Jump to content

F1 2013


Recommended Posts

Vettel vince in Malesia sfanculato da team e compagno di squadra.

Effettivamente , esageratissimi rischi di Vettel presi col compagno Webber ; credo che da oggi

sarà tutto diverso in Red Bull.

Rosberg invece, rispetta fedelmente le richieste del team e lascia il podio ad Hamilton....

Bah !

Velo pietoso sulla Ferrari....

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 175
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Vettel non fa altro che dimostrare la sua arroganza...sarà anche bravo, ma non può sempre rischiare di buttare via tutto per un capriccio. E' ovvio che un pilota cerchi sempre di vincere, ma c'è modo e modo di farlo...

In tal senso Hamilton e Rosberg hanno dimostrato di avere una gran classe. Da Rosberg me lo aspettavo, da Hamilton un pò meno ed è stata una bella sorpresa sentire le sue parole a fine gara.

Link to comment
Share on other sites

Vedo che ancora una volta Vettel ha molta fortuna quando ci sono contatti/incidenti; riesce sempre a cavarsela !

Nello scorso campionato Alonso non ha potuto concludere almeno 3 Gran Premi (mi sembra) avendo avuto altrettanti

tamponamenti. Perciò punti non conquistati. A Vettel non è capitato nemmeno una volta, anche nelle pochissime volte

in cui è stato coinvonto in incidenti/tamponamenti se l' è sempre cavata.

NON E' GIUSTO !!

SEMPRE FORZA FERRARI !

Link to comment
Share on other sites

  • 9 months later...

Giusta precisazione.

Mi pare che abbia sostanzialmente avuto una gran SFIGA...

so and so , vista la foto di dove è avvenuto l'incidente ad occhio credo andasse troppo forte . Poi chiaro, fosse caduto 5 mt prima staremmo parlando del nulla
Link to comment
Share on other sites

C'è un video fatto da un maestro di sci che indica quel passaggio laddove molti sciatori passano da una pista all'altra, è davvero brutto e pieno di rocce potrebbe capitare a chiunque soprattutto ai ragazzini che sono i più spericolati per natura...forse dovrebbero adesso porre rimedio e impedire il passaggio onde evitare altri incidenti, Schumi purtroppo andava forte direi ma è nel suo DNA e conosce bene quella pista...

Link to comment
Share on other sites

Io non ho mai sciato (discesa) e quindi non ne capisco niente ma dalle foto del corriere si vede proprio che quel pezzo si "pista" è pienissimo di rocce.

Ma uno sciatore di buon livello come fa a non vederle e ad andarsi a impelagare li dentro?

Non è una pista.

Probabilmente sciava a gran velocità vicino al bordopista ed è caduto finendo sopra le pietre .

Ma sono solo mie supposizioni derivate dal fatto che in questi giorni ne ho viste di ogni e di più.

Link to comment
Share on other sites

Sciare fuori pista (quindi anche fra 2 piste) è sempre vietato. o a tuo rischio e pericolo, quindi i gestori non hanno molto da fare.

Probabilmente andava troppo forte (ma chi e come può valutare la velocità cui andava?), però ritengo che la componente sfiga, pur in un contesto di un certo pericolo, abbia influito notevolmente.

Link to comment
Share on other sites

Non è una pista.

Probabilmente sciava a gran velocità vicino al bordopista ed è caduto finendo sopra le pietre .

Ma sono solo mie supposizioni derivate dal fatto che in questi giorni ne ho viste di ogni e di più.

Stava tagliando fra una pista ed un'altra attraversando quel tratto di non pista con roccette sporgenti.

Era fuori pista, non era certo freeride.

Link to comment
Share on other sites

Stava tagliando fra una pista ed un'altra attraversando quel tratto di non pista con roccette sporgenti.

Era fuori pista, non era certo freeride.

Se ha fatto quel taglio , in quel punto , alla velocità che dicono imho non si può parlare di " sfiga"

Link to comment
Share on other sites

C'è un video fatto da un maestro di sci che indica quel passaggio laddove molti sciatori passano da una pista all'altra, è davvero brutto e pieno di rocce potrebbe capitare a chiunque soprattutto ai ragazzini che sono i più spericolati per natura...forse dovrebbero adesso porre rimedio e impedire il passaggio onde evitare altri incidenti, Schumi purtroppo andava forte direi ma è nel suo DNA e conosce bene quella pista...

E ma se è davvero così non vorrei essere nei gestori degli impianti; il risarcimento sarebbe pesantissimissimo...

Link to comment
Share on other sites

SPORT

02/01/2014

“Schumacher caduto mentre cercava

di soccorrere la figlia di un amico”

La ricostruzione del quotidiano tedesco Bild: «Stava sorvegliando un gruppo di bambini durante la discesa quando una di loro è caduta, e per aiutarla, il pilota ha abbandonato il tracciato addentrandosi per alcuni metri sulla neve fresca»

Il grave incidente di cui Michael Schumacher è rimasto vittima domenica scorsa, mentre stava sciando sulle Alpi francesi, si è probabilmente verificato perché l’ex pilota della Ferrari e della Benetton ha cercato di soccorrere una bimba, figlia di un suo amico, che era caduta sulla pista di Meribel: lo riferisce il quotidiano `Bild´, precisando che Schumi stava scendendo con sci presi a nolo lungo la pista del monte Saulire, dietro a un gruppo di bambini che voleva sorvegliare durante la discesa. All’improvviso una di loro è caduta e, per soccorrerla, Schumacher ha abbandonato il tracciato addentrandosi per una ventina di metri sulla neve fresca, tra le piste `Biche´ e `Mauduit´.

Da quel momento in poi non è ancora chiaro che cosa sia successo. Probabilmente il sette volte campione del mondo non si è accorto delle rocce che spuntavano dal terreno, anche perché erano ricoperte dalla coltre nevosa. La portavoce dell’ex pilota, Sabine Kehm, ha spiegato al giornale che Schumacher è andato a cozzare contro una roccia che non aveva visto, perdendo l’equilibrio. Il fatto che sia poi andato a sbattere con la testa contro un secondo masso è stato dovuto solo a un’enorme jella. Non sciava troppo veloce, e stava compiendo una normale curva, ha spiegato Kehm.

`Bild´ ipotizza che a distrarre Schumacher durante la caduta, evitandogli di proteggersi il capo con le mani, possa essere stata la circostanza per cui uno degli sci non si è sganciato come avrebbe dovuto. La polizia francese li ha comunque sequestrati entrambi. Quattro minuti dopo l’impatto sono arrivati i primi soccorritori, che hanno visto la tempia destra coperta di sangue, con la ferita che arrivava fin dietro la nuca. Schumacher era in grado di parlare, ma si trovava in stato confusionale. L’elicottero di soccorso, partito dalla pista alle 11,30, ha dovuto fare una sosta intermedia all’ospedale di Albertville-Moutiers, per permettere ai medici di assicurare per mezzo di tubi la respirazione artificiale della vittima, trasferita successivamente a Grenoble dove Schumi è arrivato verso le 12,40.

Link to comment
Share on other sites

La ricostruzione del quotidiano tedesco Bild: «Stava sorvegliando un gruppo di bambini durante la discesa quando una di loro è caduta, e per aiutarla, il pilota ha abbandonato il tracciato addentrandosi per alcuni metri sulla neve fresca»

Minchia ma allora anche sulla neve riesce a fare da 0 a 100 km/h in pochi metri.

Mi sembra una ricostruzione che non regge minimamente.

Auguriamo a Schumi di rimettersi presto. Punto e basta.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...