposto agli esami necessari per valutare le condizioni dopo il colpo subito ieri nella prima di campionato contro la Caffé Maxim Bologna.

Gli esami effettuati dal Prof. Franco Carnelli hanno evidenziato una contusione con ematoma al ginocchio sinistro con conseguenti 3 o 4 giorni di riposo.

Link to comment
Share on other sites

AJ: Bullo salta Napoli

Milano, 10 ottobre. Massimo Bulleri questa mattina si è sottoposto agli esami necessari per valutare le condizioni dopo il colpo subito ieri nella prima di campionato contro la Caffé Maxim Bologna.

Gli esami effettuati dal Prof. Franco Carnelli hanno evidenziato una contusione con ematoma al ginocchio sinistro con conseguenti 3 o 4 giorni di riposo.

35348[/snapback]

Fighetta :lol:

Link to comment
Share on other sites

Beh l'articolo di Chiabotti è proprio asettico e freddino, eh?

Vabbé, lasciamo che si sbauscino un po' addosso, visto che eccellono in questo.

Però che non mi si lasci intendere che c'erano 8600 esperti di basket, va là.

E complimentoni alla Canalis, ho il voltastomaco... :lol:

35277[/snapback]

Non tutti possono permettersi un Massud !!!

Letto la Provincia oggi ????

Link to comment
Share on other sites

Non tutti possono permettersi un Massud !!!

Letto la Provincia oggi ????

35360[/snapback]

Ah!

La Provincia!

Franzi (da non confondersi con Franzetti!! :o ) potrebbe commentare solo ciò che vede in campo, e non limitarsi ad aprire www.legabasket.it perchè poi si rischiano brutte figure!!!

:D

Ciao

Marco

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...