Jump to content

simon89

Vfb news
  • Content Count

    8,898
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by simon89

  1. L'Openjobmetis finisce schiacciata dai cingoli di Cantù e si allontana ulteriormente dal sogno playoff. Prima sconfitta per Attilio Caja in un derby contro i brianzoli: dopo 4 vittorie in fila dei biancorossi, l'Acqua San Bernardo rompe un digiuno che durava dal 3 dicembre 2016 imponendo la sua soverchiarne supremazia fisica ad una Varese insolitamente travolta a rimbalzo. Decisivo d 47-29 con cui la formazione di Nicola Brienza evidenzia la sua fisicità nel pitturato, cavalcando un imprendibile Davon Jefferson (8/8 da 2 e 32 di valutazione) che vince nettamente il duello con TylerCain. All'OJM non basta una partenza a spron battuto (anche più 8 in avvio del secondo quarto) con Scrubb stellare nei primi 10' a sorreggere una manovra ficcante ed efficace. Alla distanza l'attacco ospite paga l'ormai abituale sterilità dall'arco, col 7/32 totale (di cui 3/17 nel secondo tempo) che fa a pugni con la crescita progressiva dei padroni di casa (10/26 dall'arco di cui 6/12 nella ripresa). Lo show individuale di Avramovic è insufficiente per ricucire lo strappo del terzo quarto, figlio della solita sterilità balistica abbinata agli inusitati affanni difensivi nel cuore dell'area a dispetto di un lavoro non disprezzabile fotografato dalle 17 perse di Cantù. Alla fine Varese salvaguarda quantomeno il più 18 dell'andata, ma la quinta sconfitta in fila tra campionato e coppa certifica il momento critico di un team nuovamente lasciato a piedi da Ronnie Moore, condizionante se non riesce a trovare un minimo di ritmo dal perimetro (2/8 totale con 0/5 da 3 per ti play statunitense). Il 38% da 3 delle prime 13 giornate era l'eccezione alla regola e il 18% delle 14 gare del 2019 la normalità? Il campo dice chiaramente che Varese è passato dal 9-4 delle prime 13 gare al 5-9 del nuovo anno solare, con un digiuno esterno che dura dal 10 febbraio a Trieste, quando la truppa di Caja pescò il jolly di una serata da 18/34 da 3. E che nella seconda metà della stagione i biancorossi abbiano evidenziato una chiara Avra-dipendenza quando ti mancino serbo non trova il canestro (Pistoia, secondo tempo di Avellino, Brindisi, Torino) o non trova adeguato supporto dal sistema. Non manca volontà, ma qualità. E se il tiro dall'arco non funziona, mancano alternative valide per dare sbocco all'attacco. Il derby del PalaDesio allontana ulteriormente Varese dall'obiettivo playoff alla luce delle contemporanee vittorie di Trento, Trieste, Avellino e Sassari; ora il margine di errore dell'OJM è azzerato: andrà capitalizzato il fattore campo delle prossime due gare contro Pesaro e Pistoia e poi la trasferta del 12 maggio a Bologna (contro una Segafredo ancora in corsa o tagliata fuori dai playoff?) sarà probabilmente decisiva. Ferrero e soci vogliono crederci ancora, però nel rush finale alla volontà andrà abbinata più qualità, almeno sul piano balistico... Giuseppe Sciascia
  2. L'Openjobmetis esce di scena senza acuto finale in Europa. La formazione di Attilio Caja cede anche al ritorno contro un Wurzburg che si conferma indigesto per qualità balistiche e atletiche per la truppa biancorossa. La formazione di Wucherer archivia la pratica con un perentorio 32-13 iniziale e ripropone per un tempo abbondante le chiavi decisive a Masnago tra percentuali dall'arco micidiali (11/24 da 3) e predominio fisico a rimbalzo (38-25 finale). Poi entra in partita anche Varese, penalizzata a lungo da medie polari da 3 (8/28 totale ma 1/17 nei primi 25'), sfiorando la clamorosa rimonta -da meno 19 a più 1 - con un secondo tempo da 54 punti. Fra 72 ore a Cantù servirà una maggiore continuità, seguendo l'esempio dato da un indomito Thomas Scrubb (10/11 da 2 e 9/9 ai liberi). E un apporto migliore del centrocampo, con Avramovic messo fuori causa sul primo possesso per un episodio discutibile (reazione ad una gomitata di Bowhn sul possesso iniziale, 2 falli a carico dopo soli 5 secondi e gara praticamente finita lì). La nota positiva arriva dal rientro di Dominique Archie: l'ala statunitense tiene il campo per 26 minuti, evidenziando una condizione migliore del previsto. L'episodio iniziale è il preludio di un primo quarto a senso unico, nel quale il copione è analogo all'andata: Wurzburg macina triple con Wells e Oliver, l'OJM spacca il ferro con tutti gli effettivi (5/10 contro 1/10 il computo dall' arco alla prima sirena). Il S.Oliver mette subito in chiaro l'idea di festeggiare davanti ai suoi tifosi (12-4 al 3', 21-7 al 6'') e travolge una Varese spaurita con un perentorio 30-11 iniziale. Poi la squadra di Caja inizia a macinare gioco, ma l'impasse perimetrale non si sblocca proprio mai (1/14 da 3 a metà gara) e anche il minimo tentativo di riavvicinamento (41-28 al 17') si spegne contro il ferro tedesco. L'OJM mostra spunti convincenti anche nel terzo quarto trovando risposte interne da Scrubb e perimetrali da Archie, ma lo show balistico di Wurzburg non si arresta mai e ricaccia più volte indietro Varese (55-45 al 25' ma 75-59 al 30') nonostante i 27 punti nella frazione. Nell'ultimo quarto l'incontenibile Scrubb e una difesa più aggressiva riportano in scia l'OJM (75-71 al 35'); due dardi di Moore valgono addirittura il sorpasso sull'82-83 del 36', ma due sanguinosi rimbalzi offensivi ridanno l'inerzia al S.Oliver, mentre i dardi finali di Archie e Salumu vanno fuori misura. Giuseppe Sciascia
  3. Avra un fantasma, Moore il solito inutile
  4. Che amarezza comunque non avere più alcun fattore campo....
  5. L'Openjobmetis cede il passo alla fame di punti di Torino e rimanda all'Enerxenia Arena l'ultimo step da compiere in chiave playoff. La compagine di Attilio Caja si arrende sotto la pioggia di triple della Fiat (13/25 da 3), che rompe un digiuno di 5 gare e quasi 2 mesi contro una Varese penalizzata dall'assenza di Dominique Archie. Senza la dimensione interna garantita dall'ala ex Capo d'Orlando (oggi altra infiltrazione all'anca dolorante, in funzione delle risposte si capirà se potrà tornare già sabato contro Milano), l'attacco biancorosso non ha alternative al tiro dall'arco per far saltare il banco. E in una partita che l'OJM gioca su ritmi cadenzati e su punteggi bassi, dunque svolgendo more solito i compiti a casa preparati da Attilio Caja, il 9/31 da 3 finale con lo 0/6 di un Avramovic fuori giri dall'arco è un handicap impossibile da superare per Ferrero e soci. Una Varese lineare nell'eseguire il piano partita, ma non efficace per mancanza di precisione balistica: quando nel terzo quarto - l'unico chiuso a 5/9 da 3 - si è inquadrato il bersaglio con continuità, i biancorossi hanno messo la freccia col piglio giusto. Il rammarico è per l'inerzia cavalcata malissimo nel finale del periodo, quando si poteva provare ad amplificare il gap, e per l'avvio incerto dell'ultima frazione quando Torino ha trovato nell'anima italiana dell'asse Poeta-Portannese-Cusin una difesa graffiante in grado di concedere 5 punti in 10' all'attacco ospite. Una sconfitta meritata per una Varese imprecisa al tiro e nel primo tempo in difficoltà anche sotto le plance (meno 8 nel gap a rimbalzo, 36-33 per Torino che era ultima nella classifica di squadra) senza il vigore di Archie. Ma anche stavolta l'OJM, pur sbagliando tanti tiri aperti e non sprigionando certamente un basket scintillante, ha giocato una partita agonisticamente vibrante. Si poteva fare meglio? Certamente sì, pur col fattore Archie ad incidere parecchio; ma la Varese da 66 punti - di cui 12 nell'ultimo quarto - e tante padelle del Pala Vela è la stessa, per sistema e individualità, che domenica scorsa aveva schiantato la seconda forza Venezia. E che con un monte stipendi tra il decimo e l'undicesimo della A naviga dall'inizio dell'annata tra le prime 8 in classifica ed è alla vigilia di un ciclo di partite decisive. Tra mercoledì e sabato, con la spinta dell'Enerxenia Arena a dare maggior vigore all'azione degli uomini di Caja, l'OJM giocherà due match casalinghi dall'enonne peso specifico contro Wurzburg e Milano. La bagarre in classifica, amplificata dalle imprese di Sassari e Trento, avvalora ulteriormente il valore del fattore campo per il rush finale: nelle ultime 5 gare Pesaro e Pistoia sono tappe obbligate all'Enerxenia Arena, quota 32 potrebbe anche bastare per tagliare il traguardo via classifiche avulse. Ma un'altra impresa contro la capolista Ax Exchange (7 stop nelle ultime 8 gare ma ora senza più Eurolega) nel derby di sabato darebbe a Varese la spinta decisiva. Giuseppe Sciascia
  6. L'Openjobmetis più bella della, stagione abbatte la seconda forza Venezia e regala una notte magica ai 4.000 dell'Enerxenia Arena. Prova da applausi per la truppa di Attilio Caja, che ferma a quota 4 la serie positiva dell'Umana e allunga a quota 3 la serie positiva nella sfida più sentita dal main sponsor (e auspicabilmente futuro socio forte) Rosario Rasizza. Varese gioca una partita di grande sostanza a livello tecnico e mentale, mettendo in pratica alla perfezione il piano partita disegnato dal suo coach per imporre la legge di Masnago alla lanciata Reyer. I biancorossi rispondono al meglio all'appello di Artiglio, che aveva chiesto una partita aggressiva e coraggiosa: gli assalti al ferro di un imprendibile Avramovic (10/16 al tiro e 6 assist) e il mix di giocate interne ed esterne di un Archie decisivo in attacco permettono all'OJM di abbattere la miglior difesa del campionato con una gara da 64% da 2 e 50% da 3. In difesa, invece, Ferrero e soci sporcano le linee di passaggio con cui l'Umana costruisce le sue soluzioni perimetrali, e tiene a stecchetto (25% da 3 rispetto al 39% abituale) la miglior formazione della serie A nel tiro dal perimetro. A ciò si aggiunga un predominio assoluto a rimbalzo, con Cain autore di una prova sensazionale per solidità (miglior valutazione a quota 27 pur con soli 4 punti a referto). Il 40-24 finale nel duello aereo permette a Varese di controllare il ritmo di una gara condotta con grande aggressività; e dunque le 17 palle perse - record negativo stagionale - sono tollerate da Artiglio perché indice di quel coraggio nell'attaccare il canestro che aveva chiesto in sede di preparazione della partita. Una vittoria che ribadisce con fragore l'appartenenza dell'OJM al club dell'alta classifica: quest'anno i biancorossi non avevano ancora messo sotto a Masnago una superbig del budget e della graduatoria, la sicurezza del successo di ieri sera pesa molto più dei puri due punti. Che pure valgono un capitale visti i risultati degli altri campi: la compagine di Caja riaggancia il treno del quarto posto e riguadagna 4 punti di vantaggio sulle none. A 6 turni dalla fine è un margine quasi decisivo ma la faccia dell'OJM di ieri è quella in grado di sfidare anche le grandi. A patto che l'infortunio di Archie (distorsione all'anca destra, oggi gli esami del caso) non tolga dal puzzle una pedina chiave per la sua doppia dimensione offensiva: l'unica nota negativa della serata arriva proprio dall'uscita anticipata dell'ala ex Capo d'Orlando, auspicando che non si tratti di un problema serio alla luce del rush finale in campionato e in FIBA Cup (dove comunque i tesseramenti sono chiusi). Ora due giorni di riposo guadagnati dalla squadra grazie alla super prestazione di ieri sera, capace di commuovere anche un veteranissimo come Toto Bulgheroni. E domenica a Torino può essere l'occasione buona per prenotare i play off in largo anticipo apparecchiando la tavola per i derby consecutivi contro Milano e Cantù. Giuseppe Sciascia
  7. L'Openjobmetis si ferma sull'ultimo metro dello spareggio playoff di Brindisi. Seconda volata persa nell'ultimo minuto per la truppa di Attilio Caja, che dopo aver guidato per 35' abbondanti si fa infilzare al fotofinish dalla rimonta a suon di triple dell'Happy Casa. Replay solo apparente della prestazione bifronte di Avellino: Varese gioca per lunghi tratti una partita sostanziosa sui due lati del campo, punisce prima dall'arco e poi da distanza ravvicinata i cambi difensivi di Brindisi, e con una condotta di gara accorta costruisce un solido più 7 all'ingresso del rettilineo finale. A far saltare il banco sono le triple di Rush, Moraschini e Chappell (pezzo di bravura dell'ex Cantù con le dita di Salumu - preferito a Scrubb nei 3' finali - letteralmente negli occhi) con cui la formazione di Vitucci ribalta negli ultimi 180 secondi una partita comandata per lunghi tratti dalla solidità difensiva di Varese. I pugliesi realizzano 27 punti nei 10' finali, ma soprattutto 15 negli ultimi 180 secondi, dopo che lo slow motion biancorosso aveva permesso all'OJM di fare meritatamente l'andatura. Il rammarico maggiore è forse proprio quello di non aver capitalizzato maggiormente l'inerzia gestita quasi stabilmente nei primi 37', lasciando al talento dei veterani di Brindisi (Banks e Chappell su tutti) la chance di ribaltare il risultato. Qualche sbavatura di troppo, tra gli assalti di Avramovic sputati dal ferro e due liberi pesanti non convertiti nel finale, che potevano garantire vantaggi più pingui ad una Varese lasciata a piedi nei possessi finali da Ronnie Moore. Due errori da matita rossa- un passi sul più 1 con una gestione rivedibile e un tiraccio fuori asse sul possibile sorpasso - cancellano un quarto periodo tutto sommato accettabile; i tre precedenti, tra una difesa sospetta su Moraschini ma anche Zanelli (record in carriera in A per l'ex Legnano) e tante padelle dal perimetro, rappresentano un passo indietro lungo e ben disteso rispetto alle ultime prove. I due viaggi in Campania e Puglia lasciano zero punti e tanti rimpianti ad una Varese che ribadisce a tutto tondo la solidità del suo impianto di gioco anche a Brindisi, ma esce sconfitta per la mancanza di uno stoccatore perimetrale in grado di garantire punti sicuri quando la palla scotta. I risultati degli altri campi lasciano sola al sesto posto l'OJM, che guida un plotone di 7 squadre concentrate in 4 punti protese verso la parte finale del tabellone playoff. Però ora servirà almeno una impresa tra le prossime due gare casalinghe con Venezia e Milano - in mezzo la trasferta sul campo della pericolante Torino - per tenersi alle spalle la muta delle rimontanti. Prima però c'è l'appuntamento di mercoledì contro Ostenda, con l'obiettivo semifinali di FIBA Cup da perseguire con massima energia: la sconfitta di Avellino ha generato come reazione d'orgoglio un tris di vittorie contro Prishtina, Cremona e Filou, all'OJM il compito di trasformare la rabbia di Brindisi in carica agonistica per mercoledì e domenica... Giuseppe Sciascia
  8. L'Openjobmetis imprime il marchio della sua solidità anche sul campo di Ostenda. La compagine di Caja espugna il campo dei pluricampioni del Belgio nell'andata dei quarti di finale ribadendo la vocazione corsara della sua versione europea (settimo successo esterno in 8 trasferte internazionali, unica sconfitta a fine ottobre 2018 in Ungheria). Prova di maturità per i biancorossi, che giocano un primo tempo offensivamente lucido e poi si affidano alla difesa quando le percentuali calano alla distanza. Stavolta è difficile liquidare il Filou come "squadretta", Ferrero e compagni hanno giocato una gara di alto livello ribadendo il brillante momento di forma. Vittoria meritatissima da una Varese molto concreta, che evita una nuova beffa in stile Avellino (dal più 13 del 19' al meno 1 del 37') con un finale tutto grinta e sostanza: il più 3 finale in Belgio soffia tanto vento nelle vele biancorosse in vista della gara di ritorno di mercoledì prossimo all'Enerxenia Arena dove ci sarà comunque bisogno dell'effetto Masnago. E con l'obiettivo della semifinale alla portata, la "coppetta" inizia a meritarsi quell'appeal che tre anni fa aveva fatto scoppiare la FIBA Europe Cup-mania. LA CRONACA - L'OJM approccia il match con il mix di concentrazione e intensità già decisivo domenica contro Cremona, e lo 0-10 iniziale firmato da due triple di Archie è il frutto polposo del dominio mentale dei biancorossi. Ostenda pesca risorse in panchina con Mwema e Djurisic e sfrutta la vena balistica di Fieler ( 10 a metà gara) per ridurre il gap sul 19-21 del 12'. Ma l'adrenalina di un Avramovic in inedita versione sesto uomo rida gas a Varese: il mancino serbo va più volte al ferro con una serie di incursioni micidiali che valeono 13 minti in 5'30". Così la formazione di Caj a riprende a poco a poco l'abbrivio (28-36 al 17') toccando il massimo vantaggio sul 30-43 del 19' grazie ad un dardo di Salumu e virando sul più 10 della pausa lunga con una eccellente distribuzione offensiva (66% da 2 e 40% da 3). Dopo l'intervallo però il motore è ingolfato: 4'50" senza segnare per l'OJM che però tiene botta in difesa e rilan- cia con il solito Avrà (39-48 al 24'). I problemi di falli costano cari e Williams guida Ostenda alla rimonta fino al 52-54 del 32'. Due fucilate di Scrubb e Tambone fanno ripartire Varese sul 52-62 del 34', ma i belgi graffiano dal perimetro con Mwema e Fieler e fumano l'unico sorpasso sul 65-64 del 37'. L'OJM gioca con lucidità i possessi chiave: un guizzo di Cain e un dardo di Scrubb esaltano 3' di difesa di granito (65-69 al 38') e Ardue chiude. Giuseppe Sciascia
  9. L'Openjobmetis spiana l'ostacolo Cremona e riparte di slancio verso il traguardo playoff. La compagine di Attilio Caja allunga la serie positiva all'Enerxenia Arena contro la Vanoli (vittoria numero 10 su altrettanti confronti) e si prende una sonora rivincita della sconfitta del mese scorso alle Final Eight di Coppa Italia. La Varese più bella dell'anno per il mix di lucidità offensiva e intensità in retroguardia con il quale ferma a quota 6 la striscia vincente della terza forza di Meo Sacchetti e intasca un prezioso 2-0 negli scontri diretti con i biancazzurri (dal canto proprio penalizzati dall'infortunio alla caviglia che ha messo k.o. il leader Travis Diener). Bella reazione a livello tecnico e caratteriale dopo la beffa di domenica scorsa ad Avellino: i biancorossi hanno aggredito la partita con tanta voglia di rivalsa, partendo dalla certezza di una difesa determinante attorno al totem Cain (14 rimbalzi) per concedere soli 64 punti all'attacco della Vanoli (39% dal campo e 12 perse). Tante situazioni forzate e tanti recuperi, con un esplosivo Salumu (super lavoro nella ripresa sulle stelle ospiti Crawford e Sanders) a garantire sostanza a fianco dei titolari e contropiede folgoranti cavalcando un paio di momenti di ispirazione di Avramovic per nascondere una serata non felicissima nel tiro dall'arco (8/27 totale di cui 3/17 nel primo tempo). Ma stavolta l'OJM non è stata condizionata dall'esito delle conclusioni dall'arco, trovando spesso iniziative vincenti dentro l'area con il miglior Archie della stagione - solo gli arbitri lo hanno fermato con un quarto fallo discutibile e un tecnico per proteste che ha chiuso la sua gara con oltre 14' sul cronometro - e con le iniziative dal palleggio di Scrubb e Salumu. La scelta difensiva di Sacchetti aveva pagato tantissimo a Firenze; ieri ha tolto di gara Cain (comunque determinante in retroguardia) ma la Caja's band ha trovato soluzioni alternative per garantirsi punti sicuri nell'attacco a difesa schierata. Una gara complessivamente eccellente per volume di gioco espresso e quantità di energia profusa da una Varese che conferma la ritrovata condizione fisica e mentale evidenziata dopo la pausa per la Coppa Italia. Nel mese di marzo l'OJM ha steccato un quarto a Prishtina e due ad Avellino, evidenziando per il resto una ritrovata vitalità atletica su entrambi i lati del campo anche grazie alla certezza ormai acquisita rappresentata dal sesto uomo di impatto Salumu. Ora non c'è tempo per festeggiare una vittoria pur ghiottissima, che rida 4 punti di margine in chiave playoff a Ferrero e compagni: il doppio impegno contro Ostenda, il nuovo spareggio di domenica contro Brindisi e il big-match fra due settimane contro Venezia sono quattro sfide spartiacque per i destini della stagione biancorossa. La prova di forza contro la Vanoli è il miglior viatico possibile per un rush finale nel quale l'OJM di ieri può ancora recitare da protagonista in Italia e in Europa. Giuseppe Sciascia
  10. Da rete 55 Gianfranco Ponti ha deciso di lasciare la Pallacanestro Varese, in polemica con alcuni membri del club. Lo ha annunciato l’ormai ex responsabile del settore giovanile biancorosso nella tarda mattinata di oggi, venerdì, prima di partire per un viaggio di lavoro che lo terrà negli Stati Uniti almeno un mese. Ponti rivela anche di aver rifiutato,mercoledì, la carica di amministratore delegato, non trovandosi in sintonia con la maggioranza della dirigenza. Il finanziere di Angera garantiva un contributo di circa 250 mila euro al vivaio e, entro l’estate, avrebbe potuto esercitare l’opzione per l’acquisto del 20 per cento della società, che perde adesso risorse preziose per far crescere le promesse del basket.
  11. L'Openjobmetis crolla nel finale ad Avellino. Incredibile sconfitta per la formazione di Attilio Caja, che dilapida 24 punti di vantaggio accumulati grazie ad un primo tempo da spellarsi le mani e si fa infilzare in volata da un Sidigas orfana di Nichols, Filloy e D'Ercole. Grande occasione sciupata da una Varese bifronte, tanto lucida e pungente nel primo tempo da 53 punti con 10/17 da 3, quanto inconsistente e senza nerbo in una ripresa nella quale ha prodotto soli 18 punti con un glaciale 6/34 dal campo. Così Avellino, trascinata da un indomabile Caleb Green e dai gregari Harper e Campogrande, punisce una OJM totalmente fuori controllo nella gestione dei possessi dell'ultimo minuto (in serie: persa di Moore su passaggio indietro modello rugby sul più 1, rigore sbagliato da sotto da Avramovic sul meno 1 e persa sull'asse Moore-Scrubb su rimessa laterale sul meno 3). Una sconfitta che fa malissimo in una partita che poteva girare la stagione di Varese: dopo il primo tempo si pregustava una vittoria dal valore doppio ribaltando anche il meno 4 casalingo dell'andata, invece lo 0-2 negli scontri diretti con Avellino e il fiato sul collo delle inseguitrici playoff a soli 2 punti acuiscono il rammarico per uno stop davvero difficile da digerire. L'OJM dei primi 20' era stata assoluta padrona del campo tra qualità di esecuzioni corali ed efficacia del suo impianto difensivo. Quella del secondo tempo ha smesso di attaccare con aggressività, con la regia di Moore totalmente sfasata; e senza più ritmo nella circolazione di palla, Varese è andata a sbattere contro i muscoli di una Sidigas che ha girato il duello chiave a rimbalzo (14-22 nei primi 20' ma un oceanico 32-16 per gli irpini nella ripresa), e che a suon di secondi tiri ha costruito la parte iniziale della rimonta nel terzo quarto. Poi quando la palla scottava è emersa la maggior qualità di Avellino, che pur senza tre elementi di spessore ha puntato sul talento delle sue individualità. Mentre a Varese è rimasto più volte il colpo in canna con Avramovic, al quale però non è corretto gettare la croce addosso perché tutto il reparto esterni biancorosso (con l'eccezione di un Tambone gravato presto di falli) si è afflosciato nella ripresa. La sconfitta del PalaDelMauro pone nuovamente l'accento sulla eccessiva prevedibilità di Ronnie Moore in regia; al netto delle questioni economiche voler cambiare ora avrebbe senso per un giocatore interessante anche per l'anno prossimo, in ogni caso i tesseramenti in FIBA Europe Cup sono chiusi e dunque si naviga a vista fino a quando durerà l'avventura europea. Nella quale l'OJM si ritufferà mercoledì col ritorno casalingo contro Prishtina per preparare il derby contro Cremona: nella rivincita dei quarti di Coppa Italia la truppa di Caja non potrà sbagliare per sognare ancora i primi 8 posti; la rabbia per la sconfitta di Avellino andrà incanalata subito nei binari giusti nei prossimi due delicati impegni casalinghi. Giuseppe Sciascia.
×
×
  • Create New...