Jump to content

I DON'T WANT TO BELIEVE


Recommended Posts

Dopo la partita di Udine non sono sorpreso, incazzzato, demoralizzato.Solo triste, maledettamente triste. Perchè io ci credevo!Pensavo fosse finalmente la stagione giusta, per toglierci qualche soddisfazione!In Italia non si assisteva ad un campionato di così basso livello da anni!Varese avrebbe potuto dire la sua, ne ero convinto e lo sono tuttora.Ma non voglio più illudermi!Sono stufo di sognare per rimanere sempre e soltanto deluso!Silver in un altra discussione chiede di star vicino alla squadra, ora più che mai.Pensiero condivisibile;ma stare vicini a che squadra, a quali giocatori a quale società? La Pallacanestro Varese è a pezzi, a partire dalle fondamenta!Non ce l'ho certo con i Castiglioni, li dobbiamo ringraziare perchè la pallacanestro a Varese va avanti grazie a loro!Resta però una pecca grandissima...Varese è l'unica società che non è intervenuta sul mercato!Neanche un acquisto durante la stagione!Nemmeno uno!A me sarebbe andato benissimo un discorso sincero e leale da parte della società, se avesse ammesso da subito che non c'erano fondi, che le risorse erano state interamente esaurite e che quindi questi giocatori avrebbero finito il campionato!Perchè Varese non ha fenomeni o grandi giocatori, per cui qualcuno sul mercato che facesse al caso di Varese lo si poteva trovare!Bastava volerlo, ma la società non ha voluto! Possiamo discutere fin quando vogliamo: entreremo nelle prime 8, non ci entreremo?!A me non interessa più, perchè non me ne frega nulla di qualificarmi per il rotto della cuffia ed essere strapazzati, umiliati, strabattuti subito ai quarti dalla nostra sfidante!Qualcuno crede ancora che Varese nei playoff potrebbe dire la sua?! Io questa stagione pensavo che Varese potesse vendere cara la pelle!Oggi non ci credo più! Sotto il mio nick, c'è una foto di Ruben Magnano, con le braccia al cielo e la scritta "I WANT TO BELIEVE"...ecco, ora io non credo più, non credo più a questa squadra, non credo più a questo allenatore, non credo più a nulla!In settimana ero in dubbio se andare ad Udine a sostenere Varese!Oggi ho voluto raccontarmi che ero stanco,che dopo tutti i km che ho "macinato" ieri avrei fatto meglio a restare a casa!Ma la realtà è un'altra!Sapevo che questa squadra avrebbe perso!Sapevo che avrei avuto l'ennesima delusione...perchè se si crede in un progetto, in una aspirazione non ci si scoraggia per un po' di stanchezza!Se ci avessi creduto sarei andato ad Udine...ma già oggi, prima della partitra sentivo che saremmo usciti sconfitti!Questa è la mia più grande amarezza...I tifosi "più veri" i più tenaci ribatteranno che avrei dovuto esserci. io li ammiro, davvero...ma non ce l'ho fatta! :clap[1]:

Edited by stevie
Link to comment
Share on other sites

Perchè Varese non ha fenomeni o grandi giocatori, per cui qualcuno sul mercato che facesse al caso di Varese lo si poteva trovare!Bastava volerlo, ma la società non ha voluto!

Ok...ma concretamente, hai dei nomi?

Dando x appurato che a noi serva migliorare nei ruoli di play e pivot, cosa s'è mosso in Italia che fosse papabile x noi?

Un bel niente...

Tenendo a mente le regole sui visti, cosa potevamo prendere?

X Capin: Petrov, Lamma, Busca, Ilievski, Bennermann

X Keys: Zimmermann, Norris, Ellis, Carter, Allen

X Howell: Moiso, Anagonye, Brown, Hunter

In neretto quelli troppo fuori-budget.

Non mi pare che si siano lasciati scappare chissà quale formidabile campione; tolto Jerome Allen (che è comunque una scommessa sul piano della tenuta fisica), x gli altri nomi sarebbe stato un cambiare tanto x farlo.

Petrov al posto di Capin non mi pare una gran perdita.

Con Hunter o Brown sottocanestro avremmo dovuto rivoluzionare tutta la difesa.

Link to comment
Share on other sites

Capo uno: il fatto che Varese non sia ancora dovuta intervenire sul mercato è un pregio e non un difetto, dimostra solidità societaria, scelte oculate in base alle forze economiche e "coglioni" da parte di tutti, società, dirigenza e allenatore, i quali avrebbero potuto tranquillamente pararsi il culo dietro queste scusanti ma non lo hanno mai fatto... e poi ricordo che gli ultimi fenomeni ingaggiati in Italia si chiamano Jurak e Grant, domanda, hai visto quest'anno una "buona squadra" che ha fatto un solo acquisto per migliorarsi? o erano tutti acquisti per riparare a scelte estive da "calci nel culo"?

capo due: Varese è al sesto posto in classifica, posto che per me sarà anche il suo posto finale in griglia playoff, se qualcuno pensava ad una posizione migliore il problema risiede solo in se stesso.... si curi.....

capo tre: non ce l'hai con i Castiglioni ma poi li accusi di immobilismo... e secondo te chi li caccia gli eurini, babbo natale?

Capo quattro:

A me non interessa più, perchè non me ne frega nulla di qualificarmi per il rotto della cuffia ed essere strapazzati, umiliati, strabattuti subito ai quarti dalla nostra sfidante!

viva i valori della cultura sportiva, ora facciamo anche gli schifiltosi di bocca buona, e se il tuo (e conoscendoti è così...) è solo uno sfogo di delusione purtroppo alcuni la pensano realmente così, in un playoff a 8 è già un bel risultato esserci, quindi cominciamo a sudarcelo, poi ne parliamo... se non vi anelo è giusto che non vi partecipi.

Capo cinque: le società con il nostro Budget hanno 2 strade davanti a se: o spendono oculatamente durante l'estate quando il mercato offre ampie scelte o si comincia la stagione con una squadra di giocatori ai minimi salariali per poi ingaggiare i giocatori buoni man mano che vengono tagliati da altre squadre (metodo Teramo, Reggio Calabria, Roseto, Avellino e via dicendo...) e allora basta allenatore e chiamiamo quel fenomeno di "coordinatore" che risponde al nome di Boniciolli, peraltro osannato su questo forum.

Ricordo che non è nemmeno questo un metodo sbagliato, nel 2004/05 Roseto si qualificò ai playoff.

Link to comment
Share on other sites

Capo uno: il fatto che Varese non sia ancora dovuta intervenire sul mercato è un pregio e non un difetto, dimostra solidità societaria, scelte oculate in base alle forze economiche e "coglioni" da parte di tutti, società, dirigenza e allenatore, i quali avrebbero potuto tranquillamente pararsi il culo dietro queste scusanti ma non lo hanno mai fatto... e poi ricordo che gli ultimi fenomeni ingaggiati in Italia si chiamano Jurak e Grant, domanda, hai visto quest'anno una "buona squadra" che ha fatto un solo acquisto per migliorarsi? o erano tutti acquisti per riparare a scelte estive da "calci nel culo"?

capo due: Varese è al sesto posto in classifica, posto che per me sarà anche il suo posto finale in griglia playoff, se qualcuno pensava ad una posizione migliore il problema risiede solo in se stesso.... si curi.....

capo tre: non ce l'hai con i Castiglioni ma poi li accusi di immobilismo... e secondo te chi li caccia gli eurini, babbo natale?

Capo quattro:

viva i valori della cultura sportiva, ora facciamo anche gli schifiltosi di bocca buona, e se il tuo (e conoscendoti è così...) è solo uno sfogo di delusione purtroppo alcuni la pensano realmente così, in un playoff a 8 è già un bel risultato esserci, quindi cominciamo a sudarcelo, poi ne parliamo... se non vi anelo è giusto che non vi partecipi.

Capo cinque: le società con il nostro Budget hanno 2 strade davanti a se: o spendono oculatamente durante l'estate quando il mercato offre ampie scelte o si comincia la stagione con una squadra di giocatori ai minimi salariali per poi ingaggiare i giocatori buoni man mano che vengono tagliati da altre squadre (metodo Teramo, Reggio Calabria, Roseto, Avellino e via dicendo...) e allora basta allenatore e chiamiamo quel fenomeno di "coordinatore" che risponde al nome di Boniciolli, peraltro osannato su questo forum.

Ricordo che non è nemmeno questo un metodo sbagliato, nel 2004/05 Roseto si qualificò ai playoff.

capo 1: napoli con ellis, roma con stefanson, chiacig e lorbek e la virtus con ilievsky

capo 2: quoto, e ribadisco che gli obbiettivi ad inizio stagione non erano il secondo posto e l'eurolega

capo 3: inutile andare avanti a dirlo, non c'è peggior sordo di chi nn vuol sentire

Link to comment
Share on other sites

Varese è l'unica società che non è intervenuta sul mercato!Neanche un acquisto durante la stagione!Nemmeno uno!A me sarebbe andato benissimo un discorso sincero e leale da parte della società, se avesse ammesso da subito che non c'era fondi, che le risorse erano state interamente esaurite e che quindi questi giocatori avrebbero finito il campionato!

il discorso sincero e leale l'hanno fatto più di una volta.

o ti devono mandare una raccomandata con ricevuta di ritorno, altrimenti non vale?

Perchè Varese non ha fenomeni o grandi giocatori, per cui qualcuno sul mercato che facesse al caso di Varese lo si poteva trovare!Bastava volerlo, ma la società non ha voluto!

queste sono chiacchere.

Link to comment
Share on other sites

il discorso sincero e leale l'hanno fatto più di una volta.

o ti devono mandare una raccomandata con ricevuta di ritorno, altrimenti non vale?

queste sono chiacchere.

E' la cosa più sensata.

Sesti sarebbe un ottimo piazzamento con possibilità di sgambettare la Virtus che magari obbligata a vincere potrebbe sentire peso delle responsabilità. Nessuno tra l'altro rammenta che la penalizzazione di TV ci ha veramente fatto un regalo enorme.

Importante sarà con Montegranaro- Scafati e Cantù in casa con 6 punti siamo sesti.

Continuo a discutere la gestione tecnica di Magnano più che i giocatori, che non sono certo fenomeni ma non valgono meno di quelli di Cantù, Montegranaro e dell'attuale Napoli ed inoltre Udine non è certo questo fenomeno di squadra, ma Magnano va tenuto fino a fine stagione è giusto che si giochi le sue carte fino in fondo. Ho paura che la squadra scoppi come gli altri anni ed allora avrebbe pesanti responsabilità nella preparazione ma credo che il problema sia più tecnico che fisico.

Una riflessione ma perchè rincorriamo sempre nel punteggio le altre squadre ? Perchè non ammazziamo le partite prima quando lo abbiamo fatto a Napoli per esempio è arrivata la vittoria.

Quindi chiedo per l'ennesima volta quintetti equilibrati a mio modo di vedere Holland e Galanda non possono star fuori contemporaneamente e sempre a mio modo di vedere De Pol e Fernandez non possono giocare assieme per più di 3 minuti o possono giocare solo con avversari identici alle loro caratteristiche.

Howell inoltre farà cagare in attacco ma lui è l'unico che rende la difesa di Magnano efficace in quanto continuando a cambiare uomo se si trova contro una guardia per lui non ci sono problemi. Attuando la stessa difesa con Fernandez o De Pol è un pianto greco.

Hafnar deve giocare di più e Carter un pò meno, Carter lo vedo un pò come Garnett arrivare sempre stanco per liberarsi al tiro e doversi sbattere troppo in difesa, sono 3 partite che gioca 34 minuti a partita. Non abbiamo guardie che sostituiscono Carter ?? - Qualcuno ha soluzioni, qui forse si potrebbe intervenire sul mercato .

La squadra deve correre di più in campo aperto ma questo lo diciamo da 3 anni colpa dei giocatori ?

Comq tutti i miei post pasquali sono sempre identici da 3 anni a questa parte potrei copiare ed incollarli ma ci troviamo sempre a dire le stesse cose a questo punto della stagione.

E a questo punto della stagione vi dico che possiamo finire 6 e fare un miracolo nei play-off. Se così non accadesse allora a questo punto che senso avrebbe continuare con un coach da 350.000 Euro lordi (comrpeso il suo assistente) se abbiamo la coperta troppo corta come squadra ?-

Varese è vero non è più quella stellare ma almeno i play-off li centravamo con regolarità facendo le nostre discrete figure , non chiediamo eurolega o vincere il campionato ma una squadra che ci faccia divertire vincendo qualche partita importante !!

NON SIAMO DISFATTISTI ora bisogna lottare !! Qualcuno ora si è svegliato dal sogno questa è Varese questo è il nostro coach ma noi siamo il 6 uomo e possiamo finire alla grande !!

BUONA PASQUA !

Link to comment
Share on other sites

Il mio messaggio non vuole essere nulla di diverso di uno sfogo!Non mi interessa accusare nè processare alcuno!E' solo lo sfogo di un innamorato deluso per l'ennesima volta!Venendo ad argomenti più concreti:

*è vero oggi siamo sesti, e per un sesto posto ad inizio stagione avremmo firmato.Tuttavia bisogna ripercorrere tutto il cammino di questa squadra.Quante sono le incompiute?Quante partite gettate per distrazioni, poca lucidità, poca fame di vittoria, poca concentrazione, poca concretezza nei minuti finali?E non ditemi che è solo sfiga....Inoltre se guardiamo la classifica siamo sesti perchè treviso è stata penalizzata,siamo sesti a 28 punti in coabitazione con Can't You, che ha un budget inferiore al nostro, ma che sta riuscendo nell'ennesimo miracolo stagionale.Siamo sesti, ma la classifica è cortissima, 6 punti sotto di noi sta la 13 e subito sotto di noi a 26 punti troviamo Scafati, Montegranaro e Biella.Anche loro hanno il nostro budget?

Quindi ok siamo sesti, ma voi tutti felici?Io personalmente no, perchè questa stagione non mi pare così diversa da tutte quelle bollate come fallimentari, anche se qualche passo avanti è stato fatto.

*per quanto riguarda i valori della cultura sportiva e la partecipazione ai playoff, mi sono limitato a scrivere che per me i playoff hanno un senso se una squadra se li può giocare.Attenzione, non dico vincere la serie, non dico assolutamete questo!Dico solo ok, siamo ai playoff, ma siamo Varese, non una squadretta da spremere e umiliare a piacimento, come agli ultimi playoff contro Siena!Non è bello che le altre squadre sperino in un accoppiamento con Varese, perchè il passaggio del turno è quasi assicurtato!;

*Non attacco i Castiglioni, perchè con la gente che gira (Martinelli, per non fare nomi), avere persone come i Castiglioni è una vera fortuna, ciò non toglie però che abbiano anche loro commesso errori;

*per rispondere a Cinghiale, dico che avrei preso senza dubbio Lionel Chalmers, che a Sassari (squadra di metà classifica della legadue) sta facendo faville, e che anche Flavio Tranquillo su DT ha definito un grande giocatore e che per me senza dubbio avrebbe cambiato la nostra stagione.Infine per rinforzarci un pò sotto canestro avrei preso Chiacig che sembrava ancorato a Valencia e invece si è mosso!Soprattutto Chalmers non mi si dica che era inarrivabile!Questo è l'immobilismo societario di cui parlo!Siamo sempre alla finestra?ma dove guardiamo!?!?

Dopo questo sfogo Pasquale tanti auguri a tutti!!!!

Edited by stevie
Link to comment
Share on other sites

Ma ancora bisogna ribadire che Chalmers d'estate non si muoveva perchè correva dietro al sogno NBA, dove ha fatto il Veteran Camp con Atlanta fino a fine ottobre, e che il contratto con Sassari chiama 280mila dollari per 5 mesi da dicembre ad aprile, e che Chiacig a Roma è costato 350mila euro per 4 mesi da febbraio a giugno, a prescindere comunque dal fatto che si muoveva da Valencia solo per una squadra che faceva l'Eurolega?

Ma che due maroni...

La verità è che bisogna piantarla una volta per tutte con le pugnette "noi siamo Varese e dobbiamo vincere per la nostra storia". La storia non fa canestro, nè garantisce punti in classifica. La realtà, triste quanto si vuole ma inoppugnabile, è che Varese è un club di seconda fascia e certe aspettative eccessive fanno male, anzi malissimo. Il sesto posto attuale è tutto sommato in linea con le aspettative iniziali, e pur con gli affanni degli ultimi tempi ci sono tutte le possibilità di arrivare ai playoff, non dimenticando che dallo Scudetto della Stella ad oggi il miglior risultato è stato l'ottavo posto (OTTAVO POSTO, chiaro?) dell'anno di Cadeo, chiuso come tutti ben ricordiamo ai playoff contro Siena. Si poteva fare un po' meglio in un campionato SCANDALOSAMENTE modesto come quello di quest'anno? Probabilmente sì. Si sono perse tante occasioni sul filo di lana in trasferta? Probabilmente sì. Si potevano fare scelte di mercato diverse? Forse, ma bisogna anche tener conto dei budget da rispettare, e scegliendo Chalmers difficilmente si sarebbe arrivato a Galanda, e certamente non ad Holland. Non dimenticando poi che nei due anni precedenti Varese è arrivata quattordicesima e decima, insomma il trend mi sembra comunque in ascesa...

Ma lo sfascismo bartaliano ("tutto sbagliato, tutto da rifare") degli ultimi due mesi contribuisce notevolmente a rendere "velenoso" un ambiente che per chi ricorda l'era Bulgheroni era universalmente riconosciuto come la vera forza di Varese, mentre invece oggi alimenta il venticello della fronda anti-Magnano, che si può e forse anche si deve discutere perchè "nessuno siam perfetti", o forse non è l'allenatore adatto per ottimizzare il "personale tecnico" che le attuali disponibilità di mercato possono consentire a Varese. Però adesso bisogna remare tutti dalla stessa parte, i conti si fanno a fine anno.

Augh, ho detto.

E per chiudere, il mio personalissimo pronostico playoff:

1 Siena vs 8 Treviso

2 Roma vs 7 Biella

3 Milano vs 6 Varese

4 Virtus vs 5 Napoli.

Link to comment
Share on other sites

capo 1: napoli con ellis, roma con stefanson, chiacig e lorbek e la virtus con ilievsky

Eh no caro..... prima l'ho detto in modo molto chiaro.... Napoli col fenomeno Brown stava arrivando alle mani addosso in spogliatoio e in campo faceva ridere i polli, Roma con quali giocatori aveva iniziato la stagione, ricordi? una squadra mediocre.... e nemmeno la virtus mi pare avesse una buona regia per poi passare ad una ottima, no?

Link to comment
Share on other sites

Ma ancora bisogna ribadire che Chalmers d'estate non si muoveva perchè correva dietro al sogno NBA, dove ha fatto il Veteran Camp con Atlanta fino a fine ottobre, e che il contratto con Sassari chiama 280mila dollari per 5 mesi da dicembre ad aprile, e che Chiacig a Roma è costato 350mila euro per 4 mesi da febbraio a giugno, a prescindere comunque dal fatto che si muoveva da Valencia solo per una squadra che faceva l'Eurolega?

Ma che due maroni...

La verità è che bisogna piantarla una volta per tutte con le pugnette "noi siamo Varese e dobbiamo vincere per la nostra storia". La storia non fa canestro, nè garantisce punti in classifica. La realtà, triste quanto si vuole ma inoppugnabile, è che Varese è un club di seconda fascia e certe aspettative eccessive fanno male, anzi malissimo. Il sesto posto attuale è tutto sommato in linea con le aspettative iniziali, e pur con gli affanni degli ultimi tempi ci sono tutte le possibilità di arrivare ai playoff, non dimenticando che dallo Scudetto della Stella ad oggi il miglior risultato è stato l'ottavo posto (OTTAVO POSTO, chiaro?) dell'anno di Cadeo, chiuso come tutti ben ricordiamo ai playoff contro Siena. Si poteva fare un po' meglio in un campionato SCANDALOSAMENTE modesto come quello di quest'anno? Probabilmente sì. Si sono perse tante occasioni sul filo di lana in trasferta? Probabilmente sì. Si potevano fare scelte di mercato diverse? Forse, ma bisogna anche tener conto dei budget da rispettare, e scegliendo Chalmers difficilmente si sarebbe arrivato a Galanda, e certamente non ad Holland. Non dimenticando poi che nei due anni precedenti Varese è arrivata quattordicesima e decima, insomma il trend mi sembra comunque in ascesa...

Ma lo sfascismo bartaliano ("tutto sbagliato, tutto da rifare") degli ultimi due mesi contribuisce notevolmente a rendere "velenoso" un ambiente che per chi ricorda l'era Bulgheroni era universalmente riconosciuto come la vera forza di Varese, mentre invece oggi alimenta il venticello della fronda anti-Magnano, che si può e forse anche si deve discutere perchè "nessuno siam perfetti", o forse non è l'allenatore adatto per ottimizzare il "personale tecnico" che le attuali disponibilità di mercato possono consentire a Varese. Però adesso bisogna remare tutti dalla stessa parte, i conti si fanno a fine anno.

Augh, ho detto.

E per chiudere, il mio personalissimo pronostico playoff:

1 Siena vs 8 Treviso

2 Roma vs 7 Biella

3 Milano vs 6 Varese

4 Virtus vs 5 Napoli.

Io dico solo: Giesse sindaco!

Link to comment
Share on other sites

Ma ancora bisogna ribadire che Chalmers d'estate non si muoveva perchè correva dietro al sogno NBA, dove ha fatto il Veteran Camp con Atlanta fino a fine ottobre, e che il contratto con Sassari chiama 280mila dollari per 5 mesi da dicembre ad aprile, e che Chiacig a Roma è costato 350mila euro per 4 mesi da febbraio a giugno, a prescindere comunque dal fatto che si muoveva da Valencia solo per una squadra che faceva l'Eurolega?

Ma che due maroni...

La verità è che bisogna piantarla una volta per tutte con le pugnette "noi siamo Varese e dobbiamo vincere per la nostra storia". La storia non fa canestro, nè garantisce punti in classifica. La realtà, triste quanto si vuole ma inoppugnabile, è che Varese è un club di seconda fascia e certe aspettative eccessive fanno male, anzi malissimo. Il sesto posto attuale è tutto sommato in linea con le aspettative iniziali, e pur con gli affanni degli ultimi tempi ci sono tutte le possibilità di arrivare ai playoff, non dimenticando che dallo Scudetto della Stella ad oggi il miglior risultato è stato l'ottavo posto (OTTAVO POSTO, chiaro?) dell'anno di Cadeo, chiuso come tutti ben ricordiamo ai playoff contro Siena. Si poteva fare un po' meglio in un campionato SCANDALOSAMENTE modesto come quello di quest'anno? Probabilmente sì. Si sono perse tante occasioni sul filo di lana in trasferta? Probabilmente sì. Si potevano fare scelte di mercato diverse? Forse, ma bisogna anche tener conto dei budget da rispettare, e scegliendo Chalmers difficilmente si sarebbe arrivato a Galanda, e certamente non ad Holland. Non dimenticando poi che nei due anni precedenti Varese è arrivata quattordicesima e decima, insomma il trend mi sembra comunque in ascesa...

Ma lo sfascismo bartaliano ("tutto sbagliato, tutto da rifare") degli ultimi due mesi contribuisce notevolmente a rendere "velenoso" un ambiente che per chi ricorda l'era Bulgheroni era universalmente riconosciuto come la vera forza di Varese, mentre invece oggi alimenta il venticello della fronda anti-Magnano, che si può e forse anche si deve discutere perchè "nessuno siam perfetti", o forse non è l'allenatore adatto per ottimizzare il "personale tecnico" che le attuali disponibilità di mercato possono consentire a Varese. Però adesso bisogna remare tutti dalla stessa parte, i conti si fanno a fine anno.

Augh, ho detto.

E per chiudere, il mio personalissimo pronostico playoff:

1 Siena vs 8 Treviso

2 Roma vs 7 Biella

3 Milano vs 6 Varese

4 Virtus vs 5 Napoli.

quoto tutto tranne il pronostico che è assolutamente plausibile ma che dipende dalla modifica di penalizzazione di Treviso che sicuramente avverrà. Comunque attenti alla Climamio.

Link to comment
Share on other sites

Eh no caro..... prima l'ho detto in modo molto chiaro.... Napoli col fenomeno Brown stava arrivando alle mani addosso in spogliatoio e in campo faceva ridere i polli, Roma con quali giocatori aveva iniziato la stagione, ricordi? una squadra mediocre.... e nemmeno la virtus mi pare avesse una buona regia per poi passare ad una ottima, no?

ROMA UNA SQUADRA MEDIOCRE??????

Link to comment
Share on other sites

Ma lo sfascismo bartaliano ("tutto sbagliato, tutto da rifare") degli ultimi due mesi contribuisce notevolmente a rendere "velenoso" un ambiente che per chi ricorda l'era Bulgheroni era universalmente riconosciuto come la vera forza di Varese, mentre invece oggi alimenta il venticello della fronda anti-Magnano, che si può e forse anche si deve discutere perchè "nessuno siam perfetti", o forse non è l'allenatore adatto per ottimizzare il "personale tecnico" che le attuali disponibilità di mercato possono consentire a Varese. Però adesso bisogna remare tutti dalla stessa parte, i conti si fanno a fine anno.

Parole sante!

Più che i risultati che sono tutto, tranne che tragici, come sembra da alcuni commenti degli ultimi tempi, è proprio questo clima disfattista e perdente che infastidisce.

Da qualche partita, casualmente da quando Varese ha comininciato a segnare qualche punto in meno di prima, sembra che ci sia aria di naufragio... e infatti i topi cercano di scappare e i mediocri cercano alibi e colpevoli per lavarsi la coscienza......... come detto altrove, non è il solo Forum di VFB che la pensa così, l'ho percepito al palazzetto e in alcuni articoli della stampa locale (evito di fare IL nome, ma tanto penso che abbiate capito.....).

Link to comment
Share on other sites

E' proprio x qs. che ritengo che sia necessario stare vicino alla squadra.

E non parlo SOLO dei tifosi, ma di TUTTI: tifosi, staff. giocatori, dirigenti.

Fino a quando i giocatori (e quindi anche il trainer e tutti...) sentiranno aria di contrasto/opinioni opposte/poca chiarezza, avranno sempre un alibi. Basta leggere le pagine dei 2 amati&ottimi giornali locali x capire cosa voglia dire...o no? Remare dalla stessa parte, e far capire che cosi' deve essere sino a fine stagione, SENZA alibi alcuno.

POI, a fine stagione, chiarire e parlare chiaro con tutti gli interessati nel caso in cui si voglia cambiare.

A meno che si voglia procedere prima del tempo, ma allora dovrebbero essere i dirigenti ad esprimersi al riguardo, con chiarezza/limpidezza/cristallino interloquire, con pochi sottintesi o velati riferimenti.

My two cents.

Ed ora vado a bighellonare x il Covent Garden...ma The Answer, hanno spostato i mercati alimentari a King's Cross&Tower Bridge...? ^_^:g[1]::angel:^_^

Link to comment
Share on other sites

capo 1: napoli con ellis, roma con stefanson, chiacig e lorbek e la virtus con ilievsky

Stefansson e Lorbek giocano in ruoli dove non ci servono rinforzi, gli altri citati sono tutti fuori budget.

Cosa vogliamo fare? Una stagione da sboroni x poi non iscriverci l'anno prossimo? ^_^

Allora facciamo prima ad assumere MISTER FALLIMENTO Andrea Luchi (che qui molti caldeggiavano), che è vicinissimo ad uccidere anche Sassari...e sarebbe la quarta vittima della sua brillantissima carriera.

Link to comment
Share on other sites

il fatto di avere una squadra che parte per giocarsi i posti dal quinto all'ottavo vuol dire che ce ne sono quattro indubbiamente meglio attrezzate e tre con cui te la giochi.

il piazzamento finale dipende da tante cose, anche da singoli episodi. se poi, quest'anno, non giochiamo mai decentemente l'ultima azione difensiva, la responsabilità è solo di chi, in quel momento, si trova in campo.

Link to comment
Share on other sites

E' la cosa più sensata.

Sesti sarebbe un ottimo piazzamento con possibilità di sgambettare la Virtus che magari obbligata a vincere potrebbe sentire peso delle responsabilità. Nessuno tra l'altro rammenta che la penalizzazione di TV ci ha veramente fatto un regalo enorme.

Importante sarà con Montegranaro- Scafati e Cantù in casa con 6 punti siamo sesti.

Continuo a discutere la gestione tecnica di Magnano più che i giocatori, che non sono certo fenomeni ma non valgono meno di quelli di Cantù, Montegranaro e dell'attuale Napoli ed inoltre Udine non è certo questo fenomeno di squadra, ma Magnano va tenuto fino a fine stagione è giusto che si giochi le sue carte fino in fondo. Ho paura che la squadra scoppi come gli altri anni ed allora avrebbe pesanti responsabilità nella preparazione ma credo che il problema sia più tecnico che fisico.

Una riflessione ma perchè rincorriamo sempre nel punteggio le altre squadre ? Perchè non ammazziamo le partite prima quando lo abbiamo fatto a Napoli per esempio è arrivata la vittoria.

Quindi chiedo per l'ennesima volta quintetti equilibrati a mio modo di vedere Holland e Galanda non possono star fuori contemporaneamente e sempre a mio modo di vedere De Pol e Fernandez non possono giocare assieme per più di 3 minuti o possono giocare solo con avversari identici alle loro caratteristiche.

Howell inoltre farà cagare in attacco ma lui è l'unico che rende la difesa di Magnano efficace in quanto continuando a cambiare uomo se si trova contro una guardia per lui non ci sono problemi. Attuando la stessa difesa con Fernandez o De Pol è un pianto greco.

Hafnar deve giocare di più e Carter un pò meno, Carter lo vedo un pò come Garnett arrivare sempre stanco per liberarsi al tiro e doversi sbattere troppo in difesa, sono 3 partite che gioca 34 minuti a partita. Non abbiamo guardie che sostituiscono Carter ?? - Qualcuno ha soluzioni, qui forse si potrebbe intervenire sul mercato .

La squadra deve correre di più in campo aperto ma questo lo diciamo da 3 anni colpa dei giocatori ?

Comq tutti i miei post pasquali sono sempre identici da 3 anni a questa parte potrei copiare ed incollarli ma ci troviamo sempre a dire le stesse cose a questo punto della stagione.

E a questo punto della stagione vi dico che possiamo finire 6 e fare un miracolo nei play-off. Se così non accadesse allora a questo punto che senso avrebbe continuare con un coach da 350.000 Euro lordi (comrpeso il suo assistente) se abbiamo la coperta troppo corta come squadra ?-

Varese è vero non è più quella stellare ma almeno i play-off li centravamo con regolarità facendo le nostre discrete figure , non chiediamo eurolega o vincere il campionato ma una squadra che ci faccia divertire vincendo qualche partita importante !!

NON SIAMO DISFATTISTI ora bisogna lottare !! Qualcuno ora si è svegliato dal sogno questa è Varese questo è il nostro coach ma noi siamo il 6 uomo e possiamo finire alla grande !!

BUONA PASQUA !

wow... per una volta ti quoto!! :g[1]:^_^:angel:

Ma ancora bisogna ribadire che Chalmers d'estate non si muoveva perchè correva dietro al sogno NBA, dove ha fatto il Veteran Camp con Atlanta fino a fine ottobre, e che il contratto con Sassari chiama 280mila dollari per 5 mesi da dicembre ad aprile, e che Chiacig a Roma è costato 350mila euro per 4 mesi da febbraio a giugno, a prescindere comunque dal fatto che si muoveva da Valencia solo per una squadra che faceva l'Eurolega?

Ma che due maroni...

La verità è che bisogna piantarla una volta per tutte con le pugnette "noi siamo Varese e dobbiamo vincere per la nostra storia". La storia non fa canestro, nè garantisce punti in classifica. La realtà, triste quanto si vuole ma inoppugnabile, è che Varese è un club di seconda fascia e certe aspettative eccessive fanno male, anzi malissimo. Il sesto posto attuale è tutto sommato in linea con le aspettative iniziali, e pur con gli affanni degli ultimi tempi ci sono tutte le possibilità di arrivare ai playoff, non dimenticando che dallo Scudetto della Stella ad oggi il miglior risultato è stato l'ottavo posto (OTTAVO POSTO, chiaro?) dell'anno di Cadeo, chiuso come tutti ben ricordiamo ai playoff contro Siena. Si poteva fare un po' meglio in un campionato SCANDALOSAMENTE modesto come quello di quest'anno? Probabilmente sì. Si sono perse tante occasioni sul filo di lana in trasferta? Probabilmente sì. Si potevano fare scelte di mercato diverse? Forse, ma bisogna anche tener conto dei budget da rispettare, e scegliendo Chalmers difficilmente si sarebbe arrivato a Galanda, e certamente non ad Holland. Non dimenticando poi che nei due anni precedenti Varese è arrivata quattordicesima e decima, insomma il trend mi sembra comunque in ascesa...

Ma lo sfascismo bartaliano ("tutto sbagliato, tutto da rifare") degli ultimi due mesi contribuisce notevolmente a rendere "velenoso" un ambiente che per chi ricorda l'era Bulgheroni era universalmente riconosciuto come la vera forza di Varese, mentre invece oggi alimenta il venticello della fronda anti-Magnano, che si può e forse anche si deve discutere perchè "nessuno siam perfetti", o forse non è l'allenatore adatto per ottimizzare il "personale tecnico" che le attuali disponibilità di mercato possono consentire a Varese. Però adesso bisogna remare tutti dalla stessa parte, i conti si fanno a fine anno.

....

così, per non perdere le buone abitudini, quoto anche GS!

...

il piazzamento finale dipende da tante cose, anche da singoli episodi. se poi, quest'anno, non giochiamo mai decentemente l'ultima azione difensiva, la responsabilità è solo di chi, in quel momento, si trova in campo.

beh, tutta la differenza del mondo sta in quel "mai". perchè significa che qualche responsabilità ce l'ha anche il coach.

Link to comment
Share on other sites

beh, tutta la differenza del mondo sta in quel "mai". perchè significa che qualche responsabilità ce l'ha anche il coach.

fatico a credere che il rubens non imbrocchi mai la difesa sull'ultimo tiro. sono più portato a credere che si tratti di un problema di scarsa attitudine difensiva della squadra. durante la partita puoi recuperare la vaccata perché ne hai il tempo, quando il tempo è finito...

Link to comment
Share on other sites

ROMA UNA SQUADRA MEDIOCRE??????

Ma, non so, vedi tu.... questi avevano in squadra nell'ordine:

i fenomeni greci Mavrokefagiesse e Marmapapà............

un Ilievski che parlava un'altra lingua rispetto a Repesa....

Moiso che stava riprendendo confidenza coi campi da gioco ma che denotava una difesa Nolan style....

e sono arrivati nell'ordine:

Chiacig

Stefansson

Chatman

Askrabic

Gabini

Lorbek

ti ripongo la domanda: Roma ha aggiunto qualità ad una buona squadra o è dovuta intervenire pesantemente per rimediare ad una squadra di una medicrità impressionante? Senza contare che questi dovevano fare l'eurolega.....

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...