Jump to content

Barzellettieri parte settima


Recommended Posts

Apro con una tristezza infinta il settimo episodio della mia rubrica.. Questa mattina alle ore 11 vengo contattato da una persona che mi chiede se mi risulta che un tifoso laziale sia morto in un autogrill durante degli scontri con degli juventini colpito da un proiettile.. Guardo in tv, sul televideo.. Niente.. Penso alla solita bufala stile "hanno investito un bambino, sospendete la partita" ma dopo poche ore arriva la conferma. Sembra che durante una mega rissa in un autogrill di Arezzo un laziale sia stato ferito a morte. Penso che ci sia stato un incontro tra gli Irriducibili e i Fighters Roma a colpi di ascia ma piano piano si viene a scoprire che il ragazzo è morto per un colpo di pistola, FORSE sparato da un poliziotto. In tv la cosa sembra tabù fino alle ore 14 quando si ha la certezza che a esplodere il colpo sia stato un poliziotto.. penso all'autodifesa difronte a centinaia di ultras che minacciavano la sua vita.. e invece...

Da Repubblica.it

In attesa di conoscere l'esito delle indagini, quel che sembra certo è che, poco prima delle 9 del mattino, un'auto di tifosi juventini, nel piazzale di sosta, viene avvicinata da alcuni supporter laziali, armati di spranghe. C'è tensione, nasce una violenta collutazione. L'incidente richiama l'attenzione di due pattuglia della Polstrada, che si trova sul piazzale dello stesso autogrill ma dall'altra parte della carreggiata a oltre 50 metri di distanza. Gli agenti sono stati chiamati per un altro servizio, ma sentono rumori e grida e decidono di intervenire. Raggiungono il bordo della carreggiata e, da lì azionano le sirene delle loro auto. Ma la rissa continua e, a questo punto, uno degli agenti decide di sparare in aria "per attirare l'attenzione" dei contendenti. Il poliziotto spara due volte e un colpo, ma questo non è ancora stato ammesso apertamente nemmeno dal questore, raggiunge al collo Gabriele Sandri che si trova seduto in mezzo sul sedile posteriore della Megane Scenic. L'auto, nel frattempo è partita, gli amici a bordo si accorgono che Gabriele sta male, rantola, si fermano al successivo casello (4-5 chilometri più a Nord) e chiamano il 119. Lì li raggiunge la volante, arriva anche l'ambulanza, si cerca di rianimare il giovane, ma non c'è nulla da fare. Il ragazzo è morto e il suo corpo senza vita resterà a lungo sdraiato su sedile posteriore dell'auto.

Comincio a cambiare canale, rai1, rai2, rai3, skytg24, sky calcio show e quello che a me sembra certo è che dei poliziotti con un udito dell'uomo bionico hanno sentito a 60 metri di distanza con 4 corsie dove passano macchine a oltre 100 km/h rumori di scontri tra tifosi.. Beccatevi l'intervista a quello che lavorava nell'autogrill dove c'era la rissa, si è accorto del casino solo quando la stessa volante è entrata per chiedere i filmati del circuito interno, ossia dopo aver sparato, fatto inversione di marcia.. Ma come, chi era a 2 metri non si è accorto di niente.. la grande soluzione sembra quella di accendere la sirena così si spaventano.. niente da fare, e allora cosa fanno? Sparano ai tifosi.. ma si che cazzo gliene frega a gente come gli ultras si può sparare, sono l'immondizia della società, esseri indegni, magari ti becchi pure una medaglia come Raciti..e al massimo ti insabbiano il caso..

La voce si sparge in tutta Italia, anche al Forum dove si gioca Milano-Varese..

Da casa attendo con ansia la conferenza stampa del questore di Arezzo, guarda caso insieme al portavoce della Polizia Roberto Sgalla (lo stesso del G8 di Genova) che chiede ai cronisti di non fare domande (tra le proteste dei giornalisti molto rumorose)! Perchè la storia è molto semplice e oggettiva: un poliziotto della stradale ("un ottimo elemento che di solito opera benissimo") spara due colpi in aria ma colpisce un giovane tifoso laziale seduto sul sedile posteriore della Megane Scenic che stava lasciando l'area di servizio di Badia al Pino. Un giornalista proprio non ci sta e gli chiede come il proiettile è potuto finire in un auto se era stato sparato in aria.. il questore risponde "beh ci sono gli esami balistici in corso".. Però nonostante siano in corso gli esami dice che sono stati sparati in aria 2 colpi...aaaaaaaaaaaaaaaaah beh! I giornalisti non sanno se ridere o piangere, si sentono rumori di unghie che si arrampicano su specchi e allora il portavoce della Polizia spintona il questore per mandarlo via e lo intima di non dire altro..

In televisione succede di tutto..riappaiono i soliti miseri personaggi con le loro patetiche soluzioni (cito tra i barzellettieri più divertenti di questa giornata il presidente della Figc Abete e il giornalista Candido Cannavò) mentre le immagini scorrono con filmati di tifosi che abbattono vetrate con tombini (come han fatto ad entrare con dei tombini in curva?i tornelli?), tifosi che si odiano a morte allearsi per scatenare guerriglie urbane, striscioni di protesta fatti al momento (ma come, non avevano fatto i pre-filtraggi per evitare striscioni offensivi?non sequestravano le bombolette spray?)

Ma laviamoci pure le mani come han fatto e detto in molti in televisione, "quello che è successo oggi non ha niente a che vedere con il calcio e con il fenomeno della violenza negli stadi", non importa se il motivo della collutazione era per motivi calcistici, non importa se è successo in un luogo dove le leggi birmane anti-ultras hanno vigore, non importa se chi ha sparato è l'eroe di turno con la divisa..

Concludendo.. "è stato un tragico errore" (Amato)? Beh.. "La polizia saprà assumersi le sue responsabilità" (Manganelli) -

Manganelli parla di assunzione di responsabilità... che ne so tipo GLI SCONTRI ROMA-MANCHESTER DELL'ANNO SCORSO?TIPO IL PESTAGGIO DELLA SCUOLA DIAZ AL G8 DI GENOVA?TIPO IL CASO DI FEDERICO ALDROVANDI? TIPO IL BRESCIANO IN COMA A VERONA? Allora possiamo stare veramente tranquilli..

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 537
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

non sarà ora di smetterla con tutti questi esaltati e con tutti questi "guardiani dell'ordine" dal grilletto facile?

poi ci scappa il morto e si svegliano. mha.

mi dispiace perchè comunque è morta una persona, ma sono comunque cose che io non riesco a concepire.

ieri ero in zona san siro e c'era da avere paura da quel che si sentiva...

Link to comment
Share on other sites

Qualunque sia la causa , scene come quelle di ieri sera a roma sono INTOLLERABILI .

Siamo un Paese di pagliacci .

Ma cosa dici? Gli ultrà stanno combattendo, anche per te, una sacra battaglia per difendere diritti fondamentali ed inviolabili, come l'andare in trasferta a devastare autogrill o entrare negli stadi con fumogeni e bombe carta. Abbasso la polizia!

Link to comment
Share on other sites

ieri è morto un ragazzo di 26 anni

ieri il campionato andava fermato alle 10 di mattina, perchè la morte di un ragazzo/ultrà/quelche sia, è uguale alla morte dell'ispettore capo di polizia di 10 mesi fa

ieri poi però gli ultras hanno deciso di passare dalla parte della ragione al "farsi giustizia da soli", che in un paese democratico con leggi, non è ammissibile...

scene come quelle di Roma, milano, bergamo fanno solo male all'Italia in generale.

voi gente come quelli di bergamo li identificate come tifosi??? io no...

Detto questo, riposa in pace Gabriele

Link to comment
Share on other sites

ieri è morto un ragazzo di 26 anni

ieri il campionato andava fermato alle 10 di mattina, perchè la morte di un ragazzo/ultrà/quelche sia, è uguale alla morte dell'ispettore capo di polizia di 10 mesi fa

Una tragedia enorme. Però, qualche giorno fa a Perugia è morta una ragazzina di 22 anni, sabato scorso 3 persone hanno perso la vita in un incidente stradale nei pressi di Ravenna, un uomo è stato ucciso dalla moglie.....ecc. ecc.. Cosa facciamo? Fermiamo i campionati per ogni tragedia? Chiudiamoli definitivamente allora che facciamo prima....

Link to comment
Share on other sites

voi gente come quelli di bergamo li identificate come tifosi??? io no...

io li chiamo esaltati che non hanno altro modo per sfogarsi che andare in giro a creare situazioni assurde di questo tipo.

e quello che mi da più fastidio è che mascherano tutto questo in nome dello sport...

cosa c'entra questo con lo sport!?

mha.

l'anno prossimo faccio l'abbonamento a sky. mi faccio fregare ma almeno la domenica non devo rischiare la vita nelle strade o nei palazzetti.

Link to comment
Share on other sites

Una tragedia enorme. Però, qualche giorno fa a Perugia è morta una ragazzina di 22 anni, sabato scorso 3 persone hanno perso la vita in un incidente stradale nei pressi di Ravenna, un uomo è stato ucciso dalla moglie.....ecc. ecc.. Cosa facciamo? Fermiamo i campionati per ogni tragedia? Chiudiamoli definitivamente allora che facciamo prima....

Allora nemmeno 10 mesi fa andavano fermati... seguendo il tuo ragionamento. Ieri, seppur il fatto non sia successo allo stadio, riguardava comunque un qualcosa legato a dei tifosi di calcio. La morte di un tifoso, vale la morte dell'ispettore di polizia, quindi mi sembrava giusto prendere le stesse decisioni. Anche perchè si sarebbero fermati tutti i tifosi che stavano andando allo stadio

Ripeto, però, che fatti di milano roma e bergamo restano comunque intollerabili

Link to comment
Share on other sites

Se chi ha sparato lo ha fatto intenzionalmente c'è sicuramente un delinquente, che va punito senza riguardi, questo è certo.

Cosa rischia il poliziotto? Da 5 anni alla "non punibilità"

ROMA - Le indagini sulla morte del tifoso laziale Gabriele Sandri dovranno innanzitutto accertare se il poliziotto che ha sparato ha fatto un uso legittimo delle armi, cioè ha usato la pistola costretto dalla necessità di respingere una violenza o perchè ricorreva un'altra delle ipotesi tassative previste dal codice penale. Diversamente per l'agente potrebbe scattare l'accusa di omicidio colposo o addirittura quella di omicidio volontario con dolo eventuale.

Una differenza non da poco anche sul piano delle relative sanzioni, visto che l'omicidio colposo è punito con la reclusione sino a 5 anni, mentre per quello volontario si può arrivare sino a 21 anni.

Prioritaria sarà dunque la verifica se per l'agente ricorrono le condizioni previste dall'articolo 53 del codice penale, che esclude la punibilità del pubblico ufficiale se ha fatto un uso legittimo delle armi. Tra queste - ma non è questo il caso - c'è la necessità di impedire che vengano compiuti gravi reati; ma giustificano l'uso delle armi anche l'esigenza di respingere una violenza o di vincere una resistenza.

Se il poliziotto fosse andato al di là di questi limiti, si tratterebbe di un eccesso colposo nell'uso delle armi, che farebbe scattare per lui l'accusa di omicidio colposo; omicidio commesso dunque non volontariamente, ma per imprudenza, imperizia o negligenza.

La terza possibilità in astratto è che si possa contestare l'omicidio volontario con dolo eventuale: ma in questo caso il poliziotto dovrebbe aver sparato deliberatamente ad altezza d'uomo e su un assembramento, mettendo in conto che poteva colpire qualcuno.

Se non sarà esclusa la punibilità dell'agente e dunque se gli si contesterà l'omicidio, comunque sembra difficile che possa essere sottoposto a misure di custodia cautelare, per le quali il codice richiede che vi sia il pericolo di fuga, o di inquinamento delle prove o di reiterazione del reato.

Scommettiamo? Un cazzo.. Intanto il ragazzino che continuano ad additare come omicida dell'Ispettore Raciti senza una vera prova rimane in carcere.. :blink:

P.S. Non ho ancora sentito Achille Serra sull'impeccabile gestione della sicurezza della città capitolina..

Edited by Guinness
Link to comment
Share on other sites

Allora i casini successi nel pomeriggio sono ESCLUSIVAMENTE FIGLI della disinformazione che c'è stata nelle prime ore di domenica.

Non scordiamoci che si è parlato immediatamente di scontri fra tifosi gravi scontri (chissà chi ha messo in giro queste voci), invece all'interno dell'autogrill NON SI SONO ACCORTI DI NIENTE!!!

Le partite andavano sospese per colpa della disinformazione, non dell'accaduto!

I fatti di Roma non trovano giustificazione in NIENTE!

Spero che cmq in tutti sporadicamente venga in mente un pensierino: un albanese che uccide viene mandato ai domiciliari a San Benedetto un ragazzo (non si sa come, ma additato subito come ultras) può essere MESSO SOTTO TIRO!

Credo che tutto quello che stia succedendo in Italia sia semplicemente frutto di una crescente insofferenza dagli stadi al V-day, ma intanto lassù si preoccupano più della legge elettorale e lasciano la giustizia in mano a gente che il GIUSTO non sa nemmeno cosa sia.

Link to comment
Share on other sites

Spero che cmq in tutti sporadicamente venga in mente un pensierino: un albanese che uccide viene mandato ai domiciliari a San Benedetto un ragazzo (non si sa come, ma additato subito come ultras) può essere MESSO SOTTO TIRO!

questo non è vero e lo sai bene: nessuna disposizione di legge permette alle forze dell'ordine di utilizzare le armi da fuoco in dotazione quando non c'è pericolo per la vita propria o di terzi.

che poi le responsabilità dei rappresentanti delle forze dell'ordine non vengano mai a galla, è tutto un altro paio di maniche.

Link to comment
Share on other sites

Credo che Tuig si riferisca alla disinformazione e alla "copertura" che solitamente viene effettuata quando lo "sgarro" viene effettuato da un tutore dell'ordine. E in questo gli do ragione.

Mi chiedo però: dove eravate quando gli "stessi" poliziotti commettevano nefandezze alla scuola Diaz di Genova?

Non lo sto dicendo con cattiveria, non fraintendermi. Ma a volte ho davvero l'impressione che non si usi sempre la stessa "misura".

Link to comment
Share on other sites

12 novembre 2007 - Questa mattina il Corriere della Sera riporta le prime parole di Luigi S., l'agente della Polizia Stradale dalla cui arma risulta essere partito il colpo che è costato la vita al tifoso laziale Gabriele Sandri. "Non ho mirato a niente, non ho puntato nessuno - dice tra le lacrime -. Ero almeno a duecento metri, come avrei potuto? Il primo colpo l'ho sparato in aria e il secondo m'è partito mentre correvo, accidenti a me. Adesso lo so, sono rovinato".

AGENTE SCELTO - Agente scelto, 12 anni di servizio ricchi di successi e attestati di stima, ora non si dà pace: "Così ho distrutto due famiglie, quella del ragazzo e la mia...". Dopo il primo colpo sparato in aria, secondo il regolamento, avrebbe dovuto rimettere nella fondina la pistola d'ordinanza, una Beretta 92 Sb. Ma lui non l'ha fatto, è stato imprudente: !Perché noi siamo abituati a correre nei campi per inseguire i rapinatori, i trafficanti di droga, i latitanti — lo difendono a spada tratta i suoi colleghi — e la pistola la teniamo in pugno". Stavolta, però, c'è scappato il morto. "C'era appena stata la rissa tra i tifosi laziali e juventini, una rissa violentissima — raccontano in coro i poliziotti di Battifolle —. Le auto dei tifosi stavano già ripartendo e Luigi, così, correva in parallelo al guard-rail per identificarne almeno il modello. Non lo diciamo per giustificarlo, ma per sottolineare che è stata una disgrazia. Oltretutto il proiettile, per arrivare dall'altra parte, ha dovuto superare due guard-rail a tripla onda e la rete sul new-jersey centrale. Magari ha subìto anche una deviazione...".

GUERRA SETTIMANALE - In sintonia con quanto dichiarato dai dipendenti dell'autogrill, infine, i colleghi di Luigi S. hanno spiegato che ogni fine settimana "è una guerra". Gruppi ultras dalla serie A alla C imperversano nelle stazioni di servizio, e l'episodio violento è all'ordine del giorno.

_________________

Link to comment
Share on other sites

12 novembre 2007 - Questa mattina il Corriere della Sera riporta le prime parole di Luigi S., l'agente della Polizia Stradale dalla cui arma risulta essere partito il colpo che è costato la vita al tifoso laziale Gabriele Sandri. "Non ho mirato a niente, non ho puntato nessuno - dice tra le lacrime -. Ero almeno a duecento metri, come avrei potuto? Il primo colpo l'ho sparato in aria e il secondo m'è partito mentre correvo, accidenti a me. Adesso lo so, sono rovinato".

AGENTE SCELTO - Agente scelto, 12 anni di servizio ricchi di successi e attestati di stima, ora non si dà pace: "Così ho distrutto due famiglie, quella del ragazzo e la mia...". Dopo il primo colpo sparato in aria, secondo il regolamento, avrebbe dovuto rimettere nella fondina la pistola d'ordinanza, una Beretta 92 Sb. Ma lui non l'ha fatto, è stato imprudente: !Perché noi siamo abituati a correre nei campi per inseguire i rapinatori, i trafficanti di droga, i latitanti — lo difendono a spada tratta i suoi colleghi — e la pistola la teniamo in pugno". Stavolta, però, c'è scappato il morto. "C'era appena stata la rissa tra i tifosi laziali e juventini, una rissa violentissima — raccontano in coro i poliziotti di Battifolle —. Le auto dei tifosi stavano già ripartendo e Luigi, così, correva in parallelo al guard-rail per identificarne almeno il modello. Non lo diciamo per giustificarlo, ma per sottolineare che è stata una disgrazia. Oltretutto il proiettile, per arrivare dall'altra parte, ha dovuto superare due guard-rail a tripla onda e la rete sul new-jersey centrale. Magari ha subìto anche una deviazione...".

GUERRA SETTIMANALE - In sintonia con quanto dichiarato dai dipendenti dell'autogrill, infine, i colleghi di Luigi S. hanno spiegato che ogni fine settimana "è una guerra". Gruppi ultras dalla serie A alla C imperversano nelle stazioni di servizio, e l'episodio violento è all'ordine del giorno.

_________________

Ma bastaaaa...ma vi rendete conto le cazzate che dice 'sto tipo?

Per identificare il modello di una macchina corre con la pistola in mano in mezzo ad un'autostrada?

Dibattiti televisivi, riunioni al viminale, tutto per giustificare un gesto criminale...

Link to comment
Share on other sites

Ma bastaaaa...ma vi rendete conto le cazzate che dice 'sto tipo?

Per identificare il modello di una macchina corre con la pistola in mano in mezzo ad un'autostrada?

Dibattiti televisivi, riunioni al viminale, tutto per giustificare un gesto criminale...

Anche a me pare una follia.......

Ma ancor più folle ed inaccettabile è quanto accaduto "di conseguenza"......... :flowers::flowers:

Link to comment
Share on other sites

Anche a me pare una follia.......

Ma ancor più folle ed inaccettabile è quanto accaduto "di conseguenza"......... :flowers::flowers:

Infatti dopo ieri sera l'immagine che ho delle forze dell'ordine è proprio quella di non saper gestire l'ordine pubblico...a Roma di fatto stanotte c'è stata guerra civile ed al momento nn risulta, stessa cosa a Bergamo, nessun arresto nessun fermo niente di niente.

Link to comment
Share on other sites

Infatti dopo ieri sera l'immagine che ho delle forze dell'ordine è proprio quella di non saper gestire l'ordine pubblico...a Roma di fatto stanotte c'è stata guerra civile ed al momento nn risulta, stessa cosa a Bergamo, nessun arresto nessun fermo niente di niente.

Come fanno sempre, prenderanno 2/3 persone a caso e le accuseranno di terrorismo internazionale..

Link to comment
Share on other sites

Credo che Tuig si riferisca alla disinformazione e alla "copertura" che solitamente viene effettuata quando lo "sgarro" viene effettuato da un tutore dell'ordine. E in questo gli do ragione.

Mi chiedo però: dove eravate quando gli "stessi" poliziotti commettevano nefandezze alla scuola Diaz di Genova?

Non lo sto dicendo con cattiveria, non fraintendermi. Ma a volte ho davvero l'impressione che non si usi sempre la stessa "misura".

complimenti hai letto in modo perfetto il mio intervento!

Per quanto riguarda la scuola Diaz, io vorrei porre l'accento su di un altro aspetto. Le violenze fatte non sugli esagitati (presenti probabilmente in gran numero alla Diaz) quanto quelle sui VERI pacifisti moderati a genova. Racconti di gente semplice e normale, non ricordati dai media, perchè fanno poco enfasi, non vengono pubblicizzati.

Io non voglio seguire la corrente delle critiche stupide e banali sull FdO, ma soprattutto sulla loro grande INCAPACITA', stamattina, credo il capo degli ispettori, ha sostenuto che il problema maggiore è che non possono FORMARE ADEGUATAMENTE GLI AGENTI.

Credo che questa dichiarazione sia la più tragica e spaventosa che si potesse sentire...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...