Jump to content

banksanity6

Vfb news
  • Content Count

    1,842
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    9

banksanity6 last won the day on June 23

banksanity6 had the most liked content!

Community Reputation

39 Excellent

About banksanity6

  • Rank
    varesefans
  • Birthday 03/20/1975

Profile Information

  • Gender
    Male

Previous Fields

  • Attività:
    lav.dipendente
  • Appassionato/a di:
    sport
  • Spettatore live o Tv?
    abbonato

Recent Profile Visitors

1,772 profile views
  1. Poi che nel primo tempo sia stato il migliore in campo sono futili dettagli.
  2. Partita tanto tosta quanto importante quella che mette di fronte la campionessa d'Italia in carica Venezia contro una Varese alla ricerca spasmodica di una vittoria che manca da 2 turni. Partita in cui i padroni di casa comandano la partita tranne un piccolo frangente nel quarto quarto dove sembra che l’inerzia sia tutta per i lagunari ma prima un suntuoso Simmons e poi un indiavolato Mayo decidono che i 2 punti devono restare sotto il Sacro Monte per una Openjobmatis da favola. Ma veniamo alle valutazioni dei singoli: Peak 5,5 : buon primo tempo soprattutto difensivamente dove è attento e reattivo ma dove non trova mai ritmo ed efficacia in attacco, cosa che si ripete anche nella ripresa ma dove non riesce ad essere così determinante nelle retrovie. STOPPER Clark 6,5 : nei primi due quarti fa finalmente vedere il perché in estate era stato scelto per il ruolo di guardia titolare. Nella ripresa forse anche per la condizione non ancora al top cala vistosamente ma mette un canestro dalla media fondamentale. Nel complesso buona prestazione sperando che il suo sia un crescendo. Notevole il suo +14 sul plus/minus che spicca su tutti gli altri. DOLCE RISVEGLIO De Vita N.E. Jakovics 6 : meno ordinato e chirurgico del solito e per questo coach Caja gli concede solo 12 minuti anche se nel poco spazio concessogli riesce comunque ad andare in doppia cifra. Fatica stranamente in difesa forse pagando il gap fisico con gli avversari ma l’intensità non gli manca mai. POLLICINO Natali S.V. Vene 7 : il suo marchio di fabbrica in attacco ormai è il suo ricciolo e il tiro preso all’altezza della lunetta. Stasera da quella posizione è una sentenza e non abusa del tiro da 3 capendo che forse non è il caso di esagerare con quel fondamentale. Sempre lucido e utilissimo in tutte le situazioni di gioco anche perché deve marcare l’avversario con più talento in assoluto che è Daye limitandolo a solo 13 punti. DETERMINANTE Simmons 9 : nei quaranta minuti regolamentare assolutamente il migliore in campo per distacco. Lotta, segna, salta, stoppa tutto quello che passa nel suo raggio d’azione e se Varese se la può giocare nei supplementari deve ringraziare il suo lungo che è autore di una prestazione da esporre al Louvre. MONNA LISA Seck N.E. Mayo 9 : partita regolamentare che forse definire normale è ingeneroso; supplementare che definire strepitoso (fatta eccezione per i 2 liberi sbagliati e che avrebbero chiuso i giochi) è limitante. Il generale riesce sempre a elevarsi ad un livello di gioco superiore agli altri e a mettersi nelle condizioni di fare sempre la differenza. MARZIANO Tambone 7 : perde il quintetto base e inizialmente non sembra avere gli stimoli giusti per far pensare al suo allenatore di aver sbagliato. Nel finale quando la contesa si fa molto tesa e difficile per Varese che fatica a trovare buone soluzioni offensive anche per mancanza di leadership dimostra di avere 2 attributi grossi come 2 cocomeri e prima guadagna 3 liberi segnandoli e poi mette una bomba che ricaccia i veneti indietro sul loro tentativo di rimonta. CAZZUTO Gandini S.V. Ferrero 6 : partita senza particolari acuti anche se il suo gancetto in entrata sta diventando una bella abitudine. Il suo minutaggio cresce anche per sopperire nel momento in cui Vene viene pescato col quarto fallo e onestamente il suo contributo difensivo è del tutto apprezzabile. In attacco un po’ appannato anche se dalla lunga a volte la fortuna non lo premia. CALIMERO
  3. Questa sera a Masnago si trovavano di fronte la seconda miglior difesa del campionato (quella di Varese) e il miglior attacco dello stesso (Brindisi), in pratica una sfida agli antipodi. Il risultato ha poi dimostrato che i padroni di casa non sanno solo aggredire difensivamente gli avversari ma, grazie ad un gioco corale ben rodato e qualche acuto dei singoli, sanno crearsi le condizioni per prendere conclusioni ad alta percentuale facendo segnare al termine della gara ben 102 punti. Partita sempre saldamente in mano ai biancorossi mentre per i pugliesi da segnalare una prestazione produttiva e generosa dell’amatissimo ex Adrian Banks che però non è stato supportato in maniera sufficiente dai suoi compagni. Ma veniamo alle valutazioni dei singoli: Peak 8 : uno se non il giocatore più chiacchierato dell’ultimo periodo per un rendimento giudicato dai molti al di sotto delle aspettative. L.J. risponde con una grande partita dove realizza si 24 punti con ottime percentuali ma il capolavoro lo fa difensivamente dove è un muro invalicabile quasi per chiunque. GRANITICO Clark 5,5 : è evidentemente ancora l’elemento che fatica maggiormente ad entrare in ritmo tant’è che anche stasera i suoi punti li realizza nel finale. Sicuramente meglio il suo approccio in retroguardia anche se si carica presto di falli che ne condizionano in parte l’intensità. Comunque ci si aspetta molto di più da lui. INCOMPIUTO De Vita N.E. Jakovics 6,5 : una serata non eccelsa al tiro con diversi errori di mira ma con sempre tanto dinamismo e accelerazioni in grado di bruciare il diretto avversario. FIAMMELLA Natali 6 : solo 5 minuti in campo per Nicola e 2 punti realizzati; apparizione ma senza dubbio positiva. COMPARSA Vene 7,5 : aveva sulla coscienza i tanti tiri aperti presi a Bologna che si erano mestamente infranti sul ferro, quindi decide di farsi perdonare dai suoi tifosi andando a riempire tutte le caselle dello scout dimostrando ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, che è il play occulto della OJM registrando 7 assist e un sacco di giocate di una intelligenza cestistica imbarazzante. EINSTEIN Simmons 7,5 : anche oggi con un punteggio non certo a rischio rimane in campo per ben 36 minuti sfiorando nuovamente la doppia doppia. Dimostra di saper essere bidimensionale realizzando entrambi i tiri presi dalla media e riuscendo così ad aprire la difesa brindisina che non lo può battezzare lontano da canestro. Buoni anche i fondamentali da pivot puro nel pitturato. I lunghi brindisini non sanno come limitarlo. ENIGMA Seck N.E. Mayo 8 : altra partita da leader vero che quando viene fatto sedere per il meritato riposo si fa notare per la sua assenza. Fatica sicuramente in avvicinamento al ferro sbagliando qualche conclusione di troppo ma dalla lunga è pericolosissimo e dalla linea della carità è una macchina realizzando 12 tiri su 12. Trascina i suoi quando serve e quando si mette in proprio sa essere devastante. TERMINETOR Tambone 5 : parte nel quintetto iniziale e lo fa col piglio giusto mettendo subito una tripla. Poi qualche errore soprattutto sulle rotazioni difensive che inducono Caja a sostituirlo e per questo i 2 non se le mandano a dire. Rimane seduto tutto il primo tempo e ributtato nella mischia non riesce ad essere incisivo e alla fine non ne esce una prestazione confortante. FUMINO Gandini N.E. Ferrero 6,5 : il capitano mette a referto 10 punti frutto di 4 tiri che trovano tutti il fondo della retina uscendo dal campo con il 100% di realizzazione. Anche l’approccio difensivo non lascia a desiderare insomma si può tranquillamente parlare di prestazione confortante. GARANZIA
  4. Dopo tanti, troppi anni torna come avversaria di Varese a Masnago la Fortitudo Bologna che dopo diverse stagioni di purgatorio ritrova la massima serie presentandosi alla terza giornata ancora a puneteggio pieno, ma il rotorno sotto il Sacro Monte per la F è indigesto. Inizio abbastanza equilibrato tra le 2 squadre anche se Varese rimane sempre in vantaggio; vantaggio che diventa considerevole a metà incontro con un più 18 per i padroni di casa. Grazie al break del secondo quarto Ferrero e compagni riescono poi a controllare agevolmente l’andamento dell’incontro incrementando ulteriormente il divario non lasciando ai felsinei nessuna speranza di ricucire lo strappo che alla fine sarà di 23 punti. Ma veniamo alle valutazioni dei singoli: Peak 5,5 : del quintetto base è quello che ad ora sembra non ancora completamente inserito nei meccanismi; fatica su entrambi i lati del campo in particolare in difesa dove complice qualche ingenuità sui falli (i 4 a suo carico ne condizionano le rotazioni) e qualche amnesia in marcatura su Aradori (4 volte lasciato libero di prendere la mira con metri di spazio e lui collassato in area) sono un peccato che oggi non è stato pagato ma che in futuro potrebbe costare caro. SMEMORANDA Tepic 5,5 : l’impegno e la volontà non mancano e poi finalmente questa sera riesce a mettere a segno i primi punti del campionato segnando una bomba allo scadere dei 24, ma onestamente è ancora troppo poco. S…BLOCCATO De Vita N.E. Jakovics 8 : oggetto misterioso dai più battezzato come il solito rimpiazzo a basso costo ma inadeguato al livello delle serie A italiana questa sera sorprende tutti con una prestazione fantastica. Tenacia in difesa l’aveva già mostrata ma la sua aggressività mette fuori partita Stipcevic ma il suo capolavoro lo scolpisce in attacco con una prestazione balistica grandiosa con 4 su 6 da 3 e 3 su 6 da 2. Si vuole giocare le sue carte per allungare il suo contratto che sta per scadere. MICHELANGELO Natali 6 : mette a referto solo 2 punti ma su una azione molto spettacolare, poi il solito lavoro sporco atto a far inceppare i meccanismi offensivi avversari con buoni risultati. GUASTATORE Vene 7,5 : insieme al lettone risulta il miglior marcatore della partita con 19 punti tra i più silenziosi che si ricordino. Oltre ad aver trovato la via del canestro con continuità recupera 5 rimbazi e distribuisce 3 assist e difende in modo irreprensibile insomma un giocatore totale. ONNIVORO Simmons 7 : parte fortissimo con intensità e precisione; unica pecca della sua partita la precisione del tiro dalla lunetta dove chiude con un 1 su 5. Potrebbe registrare la sua seconda doppia doppia consecutiva ma per un punto non ci riesce; in compenso domina i lunghi avversari recuperando 13 carambole il tutto impreziosito da 4 assist che sanno di pennellate artistiche, statistica inconsueta per lui. PITTORE Seck N.E. Mayo 7 : non replica la prestazione monstre di una settimana fa ma dirige l’orchestra in maniera diligente e sapiente. Se i suoi compagni lo seguono lui lascia volentieri le luci della ribalta ad altri e gestisce ritmi e giochi da vero guru del parquet. RICCARDO MUTI Tambone 6 : nuovamente schierato nel quintetto base come guardia mostra i suoi lati migliori con la squadra che attacca mentre difensivamente spesso viene ripreso in maniera vivace da Caja. In attacco seleziona accuratamente le conclusioni e per questo le sue percentuali ne giovano. PRECISETTI Gandini 6 : impiegato solo 5 minuti ma nonostante ciò si rende utile recuperando 4 rimbalzi e facendo riposare Simmons. DUTTILE Ferrero 6 : vuoi per la ottima prestazione di Vene, vuoi per qualche conclusione pregevole ma sfortunata, il suo impiego è inferiore al solito ma comunque sufficiente. CENTELLINATO
  5. Esordio per la Openjobmetis 2019/20 a dir poco deludente se non deprimente. L’avversaria non era certo tra le più abbordabili, stiamo parlando della fresca vincitrice della Super Coppa italiana, la Dinamo Sassari guidata dalla vecchia conoscenza Pozzecco per cui portare a casa i 2 punti non era certo scontato ma la prestazione dei padroni di casa è stata a dir poco sconfortante sotto tutti i punti di vista, tecnico, di atteggiamento e di combattività durata un quarto e poi ogni pezzo del sistema è drammaticamente andato alla deriva, cominciando da chi è il leader designato da inizio stagione per continuare con il resto della ciurma. A preoccupare in particolare è stata la faccia dei giocatori, che sono sembrati capitati a Masnago quasi per caso e anche l’atteggiamento del coach che ha insolitamente alzato bandiera bianca già a metà partita (il fatto che non si sia più “agitato” come sua consuetudine è stato un segno lampante per tutti) per poi concludere in bellezza nella conferenza stampa di fine gara, adducendo scusanti a dir poco vaneggianti dove si faceva presente che i suoi giocatori erano privi di esperienza…Quando tutta la campagna acquisti è stata incentrata proprio sulla scelta di atleti con esperienza nel campionato italiano. La speranza di tutti è che sia stata la serata no per antonomasia ma le preoccupazioni dei presenti non lasceranno dormire sogni tranquilli a nessuno. Ma veniamo alle valutazioni dei singoli: Peak 5 : l’unico minimamente ficcante in penetrazione grazie ai suoi muscoli anche se non è continuo e come i suoi compagni da fuori non la mette mai. FISICATO Tepic 4,5 : non è una campagna denigratoria nei suoi confronti ma dà la prova tangibile, se ancora ce ne fosse bisogno, che uno straniero con questo impatto Varese non se lo può proprio permettere. INADEGUATO De Vita N.E. Jakovics 4,5 : impiegato principalmente come play non riesce mai ad entrare in ritmo tant’è che scheggia il ferro su tutte le conclusioni che si prende ma forse la sua resa sarebbe potuta essere diversa se schierato nel suo ruolo naturale di guardia. Almeno si sbatte in difesa. SNATURATO Natali 5,5 : lasciato in campo 17 minuti è uno dei meno peggio per impegno e per impatto ma questo è uno dei tanti segnali che questa sera Varese è stata in grossa difficoltà. OPERAIO Vene 5 : atteggiamento quasi svogliato quello dell’estone che non riesce ad incidere in nessuno dei suoi punti di forza e che viene trascinato come tutti i suoi compagni nella centrifuga sarda. SBALLOTTATO Simmons 5 : riesce a tener botta difensivamente nel primo quarto poi viene ripetutamente superato dalla batteria di lunghi sassaresi che, anche grazie ad una maggior freschezza, vincono senza strafare la sfida. SCHIACCIATO Seck N.E. Mayo 4 : considerando che dovrebbe essere il leader, questa sera porta a casa il premio per il peggiore in campo. Mai decisivo nelle poche penetrazioni provate, non trova quasi mai il canestro con la conclusione da lontano ma soprattutto scompare quando i suoi compagni più avrebbero avuto bisogno della sua guida, altro che generale. SOLDATO SEMPLICE Tambone 5 : partenza in quintetto per il numero 15 nel ruolo di guardia dove sembra trovarsi a suo agio tant’è che riesce ad andare a segno con continuità per tutto il primo quarto poi si inceppa in attacco e il suo approccio difensivo è paragonabile ad un colabrodo. FUOCO DI PAGLIA Gandini 5,5 : gioca solo 5 minuti nei quali non riesce a dare grande impatto anche perché la sua velocità non lo aiuta per seguire i veloci lungagnoni avversari. PLANTIGRADO Ferrero 5,5 : il capitano è quello che almeno ci prova e nel finale riesce ad infilare qualche canestro non semplice anche se non basta per poter portare a casa una sufficienza perché oggi ha perso tutta la squadra. ULTIMO DEI MOHICANI
  6. Ma in base a quale lungimirante ragionamento Clark deve essere il pacco del secolo? I tempi con cui lo si da in condizione di giocare sono assolutamente quelli dichiarati al tempo dell'infortunio. Secondo me sarà una piacevolissima sorpresa... @Roberto questa è solo da schiacciare non deludermi...
  7. Alla causa delle nostre pretendenti alla salvezza sicuro.
  8. Fermo restando che non mi entusiasma Biliga e non è certo uno che sposta ma qualche piccola cosa buona anche contro la corazzata serba l'ha fatta.
  9. Niente di personale con Tepic ma a parte che è molto indietro di condizione per essersi allenato molto poco non mi pare che sia il tassello migliore per sopperire all'emergenza. Ieri peggiore in campo insieme a Nik.
×
×
  • Create New...