Jump to content

il comunitario chiacig


Recommended Posts

Chiacig: "Basket, che regole assurde: così sono diventato straniero"

05/12/2007 09:30

L´incredibile storia del centro : friulano, azzurro, ma "non formato"

- La Repubblica -

«Vi rendete conto? Io, dieci anni da professionista in Italia, quasi duecento volte in Nazionale, per la Federazione sono straniero. Straniero nel mio paese». Chi parla è Roberto Chiacig, pivot della Virtus Bologna, nato 33 anni fa a Cividale del Friuli, che con la nostra Nazionale ha vinto l´Europeo del 1999 da centro titolare, ha vinto l´argento olimpico ad Atene 2004ed è il quarto in attività per presenze (185) e secondo per punti (1478). Eppure, per la grottesca burocrazia della Federbasket, quest´anno non è considerato italiano. È, disgraziatamente, «italiano non formato», ovvero equiparato a qualsiasi straniero con passaporto del nostro paese, status che la Fip limita a due per squadra. Per la Fip, infatti, si considera "formato" l´atleta che ha disputato almeno 4 stagioni nei tornei giovanili. Chiacig, che ha preso in mano il pallone a 15 anni, ne ha fatti solo tre, dal ´91 al ‘94. E si trova, per questo, discriminato. «Sono stranito - dice - è una decisione arbitraria che mi piomba addosso come un fulmine a ciel sereno. Sono friulano, ex azzurro, e scopro ora che sono come un qualsiasi comunitario. In pratica, straniero nel mio paese. Ma vi sembra logico che un italiano, per essere italiano nel basket, debba per forza iniziare entro i 14 anni, facendo poi 4 anni da junior? E´ assurdo. Penso a quello che inizia tardi, a quello che si fa male e perde un anno e a quello bravo che può subito giocare in prima squadra».

Chiacig, va precisato, sta regolarmente giocando. Ma solo perché il suo club, la Virtus Bologna, dispone ad oggi di tre americani, un comunitario e due giocatori di passaporto italiano. Le regole, nel basket, permettono un massimo di 4 extracomunitari e 2 comunitari, oltre al minimo di 6 italiani (ma solo 2 di passaporto). Se la Virtus decidesse di ingaggiare un quarto americano e un secondo comunitario, dovrebbe mandare in tribuna uno dei "passaportati" (tra cui, di fatto, Chiacig). La Fip, a inizio stagione, aveva pure provato a mettere una pezza alla delibera, "riabilitando" gli oriundi che hanno partecipato alle massime competizioni con l´Italia (Fucka, Radulovic, Calabria, Rocca, probabilmente anche Chiacig). I club, con il campionato già partito, avevano poi deciso di rimandare l´ordinanza alla prossima stagione. Ma il paradosso-Chiacig è inquietante e la Virtus è decisa a cavalcarlo. Agendo presso il Tribunale del Lavoro, non potrà che ottenere l´obbligo ad utilizzare il pivot come italiano e non "straniero", smascherando l´incomprensibile nodo burocratico e aprendo le porte a un nuovo scontro Legabasket-Fip sull´eleggibilità dei giocatori italiani.

MARCO MARTELLI

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 60
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Chiacig: "Basket, che regole assurde: così sono diventato straniero"

05/12/2007 09:30

L´incredibile storia del centro : friulano, azzurro, ma "non formato"

- La Repubblica -

«Vi rendete conto? Io, dieci anni da professionista in Italia, quasi duecento volte in Nazionale, per la Federazione sono straniero. Straniero nel mio paese». Chi parla è Roberto Chiacig, pivot della Virtus Bologna, nato 33 anni fa a Cividale del Friuli, che con la nostra Nazionale ha vinto l´Europeo del 1999 da centro titolare, ha vinto l´argento olimpico ad Atene 2004ed è il quarto in attività per presenze (185) e secondo per punti (1478). Eppure, per la grottesca burocrazia della Federbasket, quest´anno non è considerato italiano. È, disgraziatamente, «italiano non formato», ovvero equiparato a qualsiasi straniero con passaporto del nostro paese, status che la Fip limita a due per squadra. Per la Fip, infatti, si considera "formato" l´atleta che ha disputato almeno 4 stagioni nei tornei giovanili. Chiacig, che ha preso in mano il pallone a 15 anni, ne ha fatti solo tre, dal ´91 al ‘94. E si trova, per questo, discriminato. «Sono stranito - dice - è una decisione arbitraria che mi piomba addosso come un fulmine a ciel sereno. Sono friulano, ex azzurro, e scopro ora che sono come un qualsiasi comunitario. In pratica, straniero nel mio paese. Ma vi sembra logico che un italiano, per essere italiano nel basket, debba per forza iniziare entro i 14 anni, facendo poi 4 anni da junior? E´ assurdo. Penso a quello che inizia tardi, a quello che si fa male e perde un anno e a quello bravo che può subito giocare in prima squadra».

Chiacig, va precisato, sta regolarmente giocando. Ma solo perché il suo club, la Virtus Bologna, dispone ad oggi di tre americani, un comunitario e due giocatori di passaporto italiano. Le regole, nel basket, permettono un massimo di 4 extracomunitari e 2 comunitari, oltre al minimo di 6 italiani (ma solo 2 di passaporto). Se la Virtus decidesse di ingaggiare un quarto americano e un secondo comunitario, dovrebbe mandare in tribuna uno dei "passaportati" (tra cui, di fatto, Chiacig). La Fip, a inizio stagione, aveva pure provato a mettere una pezza alla delibera, "riabilitando" gli oriundi che hanno partecipato alle massime competizioni con l´Italia (Fucka, Radulovic, Calabria, Rocca, probabilmente anche Chiacig). I club, con il campionato già partito, avevano poi deciso di rimandare l´ordinanza alla prossima stagione. Ma il paradosso-Chiacig è inquietante e la Virtus è decisa a cavalcarlo. Agendo presso il Tribunale del Lavoro, non potrà che ottenere l´obbligo ad utilizzare il pivot come italiano e non "straniero", smascherando l´incomprensibile nodo burocratico e aprendo le porte a un nuovo scontro Legabasket-Fip sull´eleggibilità dei giocatori italiani.

MARCO MARTELLI

Non sapevo esistesse una tale regola.

Pensavo che guardassero passaporto e nazionalità!

C.V.D. non capisco una cippa di basket

Link to comment
Share on other sites

Tranquilla è chi ha legiferato a nn capire una beata fava...piuttosto noi quanti tesserati abbiamo?

Anche 'sta cosa qui mi sembra ridicola, dopo il caso Benetton avrebbe dovuto essere tutto più chiaro invece...

Link to comment
Share on other sites

Tranquilla è chi ha legiferato a nn capire una beata fava...piuttosto noi quanti tesserati abbiamo?

Anche 'sta cosa qui mi sembra ridicola, dopo il caso Benetton avrebbe dovuto essere tutto più chiaro invece...

E non solo in questo ambito...! :bye:

Link to comment
Share on other sites

Tranquilla è chi ha legiferato a nn capire una beata fava...piuttosto noi quanti tesserati abbiamo?

Anche 'sta cosa qui mi sembra ridicola, dopo il caso Benetton avrebbe dovuto essere tutto più chiaro invece...

Infatti, in home si legge che aspettiamo chiarimenti dalla Fip perchè altrimenti potremmo tesserare solo un altro giocatore :bye:

Link to comment
Share on other sites

Infatti, in home si legge che aspettiamo chiarimenti dalla Fip perchè altrimenti potremmo tesserare solo un altro giocatore :bye:

in teoria è solo una verifica ... così dice la chiapparo ... non dovrebbero esserci sorprese ... :D

la sorpresa che poi tanto sorpresa non è che ovviamente si inizia a frenare x morandais ... costa troppo ....

ma va ... bravo ... bravo ... il nostro A.D. ...

lo sanno tutti che costa troppo ... ma mai quanto una c......o di retrocessione ... qua servono giocatori ..

per prendere brown o chi per esso e morandais via la truppa slovena ...che costa troppo ...

per fortuna che l'incubo crispin non si è materializzato ... qua servono 2 giocatori 2 ... non altri panchinari porcaccia zozza ... e speriamo che melvin nel frattempo illuminato dal vate ritrovi lo spirito giusto per giocare ...

Link to comment
Share on other sites

Il nostro geniale Gianni, del resto, abituato com'è ad acquistare con largo anticipo giocatori sconosciuti di enorme talento pagandoli pochissimo, è restio a metter mano al portafoglio per strapagare un innesto che, in fondo, con lo squadrone che ha allestito quest'anno, è una forse inutilmente onerosa ciliegina sulla torta...

MA VAFFFFFFFF!!!!!!!!!!!!!

Siamo non sull'orlo, ma NEL baratro. Ci servono due che FACCIANO DAVVERO LA DIFFERENZA (e speriamo che bastino :( ), e che devono venire in una squadra sballata, pagati (??? ... ) da una società ormai ridicola, per giocare per la salvezza:

VUOI ANCHE PAGARLI POCO??????????????????????????????????????????????? :D

Chiapparo, prova a scrivere a Babbo Natale: magari te li porta lui ;) due fenomeni :bye: a 1000 euro l'uno.... :baby:

Scusate, sono un po' off topic, visto che qui si parlava del caso Chiacig... ^_^

Link to comment
Share on other sites

Tranquilla è chi ha legiferato a nn capire una beata fava...piuttosto noi quanti tesserati abbiamo?

Anche 'sta cosa qui mi sembra ridicola, dopo il caso Benetton avrebbe dovuto essere tutto più chiaro invece...

Il caso Benetton è un po' differente visto che la penalizzazione non è stata per numero irregolare di giocatori professionisti tesserati (19), ma per avere tentato di correggere maldestramente e illegalmente l'errore. :bye::D

Poi si può anke disquisire all'infinito sulle regole, ovvero se siano state create ad minchiam oppure no.... però sono state fatte per evitare che le società italiane tesserino un numero infinito di stranieri e possano fare una squadra che si chiami "Pallacanestro Abbiategrasso", composta esclusivamente da cittadini delle Isole Samoa.

Con conseguente depauperamento dei settori giovanili e del movimento stesso.... e a questo proposito mi chiedo: non si potrebbe ripristinare l'obbligo dei settori giovanili? :baby:

Confesso di conoscere molto poco la normativa, però ho il sospetto che l'impoverimento dei talenti nostrani passi attraverso l'impoverimento dei settori giovanili, unita alla scarsa promotion che si fa a livello nazionale.

Più playground e meno deputati!!!!

Bye,

^_^ Mau ;)

Link to comment
Share on other sites

L'Inter domina da un paio d'anni a questa parte con soli giocatori stranieri...trovo esiziali (mo parlo come Leasir ^_^ ) questi limiti di tesseramento almeno nello sport professionistico, mentre sarebbe più giusto limitarsi a due sole finestre di mercato, una a metà torneo, per impedire questa continua girandola di giocatori.

Link to comment
Share on other sites

L'Inter domina da un paio d'anni a questa parte con soli giocatori stranieri...trovo esiziali (mo parlo come Leasir ^_^ ) questi limiti di tesseramento almeno nello sport professionistico, mentre sarebbe più giusto limitarsi a due sole finestre di mercato, una a metà torneo, per impedire questa continua girandola di giocatori.

Calcio e Basket hanno regole diverse, espressione della realtà in cui operano; quanti abbonati hanno Inter, Milan, Juventus o Roma e Lazio? Quanto seguito hanno da parte dei media? Quanto guadagnano un giocatore di serie C1 di calcio e uno di serie C1 di basket?

Il basket ha sicuramente meno praticanti del calcio, nelle giovanili e senza contare le partitelle che si possono improvvisare ovunque; senza contare il calcio a 5 (che parametrato dovrebbe corrispondere al basket a 11).

E' evidente che con un numero così alto di leve puoi permetterti di pescare anche fuori dai confini nazionali e la lega puo impostare un mercato a proprio piacimento.

Ego, è impraticabile un confronto col calcio, piuttosto andrebbero seguiti modelli laddove si sono rilevati azzeccati, in realtà simili a quella italiana.

Bye,

Mau

Link to comment
Share on other sites

Informarsi prima pareva brutto?

In difficoltà per aver tesserato e messo a referto Antonelli Mladjan e Genovese...

Nyet uno e nyet tre...

Ma l'aberrazione del federalume è arrivata a tal punto che Milano è stata multata di 50 mila euro per aver schierato a referto, tra i 5 giocatori di formazione italiana, un ragazzo del 1992 nato e cresciuto a Rho. Perchè questo? Ma perchè il primo tesseramento federale dell'atleta è stato effettuato nell'ottobre 2004, come è logico e normale dato che il cartellino viene firmato in occasione dell'inizio della categoria Under 13. Ergo la posizione del giocatore era irregolare perchè essendo stato tesserato soltanto da 3 anni, non aveva conseguito i 4 anni di formazione italiana necessari da regolamento. Ma la cosa più divertente è che il ragazzino in questione, esattamente 5 giorni dopo la multa comminata dalla Fip, è partito per il raduno della nazionale Under 16 (dove ci sono anche i varesini Castelletta e Terzaghi) per andare a rappresentare l'Italia in un torneo internazionale in programma in Spagna. Quindi, da una parte il bimbo è buono per la nazionale, dall'altra non per la serie A1.

Una cosa vomitevole, tanto quanto l'affaire Chiacig.

Link to comment
Share on other sites

Nyet uno e nyet tre...

Ma l'aberrazione del federalume è arrivata a tal punto che Milano è stata multata di 50 mila euro per aver schierato a referto, tra i 5 giocatori di formazione italiana, un ragazzo del 1992 nato e cresciuto a Rho. Perchè questo? Ma perchè il primo tesseramento federale dell'atleta è stato effettuato nell'ottobre 2004, come è logico e normale dato che il cartellino viene firmato in occasione dell'inizio della categoria Under 13. Ergo la posizione del giocatore era irregolare perchè essendo stato tesserato soltanto da 3 anni, non aveva conseguito i 4 anni di formazione italiana necessari da regolamento. Ma la cosa più divertente è che il ragazzino in questione, esattamente 5 giorni dopo la multa comminata dalla Fip, è partito per il raduno della nazionale Under 16 (dove ci sono anche i varesini Castelletta e Terzaghi) per andare a rappresentare l'Italia in un torneo internazionale in programma in Spagna. Quindi, da una parte il bimbo è buono per la nazionale, dall'altra non per la serie A1.

Una cosa vomitevole, tanto quanto l'affaire Chiacig.

^_^:bye::brr:

siamo veramente la repubblica delle banane: ma è tanto difficile una regola per la quale se sei nato in italia e sei cittadino italiano non hai bisogno di alcun vincolo per essere considerato eleggibile per la serie A1?

Link to comment
Share on other sites

^_^:bye::brr:

siamo veramente la repubblica delle banane: ma è tanto difficile una regola per la quale se sei nato in italia e sei cittadino italiano non hai bisogno di alcun vincolo per essere considerato eleggibile per la serie A1?

A quanto pare non solo è difficile, è proprio impensabile! :brr:

Mi chiedo da quali menti geniali sono state partorite cotante regole :brr:

Link to comment
Share on other sites

Tra l'altro l'affaire Genovese ed Antonelli è il parto di un'altra smagliatura tra le regole Fip, tanto per cambiare...

sono d'accordo... Nella fattispecie pero' se magari non si fossero tesserati con troppa facilità mladjan e pietras oggi saremmo un po' piu' sereni sugli acquisti da fare..

Link to comment
Share on other sites

no, sono basita e non mi sono chiari alcuni punti...

che cacchio c'entra la formazione di quattro anni con la nazionalita!?!

Tanto per fare un'esempio, Shaun Stonerook (http://195.56.77.208/player/?id=STO-SHA-77) ha nazionalità italiana. :bye:

L'intento (perfettibile, rivedibile, genialata, vaccata colossale etc) è quello di evitare una squadra formata da tanti Stonerook. :brr:

E anche come ha fatto a LUI diventare italiano è al limite della presa per i fondelli (limite forse sfondato).

^_^

Bye,

:brr: Mau :brr:

Link to comment
Share on other sites

Tanto per fare un'esempio, Shaun Stonerook (http://195.56.77.208/player/?id=STO-SHA-77) ha nazionalità italiana. :bye:

L'intento (perfettibile, rivedibile, genialata, vaccata colossale etc) è quello di evitare una squadra formata da tanti Stonerook. :brr:

E anche come ha fatto a LUI diventare italiano è al limite della presa per i fondelli (limite forse sfondato).

^_^

Bye,

:brr: Mau :brr:

l'intento era chiaro, ma, mai come ora, hanno buttato via il bambino con l'acqua sporca.

Link to comment
Share on other sites

Tanto per fare un'esempio, Shaun Stonerook (http://195.56.77.208/player/?id=STO-SHA-77) ha nazionalità italiana. :bye:

L'intento (perfettibile, rivedibile, genialata, vaccata colossale etc) è quello di evitare una squadra formata da tanti Stonerook. :brr:

E anche come ha fatto a LUI diventare italiano è al limite della presa per i fondelli (limite forse sfondato).

^_^

Bye,

:brr: Mau :brr:

ma stonerook è una cosa diversa, io mi chiedevo come cavolo è possibile che uno nato in italia non possa essere tesserato come italiano...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...