Jump to content

We imagine: aspettative e realtà


Recommended Posts

Bentornati a tutti dalle vacanze, ieri sera come venerdì sono riscuito a vedere un pò di practice al PALAZZO dei nuovi boys

Al di là di quello che si vede da due allenamenti, e da quello che si legge come statistiche passate, vi chiedo una cosa: al di là delle aspettative più alte quest'anno, delle attese maggiori visto che alle presentazioni e raduni vari c'è sempre il triplo della gente dello scorso anno a quest'epoca (cos'ì ho sentito), vi chiedo a voi che lo scorso anno eravate quel primo terzo stabile zoccolo duro (io sono nei 2/3 aggiunti di oggi per intenderci):

Date le ottime conferme, che però devono trovarsi con Frates, la vera incognita, come giudicate i nuovi ragazzi a priori, rispetto a come consideravate un anno fa a priori i vari Banks, Green e Dunston ?

Per me a priori il play e l'ala sono più forti in attacco, il pivot quasi uguale (sempre sulla carta...), poi come vada e cosa facciano con una panchina cortissma rispetto ai soliti meddami, SS ecc. ci vuole IMMAGINAZIONE...

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 120
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

L'ala è sempre Ere, difficile che sia migliorato ^_^

Credo che il valore di una squadra sia dato (spannometricamente) al 50% dal valore dei singoli elementi e al 50% da altri fattori come la chimica e il puro e semplice culo. Che vuol dire restare sani (e scrivo con una mano sola), trovare gli avversari forti nel momento in cui sono in crisi, trovare arbitri vedenti, imparziali o perlomeno corrompibili con i nostri mezzi etc.

E il valore dei giocatori dipende anche dai fattori di cui sopra nella squadra in cui giocavano prima, per cui uno che sembra un campione può diventare una pippa con le mani a saponetta e un onesto gregario scoprirsi giocatore di rango.

Giudicare prima di qualsiasi partita vera è impossibile. E anche le premesse delle prime giornate di campionato possono cambiare durante la stagione, in meglio o in peggio.

In pratica non ci si capisce un cazzo :P

Credo che la società abbia fatto il suo prendendo, compatibilmente con le nostre possibilità, giocatori che hanno dimostrato di avere buone qualità e possono essere complementari tra loro, oltre a garantire loro un'accoglienza di livello e la paga ogni mese (fattori che pesano non poco).

Ora sta a Frates cercare di farli rendere al meglio, compatibilmente con i fattori esterni di cui sopra.

Alcuni giocatori non mi fanno impazzire (Clark), altri (Hassel, Coleman) mi incuriosiscono e le riconferme fanno sperare che si possa ricreare l'atmosfera dell'anno scorso.

Poi, secondo me, a vincere si impara soltanto vincendo e, come abbiamo visto l'anno scorso, la fiducia cresce insieme ai risultati.

Partire bene con il QR (che comunque è difficilissimo e non passarlo non sarebbe certo una disfatta) e la supercoppa (che invece è alla nostra portata anche se si gioca al palasputazzaemonetine) sarà importantissimo.

Link to comment
Share on other sites

la tua risposta è saggia e da allenatore sincero, anche se non so sei fai anche l'allenatore... la filosofia è quella, più ci si crede e si ha anche la fortuna di vincere all'inizio e più ci si convince e si crea un circolo virtuoso

Non sono allenatore e tendenzialmente sono anche un fottuto bugiardo :P

Link to comment
Share on other sites

L'ala è sempre Ere, difficile che sia migliorato ^_^

Credo che il valore di una squadra sia dato (spannometricamente) al 50% dal valore dei singoli elementi e al 50% da altri fattori come la chimica e il puro e semplice culo. Che vuol dire restare sani (e scrivo con una mano sola), trovare gli avversari forti nel momento in cui sono in crisi, trovare arbitri vedenti, imparziali o perlomeno corrompibili con i nostri mezzi etc.

E il valore dei giocatori dipende anche dai fattori di cui sopra nella squadra in cui giocavano prima, per cui uno che sembra un campione può diventare una pippa con le mani a saponetta e un onesto gregario scoprirsi giocatore di rango.

Giudicare prima di qualsiasi partita vera è impossibile. E anche le premesse delle prime giornate di campionato possono cambiare durante la stagione, in meglio o in peggio.

In pratica non ci si capisce un cazzo :P

Credo che la società abbia fatto il suo prendendo, compatibilmente con le nostre possibilità, giocatori che hanno dimostrato di avere buone qualità e possono essere complementari tra loro, oltre a garantire loro un'accoglienza di livello e la paga ogni mese (fattori che pesano non poco).

Ora sta a Frates cercare di farli rendere al meglio, compatibilmente con i fattori esterni di cui sopra.

Alcuni giocatori non mi fanno impazzire (Clark), altri (Hassel, Coleman) mi incuriosiscono e le riconferme fanno sperare che si possa ricreare l'atmosfera dell'anno scorso.

Poi, secondo me, a vincere si impara soltanto vincendo e, come abbiamo visto l'anno scorso, la fiducia cresce insieme ai risultati.

Partire bene con il QR (che comunque è difficilissimo e non passarlo non sarebbe certo una disfatta) e la supercoppa (che invece è alla nostra portata anche se si gioca al palasputazzaemonetine) sarà importantissimo.

E direi che su questo post si può anche chiudere la discussione...

Quoto ogni singola lettera.

Link to comment
Share on other sites

Per certi versi sono correlate.

Per venire al topic.

Sul centro probabilmente ci abbiamo perso.

Sul coach certamente ci abbiamo guadagnato.

Guardia e Play sono da vedere nel sistema di Frates. Potenzialmente sono di livello almeno comparabile.

Ere secondo me è miglioratissimo :baby:

In generale, col budget a disposizione, una grandissima squadra.

Vediamo anche le altre però.

Link to comment
Share on other sites

Il punto è questo: capire quanto si siano rinforzate anche le altre

O indebolite...

Siena ha sicuramente perso giocatori di esperienza (anche se nel caso di Brown l'esperienza è più che altro da parte di madre).

Roma ha preso giocatori interessanti, tenuto Taylor e Goss, ma ha perso Datome e Lawal.

E tantissime squadre, noi compresi, hanno mantenuto diversi elementi di valore, ma hanno dovuto rimpiazzarne altri altrettanto importanti.

Altre squadre, soprattutto quelle con i budget più scarsi, stanno facendo parecchie scommesse, ma se ne imbroccano più di una potrebbero diventare delle mine vaganti.

Sembra un campionato interessante. Peccato che non lo guarderà quasi nessuno ^_^

Link to comment
Share on other sites

O indebolite...

Siena ha sicuramente perso giocatori di esperienza (anche se nel caso di Brown l'esperienza è più che altro da parte di madre).

Roma ha preso giocatori interessanti, tenuto Taylor e Goss, ma ha perso Datome e Lawal.

E tantissime squadre, noi compresi, hanno mantenuto diversi elementi di valore, ma hanno dovuto rimpiazzarne altri altrettanto importanti.

Altre squadre, soprattutto quelle con i budget più scarsi, stanno facendo parecchie scommesse, ma se ne imbroccano più di una potrebbero diventare delle mine vaganti.

Sembra un campionato interessante. Peccato che non lo guarderà quasi nessuno ^_^

però la sensazione è che il livello medio si sia alzato rispetto allo scorso campionato.

Link to comment
Share on other sites

Per certi versi sono correlate.

Per venire al topic.

Sul centro probabilmente ci abbiamo perso.

Sul coach certamente ci abbiamo guadagnato.

Guardia e Play sono da vedere nel sistema di Frates. Potenzialmente sono di livello almeno comparabile.

Ere secondo me è miglioratissimo :baby:

In generale, col budget a disposizione, una grandissima squadra.

Vediamo anche le altre però.

Aspetta...non vedremo più le Dunk-Storm dell'anno scorso ma scommetto che FH ci darà una dimensione più completa. E abbiamo Scekic.

Nella somma FH e Scekic imho valgono più di BD e Talts

Link to comment
Share on other sites

Mah, secondo me il ruolo dove rispetto allo scorso anno siamo meno forti è quello del play.

MrMikeGreen a volte poteva essere odioso e pompare la palla oltre ogni logica, però se avevi negli ultimi 5 minuti bisogno della cosa giusta lui te la faceva. Clark non è questo tipo di giocatore, speriamo che questa dote ce l'abbia Coleman.

In guardia siamo probabilmente più forti con Coleman al posto di Banks anche se è un'impressione tutta da verificare.

Ala piccola e ala forte...in cumpagn...

Centro: Dunston resta il miglior centro visto a Varese da un bel po' di tempo a questa parte anche se parecchie delle sue fortune le deve a quello che gli passava la palla.

Talts era un onesto comprimario e nulla più.

La coppia Hassell/Scekic è indubbiamente più assortita e probabilmente anche sotto l'aspetto tecnico più completa. Ora bisogna vedere se la filosofia di Frates si sposerà al meglio con i movimenti che piacciono a the tank e se Scekic saprà uscire dalla panca ed essere subito pronto.

Possiamo sperare, come bonus, nei miglioramenti che Denik e Rush potrebbero avere rispetto allo scorso anno.

In sintesi siamo una buona squadra, se l'affiatamento e l'allenatore funzionano ce la giochiamo anche a questo giro!

Link to comment
Share on other sites

Mah, secondo me il ruolo dove rispetto allo scorso anno siamo meno forti è quello del play.

MrMikeGreen a volte poteva essere odioso e pompare la palla oltre ogni logica, però se avevi negli ultimi 5 minuti bisogno della cosa giusta lui te la faceva. Clark non è questo tipo di giocatore, speriamo che questa dote ce l'abbia Coleman.

In guardia siamo probabilmente più forti con Coleman al posto di Banks anche se è un'impressione tutta da verificare.

Ala piccola e ala forte...in cumpagn...

Centro: Dunston resta il miglior centro visto a Varese da un bel po' di tempo a questa parte anche se parecchie delle sue fortune le deve a quello che gli passava la palla.

Talts era un onesto comprimario e nulla più.

La coppia Hassell/Scekic è indubbiamente più assortita e probabilmente anche sotto l'aspetto tecnico più completa. Ora bisogna vedere se la filosofia di Frates si sposerà al meglio con i movimenti che piacciono a the tank e se Scekic saprà uscire dalla panca ed essere subito pronto.

Possiamo sperare, come bonus, nei miglioramenti che Denik e Rush potrebbero avere rispetto allo scorso anno.

In sintesi siamo una buona squadra, se l'affiatamento e l'allenatore funzionano ce la giochiamo anche a questo giro!

Il basket non è il TUO sport.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...