Jump to content

finalmente un segnale di vita...Grande Cimberio


Recommended Posts

  • Replies 179
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Eccola qui...

«Qui si rischia, non voglio retrocedere A questi ragazzi manca il sorriso»

II cavalier Cimbcrio: «Fratcs ha sbagliato dicendo "non vinceremo lo scudetto". Sa di presa in giro Pubblico strepitoso nel sostenerci. Merita che cambi qualcosa. Vorrei la squadra insieme a cena»

DI FRANCESCO CAIELLI

A noi è venuta in mente una sola persona, da ascoltare e da fare ascoltare. Perché la Pallacanestro Varese e i suoi tifosi ora hanno bisogno di qualcuno che sappia usare il bastone senza urlare, che bacchetti senza picchiare, che dica quel che c'è da dire con l'autorevolezza di chi sa farsi sentire. Sì, un solo nome: Renzo Cimberio. Arrabbiato anche lui, esattamente come tutti i tifosi, dopo l'ennesima delusione: giustamente arrabbiato. «Perché -dice Cimberio - la gente ne ha piene le scatole: sbagliare si può, continuare e perseverare nell'errore no. Mi dispiace».

Cosa, le dispiace? Mi dispiace essere qui a dover dire queste cose: perché mi toccherà parlare male di qualche giocatore e dell'allenatore, e la cosa non mi fa certo piacere.

Ha carta bianca: da chi iniziamo? Questa squadra ha dei problemi, che sono tutti lì da vedere. Io sono legato a un basket d'altri tempi, vecchie regole che dicono essere superate ma che invece secondo me sono validissime.

Ovvero? Una squadra deve partire dall'asse fondamentale: play-pivot. Da lì passano le fortune o le sfortune: l'anno scorso, per esempio, il nostro successo partiva dalla coppia Green-Dunston.

E quest'anno? Quest'anno, purtroppo, non ci siamo. Clark è un grande attaccante che si esalta se gli entrano i primi due tiri, ma non è in grado di far girare la squadra. E, soprattutto, non è capace di dare del tu ai centri: altro punto dolente. Sentiamo... Hassell è lì da vedere: e mi spiace pure perché ce la mette tutta sto ragazzone. Però è la classica persona sbagliata al posto sbagliato. Scekic, invece.

Invece? Male, male davvero. È stato tenuto in campo per tutto il terzo periodo, e ne ha combinate di tutti i colori: quel parziale clamoroso e inaccettabile, è arrivato per colpa sua. E di chi l'ha lasciato dentro per così tanto.

Ne ha anche per Frates? Quando ha fatto bene non ho avuto problemi a riconoscerlo, non ho problemi ora a dirgli che non mi è piaciuto.

In cosa non le è piaciuto? Se una squadra prende un parziale come quello che ha preso Varese nel terzo periodo, l'allenatore non può ritenersi esente da colpe. Non ha trovato le mosse giuste per cambiare le cose, e quel che ha provato a fare si è rivelato sbagliato.

Lei cosa avrebbe fatto? Di sicuro, non mi sarei messo a zona negli ultimi tre minuti. Dovevamo recuperare e giocarci il tutto per tutto: difesa asfissiante, mani addosso, e correre. E avrei finito con De Nicolao in campo. E non ho mica finito.

Prego. Non mi sono piaciute le sue dichiarazioni dopo la partita: «Non vinceremo lo scudetto». Signori, sveglia e non prendiamoci in giro: qui si retrocede, altro che scherzare sugli obiettivi. Veri o presunti che siano.

Si retrocede: non sta esagerando? Ma prendete in mano il calendario, per cortesia. Abbiamo davanti otto partite nelle quali rischiamo di fare zero punti: zero. E allora chiedetemelo tra un paio di mesi se sto esagerando: chiedetemelo tra otto partite.

Soluzioni? Bisogna intervenire: anche perché la gente adesso è arrabbiata perché crede che la società sia immobile. Bisogna dare il segnale della volontà di raddrizzare questa stagione. Le cose positive da cui partire ci sono.

Tipo? La gente, la gente è incredibile. Con Roma c'era il palazzetto pieno, e anche quando la squadra era sotto di venti punti tutti la incitavano e facevano il tifo. Apartire dagli Arditi che hanno trascinato gli altri fino all'ultimo dei tifosi. Questa gente merita delle risposte. Uscendo dal palazzetto mi hanno fermato in trenta persone, almeno. E tutti quanti mi hanno chiesto: "Cavaliere, che facciamo?".

E come si può rispondere? Non posso e non voglio essere io a dire alla società cosa fare. Ho le mie idee, le tengo per me. Anche se, leggendo tra le righe di quello che ho detto, credo che si sia capito quello che penso.

Dove interverrebbe, se potesse? Sul reparto lunghi: così, non si può andare avanti. Perché si rischia grosso, qui.

Retrocessione, poi cosa si rischia? Dovesse arrivare la salvezza, e non posso pensare a qualcosa di diverso, questo campionato così brutto rischia di rovinare molto di quel che si è costruito.

Ovvero? Quest'anno ci sono tremilatrecento abbonati, l'anno prossimo rischiamo di trovarcene la metà. E il sottoscritto, al momento non è certo contento: perché non mi piace andare in giro per l'Italia a farmi ridere dietro.

È il momento di dare qualche messaggio positivo, però.

Io continuo ad avere grandissima fiducia in Cecco Vescovi e Michele Lo Nero: so che hanno le capacità e la forza per cambiare questa situazione. E so che hanno anche la volontà di farlo.

Lei, se potesse dare un consiglio a Cecco e i suoi, cosa direbbe? Bisogna recuperare lo spirito giusto, la chimica dello spogliatoio, il clima. Quest'anno non c'è, e secondo me non c'è mai stato: lo si ricrei al più presto.

E come? Portate fuori questi ragazzi, fateli stare insieme, fateli divertire. L'anno scorso vedevo che tutti andavano alla Botte dopo la partita per mangiare la pizza insieme, quest'anno secondo me ognuno va per i fatti suoi.

Ci proviamo? Dobbiamo provarci: varrebbe più di un acquisto azzeccato o di un cambio di allenatore. Lunedì su La Provincia c'era una mia foto con gli auguri ai lettori e la mia frase: "Vincere ancora, insieme". Mica avevo bevuto quando l'ho detto, sapete? Io ci credo: credo in una squadra diversa, a partire dalle facce. Che non avremmo vinto lo scudetto lo sapevamo già: solo, speravamo di divertirci un po'di più.

Edited by simon89
Link to comment
Share on other sites

Commento tratto da Sportando, ma da utente "selezionato"

"Tiriamo le somme: colpe che vanno divise tra tutti, anche se qualcuno ha più colpe e altri meno, ma da questo ne devono uscire insieme, ed è quel poco che manca per far rendere la squadra in modo dignitoso e chiudere tra il 7 e il 12 posto (meglio ai playoff per i €€€€€) in base a come si muovono le altre. Ultima cosa sul Cav. Cimberio, il suo sfogo ha senso e motivo, perché la società ha chiesto a lui ed altri sponsor se erano disposti a mettere un piccolo capitale in più per fare 1/2 aggiunte, lui insieme ad altri 3 sponsor ha accettato, ma quei soldi non sono ancora stati utilizzati seppur già versati, e lui dicono essere un po' arrabbiato perché avrebbe voluto vedere subito un cambio, che non è avvenuto perché Varese stava cercando giocatori che chiedevano meno di quello che ora è disponibile, e quindi hanno preferito ridondare il mercato, e ora ci siamo quasi, inoltre un'agente molto importante sta lavorando alla vendita di Hassell, facendo un lavoro che per ora è ottimo e diventerebbe magistrale se completato."

Link to comment
Share on other sites

Considerando che sa benissimo che se c'é da intervenire lui é l'unico portafogli.....

Ripeto:neanche se lo sento di persona.

Considerando anche da chi é firmato l'articolo e su che"giornale" é pubblicata....

Beh capisco quello che dici ma che l'articolo sia uscito senza nemmeno il benestare del cavalier Cimberio mi pare esagerato.

Caielli e la provincia sarebbero da denuncia e considerando chi è il nuovo sponsor della provincia...mi pare difficile.

Comunque parole sante, pesanti quanto volete ma di tutto rispetto.

Che qualcuno le recepisca per favore.

Link to comment
Share on other sites

Commento tratto da Sportando, ma da utente "selezionato"

"Tiriamo le somme: colpe che vanno divise tra tutti, anche se qualcuno ha più colpe e altri meno, ma da questo ne devono uscire insieme, ed è quel poco che manca per far rendere la squadra in modo dignitoso e chiudere tra il 7 e il 12 posto (meglio ai playoff per i €€€€€) in base a come si muovono le altre. Ultima cosa sul Cav. Cimberio, il suo sfogo ha senso e motivo, perché la società ha chiesto a lui ed altri sponsor se erano disposti a mettere un piccolo capitale in più per fare 1/2 aggiunte, lui insieme ad altri 3 sponsor ha accettato, ma quei soldi non sono ancora stati utilizzati seppur già versati, e lui dicono essere un po' arrabbiato perché avrebbe voluto vedere subito un cambio, che non è avvenuto perché Varese stava cercando giocatori che chiedevano meno di quello che ora è disponibile, e quindi hanno preferito ridondare il mercato, e ora ci siamo quasi, inoltre un'agente molto importante sta lavorando alla vendita di Hassell, facendo un lavoro che per ora è ottimo e diventerebbe magistrale se completato."

interessante

Link to comment
Share on other sites

Pazzesco, qui Cimberio parla per se con le parole di tutta Varese e stiamo qui a polemizzare su Caielli?! Ma vadavial......

Pensavo di aprire questa lettura e trovare monumenti equestri al sciur Renzo, invece siamo qui a fare l'analisi del periodo per verificarne l'autenticità...

Detto questo e chi abbia detto cosa, parole del genere sill'house organ della Pallacanestro Varese pesano il doppio, incluso l'editoriale a margine di Caielli.

"Lo abbiamo difeso contro tutti e tutto, prendendoci gli insulti e le accuse della gente. Proprio per questo non ci facciamo problemi a dire che ha sbagliato." (Riferito alla famosa conferenza stampa).

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...