Jump to content

Dalla Gazzetta


Recommended Posts

***********************************************

I miei mille motivi per cui è giusto che Varese sia tornata in A

- La Gazzetta dello Sport -

28/04/2009 12:18 - di Gianmarco Pozzecco

Potrebbe bastare il palmares:10 scudetti, 5 coppe dei Campioni, 4 coppe Italia, 3 coppe Intercontinentali, 2 coppe delle Coppe e una Supercoppa italiana. O citare i protagonisti che di generazione in generazione hanno entusiasmato il Palaignis: Ossola, Morse, Aadrea e Dina Meneghin, Vittori, Raga, Yelverton, Zanatta, Bisson, Flaborea, Gamba, Sandro e Claudio Galleani. O menzionare la signorilità e la competenza dei pioprietaii: il commendator Borghi, la famiglia Bulgheroni e oggi la famiglia Castiglioni.Tutti fattori che hanno reso grande la Pallacanestro Varese ma che non sono sufficienti a giustificare quello che si prova a entrare alpaìazzetto di Masnago, il più storico palazzo d'Italia: i derby con Cantù e Milano, le sfide con il Real Madrid e l'Armata Rossa, nonna Alba Bulgheroni in prima fila, Giovanni Pierantozzi procuratore della Repubblica per hobby e tifoso perprofessione, i più anziani cne raccontano del Bosna di Delibasic, i pullman in fila in autostrada per andare alle Final Eight di Bologna, perse, poi tutti a piangere in pizzeria al Vela, i Boys e la Gioventù biancorossa, gli articoli funambolici del Pigio sulla Prealpina, le ciucche con Menego alla Botte, le lezioni del professor Nikolic, il gioco senza palla di Komazec, la cioccolata Lindt che portava il signor Livio, la contabilità tenuta dall'Anna Bonsignori, il Campus costruito con la cessione di Rusconi, l'astio ma il rispetto per i grandi campioni come Danilovic, le partite del giovane Chicco, i ferraristi Pedo e Guidetti i veri condottieri della squadra in trasferta, i custodi capitanati dai baffi di Gino Zucchi, la Giovanna vero coach dello scudetto della stella e moglie di Charlie Recalcati, le corse fino in cima a Sacro Monte se non al Campo dei Fiori, la Svizzera e il Vacallo di Ciccio Grìgioni, i viaggi in aereo con Bruno Arrigoni, le cene al Palace, la volta che per Edo un post serata e la Colombari voglion dire Scudetto, Galleani che imita Celentano mentre il Menego gli ubriaca il cane, gli ululati di Greco (il cane di Galleani) ubriaco, le cene a Natale a casa del Toto dove valeva tutto o quasi, la simpatia di Loncar...... lo stretching di Chiapparo, gli allenamenti affollatissimi al Campus, le cazzate al bar sparate da Raimondo e Bruno dei Fichi d'India prima delle partite, gli allenamenti supplementari di Sandrino De Poi, i cori tipo Macarena per ballare con Mimmo Morena, Mimmo e il suo milione di lire speso al fantacalcio per comprare u' capita' Ciro Ferrara allora ancora al Napoli, le sfide con le bolognesi, l'11 maggio 1999 e il Zanus. Grazie famiglia Castiglioni, grazie Cecco, Massimo, grazie mitico Pillastrini e grazie ragazzi; dopo una dura ma vincente annata avete rimesso le cose a posto. Dimenticavo... forse era più facile scrivere che tutta Varese ha reso grande Varese.

***********************************************

Bye,

Mau

Link to comment
Share on other sites

thò è tornata Holly!!!

gran pezzo di giornalismo!!! bravo Poz!!!

tra l'altro ieri addirittura un servizio sul TGregionale con un Galanda praticamente nudo e un Passera in grande spolvero...

ma Bossi cosa c'entrava nella festa in spogliatoio? voto 4, prezzemolino!!!

Link to comment
Share on other sites

***********************************************

I miei mille motivi per cui è giusto che Varese sia tornata in A

- La Gazzetta dello Sport -

28/04/2009 12:18 - di Gianmarco Pozzecco

Potrebbe bastare il palmares:10 scudetti, 5 coppe dei Campioni, 4 coppe Italia, 3 coppe Intercontinentali, 2 coppe delle Coppe e una Supercoppa italiana. O citare i protagonisti che di generazione in generazione hanno entusiasmato il Palaignis: Ossola, Morse, Aadrea e Dina Meneghin, Vittori, Raga, Yelverton, Zanatta, Bisson, Flaborea, Gamba, Sandro e Claudio Galleani. O menzionare la signorilità e la competenza dei pioprietaii: il commendator Borghi, la famiglia Bulgheroni e oggi la famiglia Castiglioni.Tutti fattori che hanno reso grande la Pallacanestro Varese ma che non sono sufficienti a giustificare quello che si prova a entrare alpaìazzetto di Masnago, il più storico palazzo d'Italia: i derby con Cantù e Milano, le sfide con il Real Madrid e l'Armata Rossa, nonna Alba Bulgheroni in prima fila, Giovanni Pierantozzi procuratore della Repubblica per hobby e tifoso perprofessione, i più anziani cne raccontano del Bosna di Delibasic, i pullman in fila in autostrada per andare alle Final Eight di Bologna, perse, poi tutti a piangere in pizzeria al Vela, i Boys e la Gioventù biancorossa, gli articoli funambolici del Pigio sulla Prealpina, le ciucche con Menego alla Botte, le lezioni del professor Nikolic, il gioco senza palla di Komazec, la cioccolata Lindt che portava il signor Livio, la contabilità tenuta dall'Anna Bonsignori, il Campus costruito con la cessione di Rusconi, l'astio ma il rispetto per i grandi campioni come Danilovic, le partite del giovane Chicco, i ferraristi Pedo e Guidetti i veri condottieri della squadra in trasferta, i custodi capitanati dai baffi di Gino Zucchi, la Giovanna vero coach dello scudetto della stella e moglie di Charlie Recalcati, le corse fino in cima a Sacro Monte se non al Campo dei Fiori, la Svizzera e il Vacallo di Ciccio Grìgioni, i viaggi in aereo con Bruno Arrigoni, le cene al Palace, la volta che per Edo un post serata e la Colombari voglion dire Scudetto, Galleani che imita Celentano mentre il Menego gli ubriaca il cane, gli ululati di Greco (il cane di Galleani) ubriaco, le cene a Natale a casa del Toto dove valeva tutto o quasi, la simpatia di Loncar...... lo stretching di Chiapparo, gli allenamenti affollatissimi al Campus, le cazzate al bar sparate da Raimondo e Bruno dei Fichi d'India prima delle partite, gli allenamenti supplementari di Sandrino De Poi, i cori tipo Macarena per ballare con Mimmo Morena, Mimmo e il suo milione di lire speso al fantacalcio per comprare u' capita' Ciro Ferrara allora ancora al Napoli, le sfide con le bolognesi, l'11 maggio 1999 e il Zanus. Grazie famiglia Castiglioni, grazie Cecco, Massimo, grazie mitico Pillastrini e grazie ragazzi; dopo una dura ma vincente annata avete rimesso le cose a posto. Dimenticavo... forse era più facile scrivere che tutta Varese ha reso grande Varese.

***********************************************

Bye,

Mau

Gianmarco , come sempre GRANDE !

Link to comment
Share on other sites

***********************************************

I miei mille motivi per cui è giusto che Varese sia tornata in A

- La Gazzetta dello Sport -

28/04/2009 12:18 - di Gianmarco Pozzecco

Potrebbe bastare il palmares:10 scudetti, 5 coppe dei Campioni, 4 coppe Italia, 3 coppe Intercontinentali, 2 coppe delle Coppe e una Supercoppa italiana. O citare i protagonisti che di generazione in generazione hanno entusiasmato il Palaignis: Ossola, Morse, Aadrea e Dina Meneghin, Vittori, Raga, Yelverton, Zanatta, Bisson, Flaborea, Gamba, Sandro e Claudio Galleani. O menzionare la signorilità e la competenza dei pioprietaii: il commendator Borghi, la famiglia Bulgheroni e oggi la famiglia Castiglioni.Tutti fattori che hanno reso grande la Pallacanestro Varese ma che non sono sufficienti a giustificare quello che si prova a entrare alpaìazzetto di Masnago, il più storico palazzo d'Italia: i derby con Cantù e Milano, le sfide con il Real Madrid e l'Armata Rossa, nonna Alba Bulgheroni in prima fila, Giovanni Pierantozzi procuratore della Repubblica per hobby e tifoso perprofessione, i più anziani cne raccontano del Bosna di Delibasic, i pullman in fila in autostrada per andare alle Final Eight di Bologna, perse, poi tutti a piangere in pizzeria al Vela, i Boys e la Gioventù biancorossa, gli articoli funambolici del Pigio sulla Prealpina, le ciucche con Menego alla Botte, le lezioni del professor Nikolic, il gioco senza palla di Komazec, la cioccolata Lindt che portava il signor Livio, la contabilità tenuta dall'Anna Bonsignori, il Campus costruito con la cessione di Rusconi, l'astio ma il rispetto per i grandi campioni come Danilovic, le partite del giovane Chicco, i ferraristi Pedo e Guidetti i veri condottieri della squadra in trasferta, i custodi capitanati dai baffi di Gino Zucchi, la Giovanna vero coach dello scudetto della stella e moglie di Charlie Recalcati, le corse fino in cima a Sacro Monte se non al Campo dei Fiori, la Svizzera e il Vacallo di Ciccio Grìgioni, i viaggi in aereo con Bruno Arrigoni, le cene al Palace, la volta che per Edo un post serata e la Colombari voglion dire Scudetto, Galleani che imita Celentano mentre il Menego gli ubriaca il cane, gli ululati di Greco (il cane di Galleani) ubriaco, le cene a Natale a casa del Toto dove valeva tutto o quasi, la simpatia di Loncar...... lo stretching di Chiapparo, gli allenamenti affollatissimi al Campus, le cazzate al bar sparate da Raimondo e Bruno dei Fichi d'India prima delle partite, gli allenamenti supplementari di Sandrino De Poi, i cori tipo Macarena per ballare con Mimmo Morena, Mimmo e il suo milione di lire speso al fantacalcio per comprare u' capita' Ciro Ferrara allora ancora al Napoli, le sfide con le bolognesi, l'11 maggio 1999 e il Zanus. Grazie famiglia Castiglioni, grazie Cecco, Massimo, grazie mitico Pillastrini e grazie ragazzi; dopo una dura ma vincente annata avete rimesso le cose a posto. Dimenticavo... forse era più facile scrivere che tutta Varese ha reso grande Varese.

***********************************************

Bye,

Mau

Sempre il migliore!! :lol:;):o

Link to comment
Share on other sites

Gran bell'articolo.

Al senatur prima della partita pare abbiano detto "Mi raccomando senatore porti fortuna, faccia le Corna" lui ha capito male e pare abbia risposto "No, basta..."

:lol:;):o

Link to comment
Share on other sites

***********************************************

I miei mille motivi per cui è giusto che Varese sia tornata in A

- La Gazzetta dello Sport -

28/04/2009 12:18 - di Gianmarco Pozzecco

Potrebbe bastare il palmares:10 scudetti, 5 coppe dei Campioni, 4 coppe Italia, 3 coppe Intercontinentali, 2 coppe delle Coppe e una Supercoppa italiana. O citare i protagonisti che di generazione in generazione hanno entusiasmato il Palaignis: Ossola, Morse, Aadrea e Dina Meneghin, Vittori, Raga, Yelverton, Zanatta, Bisson, Flaborea, Gamba, Sandro e Claudio Galleani. O menzionare la signorilità e la competenza dei pioprietaii: il commendator Borghi, la famiglia Bulgheroni e oggi la famiglia Castiglioni.Tutti fattori che hanno reso grande la Pallacanestro Varese ma che non sono sufficienti a giustificare quello che si prova a entrare alpaìazzetto di Masnago, il più storico palazzo d'Italia: i derby con Cantù e Milano, le sfide con il Real Madrid e l'Armata Rossa, nonna Alba Bulgheroni in prima fila, Giovanni Pierantozzi procuratore della Repubblica per hobby e tifoso perprofessione, i più anziani cne raccontano del Bosna di Delibasic, i pullman in fila in autostrada per andare alle Final Eight di Bologna, perse, poi tutti a piangere in pizzeria al Vela, i Boys e la Gioventù biancorossa, gli articoli funambolici del Pigio sulla Prealpina, le ciucche con Menego alla Botte, le lezioni del professor Nikolic, il gioco senza palla di Komazec, la cioccolata Lindt che portava il signor Livio, la contabilità tenuta dall'Anna Bonsignori, il Campus costruito con la cessione di Rusconi, l'astio ma il rispetto per i grandi campioni come Danilovic, le partite del giovane Chicco, i ferraristi Pedo e Guidetti i veri condottieri della squadra in trasferta, i custodi capitanati dai baffi di Gino Zucchi, la Giovanna vero coach dello scudetto della stella e moglie di Charlie Recalcati, le corse fino in cima a Sacro Monte se non al Campo dei Fiori, la Svizzera e il Vacallo di Ciccio Grìgioni, i viaggi in aereo con Bruno Arrigoni, le cene al Palace, la volta che per Edo un post serata e la Colombari voglion dire Scudetto, Galleani che imita Celentano mentre il Menego gli ubriaca il cane, gli ululati di Greco (il cane di Galleani) ubriaco, le cene a Natale a casa del Toto dove valeva tutto o quasi, la simpatia di Loncar...... lo stretching di Chiapparo, gli allenamenti affollatissimi al Campus, le cazzate al bar sparate da Raimondo e Bruno dei Fichi d'India prima delle partite, gli allenamenti supplementari di Sandrino De Poi, i cori tipo Macarena per ballare con Mimmo Morena, Mimmo e il suo milione di lire speso al fantacalcio per comprare u' capita' Ciro Ferrara allora ancora al Napoli, le sfide con le bolognesi, l'11 maggio 1999 e il Zanus. Grazie famiglia Castiglioni, grazie Cecco, Massimo, grazie mitico Pillastrini e grazie ragazzi; dopo una dura ma vincente annata avete rimesso le cose a posto. Dimenticavo... forse era più facile scrivere che tutta Varese ha reso grande Varese.

***********************************************

Bye,

Mau

a mio parere articolo "sprecato" sulla rosea, perchè almeno metà di quel che dice il Poz lo si può capire e interpretare solo se si è di varese...diciamo che è una dedica alla tifoseria d'epoca della Pallacanestro Varese

da mò che è uomo-immagine Armani*** faccio fatica a dirlo ma: "Poz sei mitico"

***a proposito: domenica sera Passera indossava una magliettina marchiata Emporio Armani - alla mia faccia da ribrezzo, mi ha spiegato che Emporio non è AJ - sarà...ma non mi ha convinto - io penso che la indossi perchè gli è stata regalata dal suo idolo Poz! :sorcerer:

Link to comment
Share on other sites

a mio parere articolo "sprecato" sulla rosea, perchè almeno metà di quel che dice il Poz lo si può capire e interpretare solo se si è di varese...diciamo che è una dedica alla tifoseria d'epoca della Pallacanestro Varese

da mò che è uomo-immagine Armani*** faccio fatica a dirlo ma: "Poz sei mitico"

In questo sta la figata. Tutta Italia ha dovuto leggere un articolo dedicato a, diciamo, pochi intimi.... Quante altre tifoserie avranno questo onore?

Link to comment
Share on other sites

In questo sta la figata. Tutta Italia ha dovuto leggere un articolo dedicato a, diciamo, pochi intimi.... Quante altre tifoserie avranno questo onore?

BoFogna il prossimo campionato di A2 ;):super::sorcerer:

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...